7

Cosa ho imparato, cosa sto imparando

Ogni tanto arriva il momento di tirare le somme e di capire cosa stai facendo, come lo stai facendo, dove stai andando. Ma soprattutto cosa hai imparato e cosa devi ancora imparare. Crisi esistenziale?

No, anche io ho dei momenti liberi. Ma quando hai un po’ di tempo e il mare a due passi ti capita di dedicare qualche minuto a riflessioni così profonde. Tra un tuffo e l’altro, si capisce.

Perché le riflessioni più importanti – almeno per me è così – nascono dalla conoscenza immagazzinata. E si snocciolano attraverso la condivisione. Condividere conoscenza è un dovere per un blogger, anche e soprattutto quando si tratta di conoscenza nata dall’esperienza personale.

E tu lo sai: io amo condividere le mie esperienze professionali.

Continue Reading

3

Cosa può insegnare Jack Ma a un freelance

In questi giorni il nome di Jack Ma è sulla tastiera di blogger e giornalisti.

Tu sai chi è Jack Ma, vero? Sto parlando del fondatore e presidente di Alibaba Group, compagnia cinese impegnata nel commercio elettronico con numeri da capogiro. Pensa che nel 2013 ha realizzato vendite per 248 miliardi di dollari, più di Amazon ed eBay messe insieme (fonte).

jack ma

Jack Ma si è fatto notare dal sottobosco web per una frase dura: “Se siete ancora poveri a 35 anni lo meritate”. Ho pensato molto alle parole di Jack Ma, ho pensato alla condizione di tanti colleghi.

Duro? Esagerato? Forse, ma le parole di un’affermazione non rendono giustizia all’esperienza di un individuo. Così ho dato uno sguardo alla vita di Jack Ma. E ho scoperto un dettaglio importante, un dettaglio che può aiutare tutti i freelance.

Continue Reading

4

Persuasive blogging: la tecnica della personalizzazione

I giornalisti di Studio Aperto, quando parlano di tragedie e lutti, sono maestri della personalizzazione della notizia. Ovvero una tecnica che fa leva sul superamento del confine tra critica e cronaca.

Non esiste più questa differenza. La cronaca diventa critica attraverso un pathos trasmesso attraverso il tono della voce e parole ben studiate: “Una madre dolce e apprensiva uccisa da un marito troppo spesso ubriaco”. E poi il tocco di classe: “Potrebbe esserci chiunque al posto della vittima”.

persuasive blogging

Per fare persuasive_blogging ci vuole il fisico – Fonte immagine

Un colpo basso, ecco. Ma efficace. Perché il questo modo il cronista buca lo schermo e chiama in causa il personaggio seduto sul divano che, nella tranquillità del suo salotto, sprofonda nel terrore.

Potresti esserci tu. Punta il dito verso di te, verso la persona che sta ascoltando. Basta parlare di Studio Aperto: questa tecnica la puoi usare anche tu, devi puntare sul persuasive blogging.

Continue Reading

9

Come ottenere l’effetto “un post tira l’altro”

Ecco, sto arrossendo… Ieri mi hanno fatto un complimento su Twitter, un complimento che ho apprezzato molto perché sottolinea una caratteristica tecnica della mia scrittura su My Social Web.

In particolar modo questo lettore (che ringrazio) sottolinea un aspetto: leggo un post e poi ne leggo un altro, ogni post mi porta a leggere qualcosa di precedente. E ad aspettare quello successivo.

Questo è l’effetto “un post tira l’altro”. E sai una cosa: non è un caso. Non è un risultato casuale ma qualcosa che puoi stabilire a tavolino, a priori, prima ancora che il lettore arrivi sul tuo blog. Il risultato è garantito? Andiamo, niente è sicuro nel mondo del blogging.

Ma le percentuali di successo aumentano se segui questi consigli!

Continue Reading

13

Pagare in base ai risultati: anche no, grazie!

Ancora oggi ascolto storie di amici e colleghi che devono sopportare l’angheria del pagamento definito in base ai risultati ottenuti. Risultati che, secondo la mia esperienza, sono quasi sempre zero.

Chissà perché. Forse perché qualcuno – forse chi deve pagare – non ha nessun interesse a mostrare dei risultati. Ma queste sono illazioni, non voglio certo generalizzare. No, non è intenzione.

risultati

Fonte immagine: Flickr

Voglio solo dare un consiglio: se la tua azione non è perfettamente misurabile in modo indipendente, e se non hai il pieno controllo delle azioni, non accettate pagamenti in base ai risultati.

Anche a me hanno proposto di lavorare e di essere pagato in base ai risultati. Di scrivere e di essere pagato in base alle vendite ottenute grazie a un testo. Grazie a una newsletter. Grazie a un post o a una landing page.

Continue Reading