8

Cosa ti spinge a diventare freelance?

Voglio continuare la mia discussione intorno al mondo del lavoro online. Pochi giorni fa ho dedicato spazio alle professioni del web, ieri mi sono occupato del dipendente. Oggi tocca al freelance.

Il freelance che decide di lavorare nel settore web marketing deve affrontare difficoltà bibliche: clienti che non pagano, partita IVA, stress a quantità industriali, clienti che non pagano, tasse, commercialista, telefonate alle 23.54, lavori da consegnare ieri. E poi i clienti che non pagano, ovvio.

diventare freelance

Diventare freelance vuol dire tutto questo. E nel mondo del web marketing c’è anche un altro fattore da considerare: la continua necessità di aggiornamento. Il mondo cambia in fretta, devi essere in grado di cogliere immediatamente gli sviluppi del tuo campo altrimenti sei fuori dal giro.

Quindi, ecco la sintesi: futuro incerto, soddisfazioni personali da strappare con le unghie, concorrenza a secchiate, stress da farti cadere i capelli (anche se i miei a 34 anni resistono), poco tempo libero, un fegato immenso a causa delle tasse e dei clienti che giocano a nascondino.

Continue Reading

15

I dipendenti non esistono più

Questo articolo rischia di attirare l’astio di molti.

Però mi sento di lasciare la mia opinione, perché questo è un argomento centrale per chi lavora in una web agency. Ovvero per i dipendenti che condividono il progetto di chi ha avuto un’idea.

Uniamoci, facciamo qualcosa di speciale. Qualcosa di grande. Ci sono progetti che ti fanno perdere la testa, e che cercano nuove forze per gestire campagne SEO, attività di web copywriting, blogging, AdWord, Facebook Advertising, Social Media Marketing. Hanno bisogno di gente in gamba.

Tu sei tra questi. Tu sei un dipendente. Sei uno di quelli che ogni giorno odia i freelance che continuano a lavorare in pigiama e pantofole, ma li benedice con il gesto dell’ombrello quando l’orologio segna le 18.30 o quando arriva il week end. Questo sei tu, vero? Bene, ho una notizia per te.

Continue Reading

10

Quali insidie nascondono le interviste sul blog?

Le interviste sono una risorsa importante per il tuo blog. Le persone amano le interviste, vogliono ascoltare le opinioni dei personaggi più importanti del settore. E questo i blogger lo sanno bene.

Ma sanno anche che le interviste sono uno strumento essenziale per portare traffico, per dare vigore alla propria attività: pubblicare un’intervista vuol dire rinfrescare i contenuti e sfruttare la visibilità dell’intervistato che condividerà (quasi) sicuramente il post su Facebook e Twitter.

interviste

L’intervistato invece si gode il suo quarto d’ora di visibilità, e raggiunge un pubblico nuovo grazie alla visibilità offerta dal blogger che ha deciso di chiedere la sua opinione. Una situazione perfetta.

D’altro canto ci sono delle insidie per chi decide di intervistare i colleghi blogger. Ci sono dei punti da chiarire per evitare brutte sorprese. Ieri ho letto l’ottimo articolo di Bennaker dedicato ai benefici delle interviste nel mondo del blogging. Voglio completarlo con le difficoltà da evitare e affrontare.

Continue Reading

11

Blog aziendale: 3 buoni motivi per pubblicare con nome e cognome

Ci sto prendendo gusto. Anche questo fine settimana sono stato a spasso per l’Italia, ho tenuto una lezione dedicata al mondo del blogging al Coworking Varese. E ho cercato di rispondere nel miglior modo possibile a tutte le domande, perché il bello della formazione è questo.

Devi seguire una linea, ma devi anche soddisfare le curiosità del singolo.

Una delle più interessanti è stata quella legata all’identità del blogger aziendale. C’è un’azienda, c’è un blog legato a questa realtà e ci sono i dipendenti che scrivono con un ritmo quasi giornaliero. Tre articoli a settimana, perché scrivere ogni giorno è un’impresa: dobbiamo anche lavorare!

blog aziendale

In ogni caso il blog cresce con un buon ritmo. Ma all’improvviso scopri che gli articoli non hanno un’identità. Non hanno un nome. Il blog aziendale è stato privato delle singole identità.

Continue Reading

0

Scrivere per il web: 5 e-card per spiegare il mio lavoro

Le e-card sono delle cartoline elettroniche, dei contenuti per veicolare un messaggio. In questo settore, piuttosto ampio a dirla tutta, è nata una subcultura meme che fa riferimento a Someecards. Ovvero un archivio di cartoline ironiche riconoscibili immediatamente grazie a una grafica old school.

freelance

Scrivere per il web. Stavo cercando dei contenuti dedicati all’argomento, e all’improvviso mi sono ritrovato su Pinterest: c’è un intero filone di e-card dedicate alla scrittura sul web e al copywriting.

Una piccola fortuna per chi, come me, è sempre alla ricerca di contenuti alternativi per comunicare i principi di una buona attività di web writing. Quindi ho selezionato le migliori e-card per spiegare come scrivere per il web in 5 punti essenziali. Mi raccomando: sono tutte da condividere su Pinterest.

Continue Reading