6

Come aumentare le visite del blog con Twitter

Ok, ci sono tanti parametri da osservare e ottimizzare quando lavori nel mondo del blogging. Non basta aumentare le visite. Anzi. Questo è il numero più facile da fraintendere. Ho aumentato le visite quindi sono il re della rete, sono il sovrano assoluto del mondo digitale (ti piacerebbe, vero?).

aumentare le visite del blog Twitter

In realtà non è così. Aumentare le visite è un mezzo per raggiungere le conversioni. Se una visita è inutile al tuo scopo, in modo diretto o indiretto, forse stai lavorando nella direzione sbagliata.

Continue Reading

8

LinkedIn Pulse: futuro del blogging o spalla di WordPress?

LinkedIn Pulse, argomento avvincente per gli appassionati di blogging. Ma anche per chi vuole spingere sul personal branding. Il motivo di tutta questo movimento intorno a Pulse è semplice: è una delle migliori piattaforme per sostituire il tanto amato blog personale su WordPress. Sul serio.

Partiamo da una domanda: cos’è LinkedIn Pulse? Un blog collegato al tuo profilo LinkedIn, un CMS che ti permette di creare dei contenuti, una realtà valida e tecnicamente ineccepibile che ti permette di fare una buona attività di blogging. Anche senza avere grandi conoscenze tecniche.

linkedin pulse

Hai titolo, immagini, testo che puoi formattare e arricchire come preferisci. Certo, non è il massimo in termini di personalizzazione: ci sono dei pulsanti social standard, la stessa cosa vale per i commenti e per altre soluzioni estetiche. Ovviamente non hai accesso al codice e non puoi montare plugin.

Inoltre Pulse ha lo stesso problema di tutte le strutture private: non sei proprietario di quello che pubblichi. Però fa bene il suo lavoro e ti  permette di integrare l’attività di blogging con LinkedIn. Ovvero un punto di riferimento per chi vuole creare e alimentare una rete di rapporti professionali.

Continue Reading

14

5 motivi per non bloggare in inglese

Ieri ho scoperto una cosa fantastica: una ragazza ha tradotto un articolo di My Social Web. E lo ha fatto dannatamente bene, sembrava l’articolo di un vero professionista del web. Uno di quelli che ricevono 200 retweet in pochi minuti, e che noi italiani usiamo per creare articoli più o meno interessanti.

Proprio così, noi siamo sempre affascinati da chi scrive in inglese. Chissà perché.

In ogni caso scrivere e pubblicare gli articoli in inglese porta una serie di vantaggi difficili da ignorare. In primo luogo hai un bacino più ampio, puoi rivolgerti a un pubblico immenso e quindi puntare a numeri maggiori. Puoi aumentare le visite, le condivisioni, i commenti. E puoi aumentare la tua autorevolezza.

articolo inglese

Puoi uscire da questo simpatico giardinetto che è l’Italia. Puoi far conoscere ovunque il tuo blog. Ci sono diversi svantaggi da affrontare e calcolare se vuoi iniziare questa nuova avventura. I vantaggi di un articolo tradotto in inglese li conosci, ma oggi voglio lasciarti 5 motivi per non bloggare in inglese.

Continue Reading

17

8 consigli per commentare come un vero blogger

Esiste un sentimento che caratterizza tutti i blogger? Sì, la necessità di aumentare le visite. Poi c’è il desiderio di guadagnare con il blog, di far impazzire le metriche di Analytics. Ancora uno? Punto tutto sui commenti: i blogger amano gli interventi del pubblico. Soprattutto se sono ricchi e numerosi.

Un blog con un buon numero di commenti è un progetto ben avviato, una piattaforma che richiama l’attenzione del pubblico e che si trasforma in punto di riferimento per la nicchia. Insomma, un blog che diventa punto di discussione è uno degli obiettivi intermedi di ogni blogger che si rispetti.

commentare

Ma sai qual è uno dei punti fondamentali per aumentare i commenti sul tuo blog? Dare quello che vuoi ricevere. Sì, hai capito bene: per portare lettori attivi sul tuo blog devi iniziare tu, devi commentare i blog delle persone che lavorano nel tuo stesso settore. E lo devi fare in un modo ben preciso.

Non sto ammettendo l’esistenza di un manuale del buon commentatore, anche se gli articoli dedicati al comment marketing si spingono verso questa direzione: un uso chirurgico dei commenti per raggiungere obiettivi precisi. In questo articolo, invece, voglio sottolineare l’esistenza di un galateo che indica i punti essenziali per commentare un post come un vero signore.

Continue Reading

5

Usa la brand butterfly per guadagnare di più

Il mondo dei freelance è duro e ricco di insidie. Devi superare le avversità della partita IVA, devi affrontare i clienti che non pagano, il duro mondo dei preventivi non accettati e la ricerca dei nuovi clienti. Sì, è una gran fatica. Ma la passione ripaga tutte le difficoltà di questo mondo, vero?

Usa la brand butterfly per guadagnare di più

Risposta affermativa. Ma c’è un punto da approfondire. C’è un dettaglio che ha sempre bisogno della tua attenzione e che vorresti migliorare. Vorresti dare una spinta gli incassi e guadagnare di più. Non per forza aumentando i clienti, ma proponendo dei prezzi degni di questo nome.

Conosci il principio di Pareto, vero? La maggior parte dei tuoi guadagni deve arrivare da una ristretta cerchia di clienti. Non uno solo, altrimenti rischi di puntare tutto su un nome che ti può abbandonare all’improvviso. Sei sempre un libero professionista, e questi sono i rischi del mestiere. Lo sai bene.

Continue Reading