8

WordPress SEO by Yoast: i falsi miti della focus keyword

Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

WordPress SEO by Yoast è uno dei plugin indispensabili, un’estensione che non puoi ignorare. Ci sono decine di dettagli da settare, ma i vantaggi che puoi ottenere sono inimmaginabili. Soprattutto quando decidi che è arrivato il momento di ottimizzare i contenuti rispetto ai motori di ricerca.

WordPress SEO by Yoast - focus keyword

Dico “soprattutto” perché WordPress SEO by Yoast non riguarda solo Mountain View: ci sono delle opzioni per migliorare la tua attività di Social Media Marketing. Un esempio? Con questo plugin puoi attivare le Twitter Card e migliorare la preview su Facebook, Pinterest e Goolge Plus.

Ecco un accessorio che devi attivare e regolare nel miglior modo possibile. Però c’è un problema: WordPress SEO by Yoast ha portato i blogger alle prime armi verso il baratro della semplicità. Basta impostare la focus keyword e guadagnare il semaforo verde per ottenere buoni risultati?

Non funziona così, non è sufficiente rispettare la lista. Senza dimenticare che ci sono diversi problemi in agguato per i blogger che confidano troppo in Joost de Valk. Tu li conosci? Scopriamoli insieme.

Continue Reading

6

Come migliorare gli articoli e soddisfare (sul serio) le esigenze dei lettori

Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Il concetto legato ai contenuti di qualità è relativo. Molto relativo, soprattutto quando vuoi migliorare gli articoli. A me piace ragionare in questi termini quando scrivo: devo dare la migliore opzione possibile, devo fare in modo che le persone siano soddisfatte del mio lavoro. Della mia attività di web writer.

migliorare gli articoli

Per la precisione, devo assicurarmi che le persone giuste trovino l’articolo definitivo per quell’esigenza. E in quel determinato momento. Qui si intrecciano le abilità e le competenze, qui si risolve il dubbio esistenziale di ogni blogger: meglio scrivere un articolo lungo o uno breve?

Meglio scrivere un articolo giusto, approfondendo i punti necessari e non vomitando testo per soddisfare il tuo desiderio di quantità. Che spesso viene confuso con il bisogno dei lettori di trovare informazioni chiare, sintetiche. Ma al tempo stesso complete. Vuoi soddisfare queste esigenze?

Continue Reading

11

Aprire un blog e guadagnare: pro e contro di 5 soluzioni

Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Tutti vogliono aprire un blog e guadagnare soldi, monetizzare l’attività di web writer e vivere sfruttando la passione verso un argomento. Perché è proprio questo il punto: hai bisogno di diversi ingredienti per raggiungere il risultato, ma alla base c’è sempre una grande passione per un tema.

Aprire un blog e guadagnare

Solo questo ti spinge verso l’impegno quotidiano, solo grazie alla passione puoi superare le difficoltà iniziali. Aprire un blog e guadagnare non è mai stato facile, ma hai un vantaggio dalla tua parte: ci sono soluzioni differenti , e non per forza contrarie, per monetizzare la tua presenza online.

Devi diversificare le entrate, lavorare in modo da ottenere guadagni da metodi diversi. E monitorare gli espedienti che fatturano tanto. Uno dei problemi di chi inizia a scrivere e pubblicare post è questo: come guadagnare soldi con un blog? Cioè, quale combinazione scegliere?

Io ho la mia idea: inbound marketing. Il blog è lo strumento per trovare clienti online, per portare persone interessate al tuo lavoro verso le landing page. Ma poi? Ho scelto 5 modi differenti per creare un blog e guadagnare. E ho elencato vantaggi e svantaggi, così puoi decidere con serenità.

Continue Reading

19

Ore di lavoro settimanali: impegno o investimento?

Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Hai letto l’intervista di Marissa Mayer che affronta (anche) il tema delle ore di lavoro settimanali? Le parole dell’amministratrice delegata di Yahoo hanno lasciato il segno: dobbiamo diventare schiavi del capitalismo, vittime sacrificali del potere costituito e del potente. Dell’imprenditore. Del sistema.

orario-lavoro

Ma perché? Cosa ha detto Marissa Mayer rispetto alle ore di lavoro settimanali? Nell’intervista ci sono parole chiare: “The other piece that gets overlooked in the Google story is the value of hard work”. Uno degli aspetti che spesso viene trascurato nella storia di Google è il valore del duro lavoro. Un valore che Marissa conosce bene dato che è stata la prima ingegnere donna assunta da Google.

Cosa significa duro lavoro per te? Fare gli straordinari? Partorire idee geniali ogni santo giorno? La risposta ce la dà la stessa Marissa: “Could you work 130 hours in a week? The answer is yes, if you’re strategic about when you sleep, when you shower, and how often you go to the bathroom”.

Ben 130 ore di lavoro settimanali. Facciamo due calcoli? La cifra è ciclopica: 15,5 ore al giorno, compresi i fine settimana. Le informazioni che seguono non sono migliori: ci riesci se organizzi tutto con la giusta strategia, dal sonno al tempo passato in bagno. Cioè, ti rendi conto cosa significa?

Continue Reading

8

Come guadagnare con i post sponsorizzati senza distruggere il tuo blog

Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone

Guadagnare con i post sponsorizzati è una possibilità concreta. Il motivo è semplice: metti in evidenza un contenuto e lo fai attraverso la voce autorevole di un esperto del settore. Perché probabilmente il tuo nome è stato pescato attraverso un’azione di blogger outreach.

post sponsorizzati

Funziona così: ho un prodotto o un servizio, ho un’attività di blogging aziendale ma voglio penetrare in una nicchia attraverso la voce di un influencer. Ovvero un esperto del settore, un personaggio con un’autorevolezza. Quindi faccio una ricerca e individuo i blogger adatti.

I blogger adatti sono quelli che mi consentono di raggiungere gli obiettivi: sono coerenti con il mio pubblico, creano discussione, hanno dei numeri interessanti in termini di volume di traffico e presentano un buon posizionamento sulla serp. Senza dimenticare la presenza social.

A questo punto posso proporre un post sponsorizzato. Un articolo a pagamento, un contenuto vantaggioso per il mio brand. E qui iniziano i problemi: in che modo deve muoversi il blogger per evitare problemi con il pubblico? E per placare le ire di Google? Ci sono dei punti da affrontare.

Continue Reading