1

Come sconfiggere le ossessioni di un blogger

5 Flares 5 Flares ×

Scrivere sul proprio blog dovrebbe essere un momento dedicato alle tue passioni. Chi lavora su un blog aziendale non la vede esattamente così, ma sono del parere che il blogging debba essere vissuto come un piacere.

le ossessioni di ogni blogger

Eppure, come tutte le pratiche soggette alla volubilità dello spirito umano, anche riportare i propri pensieri su uno spazio web può essere soggetto a ossessioni che sfiorano lo stato di morbosità. Ecco i miei consigli per riconoscerle e superarle:

I guadagni del blog

Ecco la fonte dell’instabilità e dell’infelicità umana: il denaro. Hai aperto il tuo blog, e magari lo hai fatto senza l’illusione di guadagnare qualcosa, ma poi hai inserito gli AdSense, hai iniziato a vendere un po’ di spazi banner, e da quel momento non ha fatto altro che testare colori, font e posizione degli annunci. Magari hai anche modificato la tua area di interessi pur di inseguire gli argomenti che ti permettevano di massimizzare gli incassi. Eppure non ti è sembrato abbastanza.

Il mio consiglio – Il blog, almeno qui in Italia, non è una gallina dalle uova d’oro: indirettamente uno spazio web aggiornato con cura può portarti a buoni risultati ma difficilmente ti aiuterà a pagare il mutuo. Continua pure a tenere i tuoi AdSense o i banner ma non perderci il sonno. Pensa piuttosto a scrivere buoni contenuti e a curare un rapporto umano con i tuoi lettori.

Il numero di visite

Scommetto che appena hai registrato il tuo dominio hai detto “Questo blog lo scrivo per me, per dare sfogo alla mia personalità. Non mi interessa avere tante visite, al massimo quelle dei miei amici!” ed ora rimani attaccato notte e giorno davanti alle statistiche a sudare freddo ogni volta che la percentuale è negativa.

La mia opinione – Non puoi aspettarti un volume di visite in continua crescita. Puoi scrivere mezza tacca di post che piace a tutti, poi per una settimana vendi l’anima al diavolo su approfondimenti che nessuno commenta o legge. Le oscillazioni sulle entrate non sono un problema, rientrano nelle normali dinamiche di un blog, ma quando registri cali estremi di visite dovresti iniziare a preoccuparti (magari sei stato bannato o penalizzato).

Scegliere buone immagini

Una bella foto può fare la differenza ma, come puoi sicuramente immaginare, la scelta può essere un’impresa ardua. Se trovi un video su Youtube o Vimeo te la cavi alla grande, e a volte riesci a salvarti in calcio d’angolo con Slideshare, ma quando non trovi un’immagine con cui accompagnare il tuo scritto? Cadi nella disperazione più oscura?

Il mio consiglio – Comprendo bene questo stato d’ansia perché anche io non pubblico mai un post senza immagini e/o video. Per risolvere il problema cerco di scomporre il testo in macroconcetti, li scrivo su un pezzo di carta e poi li divido in altri concetti più piccoli. In questo modo mi ritrovo 10 – 15 keyword con cui effettuare le mie ricerche su Flickr o altri siti per immagini.

Scrivere ogni giorno

Sei riuscito a organizzare la tua giornata per scrivere ogni giorno sul tuo blog, week-end compresi? Ottimo! Ma può capitare che ti chiamino per rimpiazzare un amico a calcetto, che si organizzi una rimpatriata o, semplicemente, che quel giorno tu non abbia alcuna voglia di sederti al computer per scrivere. E tutto ciò ti fa sentire tremendamente in colpa!

La mia opinione – Meglio un lettore che non riceve il tuo post quotidiano o uno che si ritrova a leggere un pasticcio di frasi buttate sul foglio senza un senso ben preciso? La prima, sicuramente! Aggiornare il proprio blog è cosa buona, ma non devi perdere di vista la qualità dei tuoi post. Se un giorno non puoi o non vuoi scrivere, non lo fare: i tuoi lettori ti ringrazieranno.

Esprimere la propria opinione

Beh… questa forse è la madre di tutte le ansie. Girare intorno all’argomento, rilanciare notizie e idee già sentite (si spera con un link) e non esporre mai i tuoi pensieri non è un bel modo di fare blogging: a meno che tu non gestisca uno spazio dedicato esclusivamente alla cronaca, forse dovresti trovare il coraggio di metterti in gioco.

La mia opinione – Ammiro le persone che riescono a dare la propria versione dei fatti. Anche in un post che spiega l’utilizzo di un plugin WordPress o elenca una serie di applicazioni per Firefox vorrei trovare una semplice opinione, un consiglio, un dettaglio che mi lasci intendere cosa ne pensi l’autore. Non è facile mettere in circolo le proprie idee, ma è vero anche che dopo un po’ i lettori si stancano di leggere solo sterili liste di consigli e trucchetti scopiazzati da altri. Devi essere originale e dare il tuo contributo!

Riccardo Esposito

Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

One Comment

  1. Pingback: Technotizie.it

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *