9

Come utilizzare al meglio il target=”_blank”

Questo attributo si aggiunge al codice dei link per aprire la pagina in una nuova scheda del browser. Ed è una funzione utile in determinate occasioni, anche se ci sono delle riflessioni da sviluppare.

Shares

Inserire un link (interno o esterno) può sembrare un dettaglio insignificante, vero? Ha sempre il suo valore in termini SEO, questo è chiaro, però la prassi necessaria per aggiungerlo rimane scontata. Una serie di operazioni già viste. Anche quando devi riflettere sulla presenza o meno del target=”_blank”.

target="_blank"

In realtà non è così. L’attributo target=”_blank” merita la massima attenzione da parte tua. Devi essere sempre sempre in guardia quando curi i dettagli del tuo blog, quando ti occupi della sua usabilità. Anche questo elemento, ad esempio, deve essere pianificato con attenzione.

Cos’è e a cosa serve il target blank

Il target=”_blank” è un attributo dei collegamenti ipertestuali. Appartiene al codice HTML e permette di aprire i link in una nuova finestra del browser. In questo modo l’utente continua a mantenere aperta la risorsa precedente nonostante si trovi su una pagina differente.

Di default su un link viene applicato il target=”_self” che fa aprire il link nella stessa finestra del browser. Quella che ospita la navigazione. Il target=”_blank”, invece, obbliga l’utente a compiere un’azione che non ha chiesto espressamente (aprire un link in un’altra finestra). Non tutti i lettori sono uguali e qualcuno potrebbe non gradire questa imposizione. Ecco perché questo attributo è perfetto se vuoi aprire un link in un’altra scheda del browser, ma non sempre è la soluzione migliore.

Un attributo deprecato dal web

Già, Il galateo del web propone di inserire questo elemento solo quando si offrono informazioni supplementari non strettamente legate ai contenuti o documenti PDF che rallentano l’operato del browser, magari indicando vicino al link la natura e il peso del file.

In realtà questo attributo viene deprecato perché non rispetta la volontà dell’utente. O almeno quello che potrebbe essere il suo desiderio di continuare a navigare nella stessa finestra. Impone un’azione che non è stata chiesta, per questo si dovrebbe evitare l’uso del target=”_blank” nei link delle pagine.

Come inserire il target=”_blank”

In realtà è semplice inserire l’attributo blank nei link. Basta aggiungere la stringa di codice all’interno dell’ahref, prima della chiusura del tag. Per avere un’idea ti lascio un esempio.

<a href="http://www.mysocialweb.it" target="_blank">Visita My Social Web</a>

In realtà questa è la soluzione più articolata e complessa. Per inserire il target=”_blank” su un blog WordPress basta seguire la procedura di base: seleziona una parola o frase che vuoi trasformare in anchor text e clicca sull’icona del link. A questo punto appare la finestra per inserire il collegamento.

Come vedi è semplice inserire il target=”_blank” su WordPress. Basta cliccare su Open link in a new tab per far aprire il link in una nuova scheda del browser. Per quanto possa essere deprecato, quindi, questo attributo dei link è comunque una possibilità concreta e condivisa da molti blogger.

I vantaggi del target=”_blank”

Certo, questo attributo è deprecato. Però è anche vero che il target=”_blank” può essere un buon modo per diminuire la frequenza di rimbalzo e trattenere gli utenti sulle pagine originali. Ma come limitare i danni ed evitare che si aprano mille, fastidiosissime, finestre per ogni link?

Semplicemente, a mio parere, portando il target_”blank” al minimo indispensabile, e cioè inserendolo solo nei link che puntano alle risorse esterne. Da eliminare senza scrupoli nei link interni.

Come usi questo attributo per i link

Il target=”_blank” può essere una risorsa utile per il tuo blog. Non tutti sono d’accoro sull’uso di questo attributo, anche se molti colleghi preferiscono inserirlo almeno sui collegamenti in uscita per non perdere i lettori. Tu quale soluzione usi? Sei d’accordo con chi evita il blank? Lascia la tua opinione.

libro blogging

Riccardo Esposito

Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

9 Comments

  1. Condivido pienamente! Proprio negli ultimi giorni ho dovuto mettere mano al codice per mettere un pò d’ordine nel sistema di “linkaggio” di un sito, e ho tolto il target = “_blank” a tutti i riferimenti interni.

  2. Ciao Riccardo!

    Mi trovi d’accordo con quanto dici, secondo il galateo, però io sono un grande fautore del target=”_blank”. Ti spiego perchè…

    Se tu stai scrivendo un post nel tuo blog, e a metà testo inserisci un link di approfondimento sempre verso il tuo blog, perchè non usare l’attributo in questione? Senza il _blank il rischio è far perdere il filo del discorso su quello che stava leggendo oltre al rischio che poi il blog e la lettura venga abbandonata se il link che viene inserito non è pertinente o utile.

    Preferisco sempre il _blank perchè anche se si apre una nuova finestra, il lettore sarà libero di richiuderla o leggerla, senza però distogliere lo sguardo da quello che stava leggendo.

    Spero di essermi fatto capire 🙂

    Ciao

  3. Danilo la penso come te al 100%! Nei post del mio blog quando inserisco link verso altri siti o fonti con argomenti correlati, inserisco sempre il target blank, onde evitare che l’utente lasci completamente la pagina che sta leggendo.

  4. Mi associo!
    Blank per le risorse esterne, no-blank per quelle interne: sperando che nessuno mi ritenga un maleducato 🙂

    ciao

    • Non credo che sia tanto una questione di educazione o meno (il discorso sul galateo del web era per riprendere un po’ il tono di Search Engine Journal) ma di quale può essere la soluzione migliore per il proprio sito o blog.

      Io ho sempre usato il target=_”blank” per tutti i link ma questo articolo mi ha fatto un po’ riflettere e voglio provare delle soluzioni diverse.

      Anche per questo mi sono mantenuto su una via di mezzo (nuova finestra per i siti esterni e stessa finestra per il proprio sito). Ma anche il discorso di Danilo è giustissimo e lo reputo molto valido.

      Grazie a tutti per i commenti 🙂

  5. Dipende dal sito non certo dall’educazione. Comunque bisogna rifletterci bene sopra, tutto è importante anche il target=_”blank”

  6. Questione antica e sempre attuale.
    Il tasto più usato e meglio conosciuto a tutti gli utenti è il back del browser.
    Secondo alcuni studi è più probabile che l’utente torni sulla pagina che ha aperto il link se questa NON viene aperta in un BLANK
    Indipendentemente che le risorse siano interne o esterne quindi sembra convenga sempre non usarlo.
    Immaginate l’utente, clicca sul link (che si apre in un nuovo tab se BLANK), vuole tornare indietro, va sulla freccia BACK ma la freccia non è cliccabile….
    Se è bravo cerca i vecchio tab. Altrimenti riparte navigando altrove

  7. @marco
    Speriamo che gli utenti si siano evoluti, da quando sono state introdotte le tab nei browser a mio avviso il target _blank è molto piu’ comodo. Anzi quando leggo un articolo interessante se clicco su un link di approfondimento lo faccio con “open link in new tab” perchè non voglio perdere l’articolo, inoltre mentre carica la pagina continuo a leggere l’articolo(sfruttamento del multitasking)
    Con ie6 (che schifo) certo che dava fastidio si aprivano 10000 finestre! 😀

    Concordo sul fatto di non usarlo su link interni, se non interrompono l’articolo come diceva daniele.

  8. Non concordo con chi sostiene che il _BLANK sia “maleducarto” al contrario appena clicchi fa capire al navigatore che i contenuti provengono da un altro sito e non ti stai appropriando di quei contenuti facendo finta che siano tuoi.
    Tuttavia alcuni siti famosi non vogliono esser linkati in questo modo ed il contenuto purtroppo non appare in Firefox. in IE invece compare un messaggio che ti avverte e ti offre un link javascript che peraltro spesso non funziona. Forse è un tag un po’ obsoleto. Per qualche motivo il _blank viene interpretato da IE come un tentativo di inserire contenuti nel proprio sito anche se di fatto li aprirebbe in una diversa finestra. Personalmente trovo questo paradossale.
    Ci vorrebbe qualcosa che in certi casi lo sostituisse facendo un miglior lavoro. (Io sto considerando di mettere in alcuni casi dei widgets anche se non è la stessa cosa. In certi casi preferirei un _BLANK che funzionasse sempre)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *