2

7 cose da fare appena arrivi su Google Plus

102 Flares 102 Flares ×

Non me l’aspettavo un colpo del genere. Si capiva che Google stava rimodernando un po’ di cose con il +1 button, ed è normale assistere a dei cambiamenti quando si tratta di web. Nulla è per sempre in rete!

L’arrivo di Google + mi ha sorpreso, però adesso siamo in ballo e non possiamo far finta di niente. O rifiutare gli inviti all’ennesima (sono sicuro che l’hai pensato) trovata per scardinare il potere social di Facebook. Anche perché non stiamo parlando di un semplice concorrente di Zuckeberg, o sbaglio?

Dalla grafica direi che qualche piccola somiglianza con Facebook la possiamo trovare, almeno a livello concettuale. Ma qui io non voglio raccontarti quali sono i peccati, i pregi e le caratteristiche principali di Google + perché lo hanno già fatto in tanti. Piuttosto ti suggerisco 5 cose da fare per renderti la vita più semplice:

1. Esplora

Appena sono arrivato su Google + ho avuto un attimo di spaesamento. Se anche tu hai avuto la stessa sensazione posso darti solo un consiglio: inizia a esplorare questo nuovo mondo. Un click da questa parte, un click da quell’altra e ti assicuro che inizierai a prendere confidenza con questa piattaforma, magari grazie anche alle informazioni della pagina del progetto e ai video che trovi su Youtube.

2. Creare circle significativi

google plusIl cuore di Google + è la sezione Circle, quella pagina che ti permette di creare cerchie di contatti differenti in base alle connessioni sociali della tua vita. Ci può essere la cerchia della “famiglia”, quella dei “colleghi” o degli “amici di università” perché (forse) ci sono cose che vogliamo far vedere a tutti, e cose che amiamo condividere solo con alcune persone. Per questo motivo i consiglio di curare le cerchie con attenzione certosina; il meccanismo è molto semplice, ma se ti serve una mano puoi chiedere aiuto a Google.

3. Scegli le sparks che ami

Per sparks Google intende le tue passioni, gli argomenti che ti interessano, gli spunti di conversazione con i tuoi amici. Scegliendo gli sparks più vicini alla tua esperienza di vita quotidiana che puoi creare dei flussi di informazione e condividere con i tuoi amici tutto quello che ami. Ma evita di esagerare con questi sparks: c’è già il tuo Feed Reader che straborda di cose da leggere.

4. Decurtare le notifiche

Uno dei punti fermi di questa lista è lo sfoltimento delle notifiche, a meno che tu non voglia trasformare Gmail in una poltiglia di messaggi firmati Google Plus. Se il tuo obiettivo è quello di risparmiare tempo la strada è abbastanza semplice: vai nella sezione setting e togli la spunta a tutto quello che non vuoi ricevere nella casella di posta.

5. Imparare formattazione e scorciatoie

Un certo Alex Quinn ha lasciato un piccolo aggiormento quando nessuno sapeva ancora se il testo poteva essere formattato. Ecco una breve sintesi:

  • _italico_
  • *grassetto*
  • -barrato- (-barrato-)

Se usi la formula @Riccardo Esposito puoi inserire il link al profilo di altre persone, proprio come fai con Facebook, mentre i tasti “k” e “j” ti permettono di muoverti velocemente nello streaming di Google plus. La combinazione Tab e poi Enter, invece, serve a inviare il un batter d’occhio i commenti.

6. Migliorare il tuo profilo

Fino a poche settimane fa non hai mai preso in considerazione l’idea di migliorare il tuo profilo Google. Poi c’è stato un piccolo upgrade che ne ha migliorato il layout e il posizionamento nelle Serp, così ti è arrivato all’orecchio la possibilità di fare qualche modifica… Ora non hai più scuse: il profilo è centrale nella tua esistenza su Google Plus.

7. Segnati gli indirizzi utili

Come ho detto all’inizio di questo post, hanno scritto ottimi articoli su Google + e mi sembra giusto lasciarti una breve lista sulle risorse più significative:

Riccardo Esposito

Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

2 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *