2

Ok, ho aperto un blog… e adesso?

Shares

Ti ricordi quella mini guida divisa in 4 articoli e dedicata a chi ha appena aperto un blog? Bene, qualche giorno fa mi sono reso conto che mancava un tassello fondamentale: la conquista dei primi lettori fidelizzati.

Pensavi che pubblicati i primi articoli tutto il web sarebbe accorso sul tuo blog per commentare, condividere e gonfiare le tue statistiche? No, non funziona così e oggi voglio darti qualche consiglio base per farti conoscere sul web.

Commenta i post dei tuoi colleghi

Cerca blog simili al tuo. Abbonati ai feed, leggi gli articoli per avere sempre nuovi spunti di lavoro e inizia a farti conoscere dagli autori e dai lettori commentando gli articoli.

Commentare non significa fare spam: nella tua posizione è importante lasciare commenti articolati, ricchi di spunti e riflessioni personali. Devono essere dei commenti capaci di dare un valore al tuo intervento, così aumentano le possibilità di attirare l’attenzione e portare nuovo traffico al tuo blog.

Dedicati ai guest post

Scrivere un guest post vuol dire pubblicare un articolo su un altro blog che contiene uno o più link verso le tue risorse. È una situazione win-win: chi ti ospita riceve dei contenuti gratuiti da pubblicare e tu guadagni dei link di buona qualità, oltre a raggiungere un pubblico nuovo.

Hai tutto da guadagnare nella pubblicazione dei guest post ma ti conviene seguire un paio di consigli:

  • Scegli blog che trattano il tuo argomento in modo da avere link contestualizzati.
  • Per i link diretti al tuo blog  utilizza degli anchor text con keyword performanti, ovviamente se possibile!
  • Attenzione alla scrittura, alle fonti, alle immagini e ai link di approfondimento: tutto deve essere di qualità.

E soprattutto ricordati che sei ospite a casa di un amico: rispetta le regole, non fare il furbo (o la furba) proponendo comunicati stampa o testi duplicati, non scambiare il guest blogging come un modo per riciclare vecchi articoli. Se ti interessa anche My Social Web è interessato ai guest post!

Ancora qualche consiglio? Basta dare uno sguardo ai piccoli errori che rovinano la tua carriere di guest blogger!

Forum, che passione!

Un altro trucco per portare nuovi lettori al tuo blog è partecipare ai forum che ruotano intorno ai tuoi interessi. Che tu sia appassionato di cucina o di informatica cambia poco: ci sono forum dedicati a tutti gli argomenti e ci vuole un attimo per iscriverti.

Ma questo non significa che puoi fare tutto quello che ti passa per la testa. Devi conquistarti la fiducia degli altri utenti intervento dopo intervento, mostrando le tue capacità e la qualità del tuo blog, ma senza esagerare nell’auto celebrazione.

Facilita la condivisione

Il modo più semplice per invogliare i lettori a condividere i tuoi post e creare un bel passa parola? Usare i bottoni di social sharing. Non devi avere i pulsanti di tutte le piattaforme esistenti, bastano quelli più importanti come il “Mi Piace” di Facebook, ReTweet e Google Plus.

Usa i social

Facebook e Twitter possono facilitare la tua opera (far conoscere il blog a nuovi lettori interessati) ma togliti dalla testa di creare un profilo, buttare giù qualche link e sederti in poltrona ad aspettare visite a manetta. Ecco qualche consiglio per muovere i primi passi nel mondo social:

  • Valuta bene il fattore tempo: un profilo inattivo per settimane non è un bel biglietto da visita.
  • Cerca di dare un valore aggiuntivo oltre alla condivisione dei tuoi link.
  • Parla con i tuoi follower, cerca di creare un rapporto umano, lasciati rapire dal potere social della rete.
  • Hai contenuti freschi per aggiornare un profilo come Twitter o Facebook?
  • Essere sui social vuol dire essere social: preparati al confronto e alla discussione.
  • Attenzione alla differenza tra prifilo e Facebook Fan Page.
  • Mettiti sempre in gioco e non essere spammoso!

Potrei continuare all’infinito ma l’argomento è davvero ampio. Per questo ti consiglio di dare uno sguardo alla Twitter Guide Book e alla Facebook Guide Book di Mashable, due punti di riferimento per il tuo lavoro.

Qual è il segreto?

Come sempre non ci sono segreti e formule speciali per fare passi avanti: devi lavorare sodo, produrre buoni contenuti e portarli sotto il naso dei tuoi potenziali lettori. Non ragionare solo in termini di quantità ma anche di qualità, cerca di instaurare un rapporto con chi ti segue e con gli altri blogger.

E porta avanti il tuo lavoro con continuità e professionalità!

libro blogging

Riccardo Esposito

Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

2 Comments

  1. Che bell’articolo !!
    Oserei aggiungere se mi è consentito anche il principio della “non ripetitività”, mi spiego meglio con fatti concreti, recentemente Facebook ha stilato la classifica delle applicazioni più usate dai propri utenti, Ho letto la stessa notizia da almeno 5 blog che seguo assiduamente (tutti con stima), ora è chiaro che se leggo la notizia da due blog, al terzo o mi offre punti di vista davvero differenti o nemmeno ci passo, Se poi è ogni volta così lo abbandono, questo pur scrivendo bene e pur essendo di qualità.

    Penso che sia molto meglio essere Sindaci di una cittadina di 1000 abitanti che essere vicesindaci in una di 10000, quindi preferisco da Blogger non scrivere tipo “vangelo sinottico” ricopiando seppur in modi diversi o con considerazioni personali una notizia detta e ripetuta, magari da siti anche migliori e più in vista di me, non sono un giornalista.

    Da lettore preferisco leggere tra i vari sinottici che mi ripetono la stessa notizia, anche chi magari mi scrive qualcosa che forse non è di attualità, ma che è comunque interessante, forse è un qualcosa che “già si sa” ma io non lo sapevo e proprio per queste “chicche” e per questa originalità merita di essere seguito.

    Scrivere così forse può portare a una pubblicazione che non è quotidiana, come piace a qualcuno (tranne che si abbia una specie di redazione), ma a volte meglio poco ma buono che tanto ma “annacquato” questa è la mia personalissima opinione.

    Ne approfitto per augurarvi buon anno.

  2. Grazie, ho appena cominciato e mi sentivo un pivello…
    giusto una domanda: se uno segue passso passo le tue indicazioni, aggiungendo un pizzico di fortuna…entro quanto tempo dovrebbe riuscire ad ottenere uno share dignitoso?
    Grazie del tuo contributo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *