8

[Webwriter Freelance] Come guadagnare di più!

71 Flares 71 Flares ×
Share on Facebook25Share on Google+6Tweet about this on Twitter36Share on LinkedIn4Email this to someone

Quante volte hai ascoltato le parole vuote di maghi e maghetti del web che promettevano guadagni facili con impegno zero? Io non credo alla magia. Niente trucchi, niente promesse assurde…

Questo è un articolo serio!

guadagnare

E soprattutto questo è un articolo di vita vissuta, dove le affascinanti riflessioni sui massimi sistemi lasciano il passo a una domanda fondamentale: come posso guadagnare di più con il mio lavoro di webwriter freelance? Posso sperare di guadagnare con un blog?

Bella domanda, vero? In effetti stimola la curiosità di chi sta iniziando a muovere i primi passi in questo mondo. Me la sono fatta anche io qualche tempo fa, ed ecco le risposte che ho trovato:

  • Non svenderti – Primo consiglio da seguire fino in fondo. Basta con i lavori sottopagati, basta con gli articoli scritti per 50 centesimi e con gli scrittori-scimmia: non accettare questi lavori pagati da schifo e non alimentare questo mercato.
  • Lavora sulla qualità – Quello che spendi te lo ritrovi nella qualità del testo: il concetto è semplice e lo devi far capire ai tuoi clienti, magari aggiungendo che un webwriter ben pagato è un webwriter che ti segue con piacere.
  • Non essere troppo rigido – Capita che il cliente chieda qualche consiglio su argomenti che non ti riguardano, un cambio di programma improvviso, una cortesia in una situazione di emergenza. Io preferisco coltivare i rapporti e non essere troppo rigido nel definire diritti e doveri. Ovviamente devi anche importi dei limiti!
  • Parti da una base – Tra le diverse soluzioni per la mia tariffa io ho scelto di partire da una base fissa. A questa base aggiungo un aumento nel caso in cui ci siano particolari vincoli di tempo e argomenti difficili da affrontare. Molti webwriter usano soluzioni diverse, ma io mi sono trovato bene in questo modo.
  • Fatti pagare per gli extra – C’è uno spazio per la cortesia e uno per gli extra. Il tuo compito sta nell’individuare qual è il confine che li separa. Posso concedere una mezz’oretta una tantum, ma poi scatta l’extra.
  • Pochi ma buoni – Tanti clienti per piccoli lavori o pochi clienti per progetti di ampio respiro? Io ho preferito la seconda opzione, rifiutando alcuni lavori puoi ottenere margini di guadagno superiori.
  • Coltiva i tuoi clienti migliori – Esistono clienti buoni e clienti meno buoni: se riesci a individuare quelli che rientrano nella prima categoria devi coltivarteli. Un occhio di riguardo al prezzo, tempi comodi nel pagamento, qualche attenzione in più…
  • Non limitarti – Lavori a lungo e a breve termine, progetti piccoli e  ampi, clienti buoni o meno buoni: il punto non è scegliere ma preferire. Io non rifiuto un progetto a breve termine se riesco a programmarlo tra i miei impegni, l’importante è non tagliare le risorse per i lavori che ti frutteranno di più.
  • Il tempo è denaro – Può capitarti di lavorare a progetti semplici ma che necessitano tanto tempo. Non lasciarti ingannare dal primo fattore: il tuo tempo è denaro e te lo devi far pagare. Questo è uno dei casi in cui il discorso della tariffa base deve essere rivisto.
  • Cordialità, sempre – Non solo nel salutare con educazione – questa è la base – ma nel mantenere i rapporti con le persone che lavorano con te, con quelle che non lavorano con te, con quelle che non lavorano più con te e con quelle che potrebbero passarti dei lavori. Non è machiavellismo, ma solo una semplice nota di saper vivere.

Questi sono i miei consigli, e ti assicuro che tornerò sull’argomento per affrontare altri argomenti della mia attività di webwriter. Tu, invece, vuoi aggiungere qualcosa? Hai qualche trucco che vuoi suggerire per aumentare i tuoi guadagni di freelance? Commenta e approfondisci l’argomento insieme a me, nel frattempo scarica anche la mia guida gratuita al lavoro freelance.

Fonte Immagine

libro blogging

Riccardo Esposito

Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

8 Comments

  1. Sono assolutamente d’accordo su tutto.

    L’unica è che cambierei l’ordine dei primi due punti:

    – lavora sulla qualità.

    E POI

    – non ti svendere.

    Giusta consecutio non trovi?

    🙂

    • Onestamente non avevo pensato all’ordine con cui mettere in pratica questi consigli, ma ora che me lo fai notare è proprio come dici tu.

      Grazie del consiglio 🙂

  2. Cmq l’articolo è perfetto anche così come l’ho letto.
    Chiaro, lineare ed utile come sempre.

    Grazie a te per quello che scrivi.

    Bacione!

  3. Articolo interessante e ricco di spunti.
    Aggiungerei un punto:
    – COME TROVARE NUOVI CLIENTI: da dove partire, come proporsi, quali cifre trattare quando si muovono i primi passi (e non si può proporre un tariffario “senior”), come riconoscere le “fregature” (boot, fake & Co).
    A te la parola, Riccardo 🙂

    • Ciao Elena,

      Non ho inserito il punto “come trovare nuovi clienti” per diversi motivi. Il primo luogo perché è un argomento lungo e complesso, meritevole di un articolo tutto suo, poi perché avovo già in mente di scriverlo… 🙂

      Se ti interessa l’argomento Webwriter Freelance puoi seguira questa Fan Page che ho creato da poco: qui condivido tutte le informazioni utili che trovo in rete.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *