Come guadagnare di più con il blog e aumentare il fatturato

Cosa significa per te guadagnare di più? E, soprattutto, perché hai ancora paura di rischiare? Se vuoi aprire una partita IVA e sopravvivere in questo duro mondo devi monetizzare. E anche tanto.

9

Monetizzare un blog WordPress: sembra un buon modo per arrotondare. Ma quanto si guadagna come blogger? Te lo dico subito così non ci rimani male: dipende da te. Per guadagnare online con un blog devi ragionare come un imprenditore.

quanto si guadagna come blogger
Chi paga i blogger?

Ci sono tante storie sulla possibilità di fare soldi su internet facilmente, senza lavorare. Favole, non è così. Il primo consiglio che trovi nella mia guida per guadagnare di più con il blog è semplice: devi investire tempo e risorse.

Non ci sono scorciatoie, le idee per trarre profitto esistono ma sono difficili da mettere in pratica. E per chi vuole guadagnare con una pagina Facebook è lo stesso.

Il motivo è semplice: c’è grande concorrenza, tanti provano a fatturare con la scrittura e la pubblicazione degli articoli. Ma non c’è speranza? Proviamoci anche se non è facile, ecco i modi per diventare blogger e guadagnare senza svenderti.

Guadagnare di più: cosa significa?

Per un blogger è difficile ricavare di più perché la scrittura è un’attività non scalabile. Non puoi aumentare all’infinito la produzione.

Per scrivere bene hai bisogno di tempo ed è qui che si limita la tua attività: ci vogliono ore per un articolo, una pagina, una landing page.

Questo significa che devi puntare sulla qualità e rispettare il principio di Pareto: lavora continuamente con pochi e buoni clienti.

Quindi, oltre a trovare nuovi clienti (utile soprattutto all’inizio) devi capire come guadagnare di più per ogni singola parola scritta. Ecco perché in questo articolo metto tutta la mia esperienza per monetizzare i tuoi articoli. Quanto si guadagna come blogger? Qui ti lascio i miei consigli personali.

Per approfondire: quante visite deve avere un blog per guadagnare

Lavora sulla qualità di ciò che vendi

Quello che spendi te lo ritrovi nella qualità del testo. Il concetto è semplice e lo devi far capire ai tuoi clienti, aggiungendo che un web writer ben pagato ti segue con piacere. Devi far percepire subito la qualità del tuo lavoro, al primo sguardo.

Come comunicare con i tuoi potenziali clienti? Crea una pagina about me per presentare il tuo profilo e una buona sezione portfolio sul blog. Quanto puoi guadagnare come blogger? Aumenta i risultati con questi passaggi.

Non svenderti al tuo primo cliente

Principio da seguire. Basta con i lavori sottopagati, con gli articoli consegnati per 50 centesimi e svolti come scrittori-scimmia: non accettare questi impegni pagati male e non alimentare questo mercato. Per farlo devi investire sulla formazione.

come guadagnare di più
Quanto si guadagna come blogger?

Una persona preparata può aumentare il prezzo dei servizi e proporre un preventivo degno di questo nome. Con poca formazione non hai potere contrattuale. Cosa studiare per diventare un professionista del web? La strada da seguire:

  1. Esperienza.
  2. Studio.
  3. Test personali.

Quanto si guadagna come blogger? La risposta è in questi passaggi importanti. La capacità di fatturare si lega automaticamente alla reputazione online, che al tempo stesso si alimenta grazie alle competenze che supportano la qualità dell’opera.

Fatti pagare per il tuo lavoro extra

C’è uno spazio per la cortesia e uno per gli extra. Il tuo compito? Individuare il confine. Posso concedere una mezz’oretta una tantum, ma poi scatta l’extra.

Io cerco di aumentare il prezzo dei servizi motivando sempre attraverso la qualità dell’intervento. O proponendo singole consulenze. Non si tratta di speculare ma di dare valore al proprio tempo: chi non lo capisce non può essere tuo cliente.

Diversifica, non basta solo scrivere

Come guadagnare di più scrivendo articoli? Diversifica subito. Devi portare la tua esperienza di web writer oltre la routine e incassare da fonti diverse. Questo significa monetizzare le tue abilità e la tua esperienza in modi diversi.

come guadagnare di più

Io scrivo per i miei clienti. Post, pagine web, schede di e-commerce. Poi mi occupo del piano editoriale, faccio consulenze via Skype ma anche corsi di blogging.

Insomma, diversifico per guadagnare di più: l’attività di blogger è sempre presente, poi faccio altro. E amplifico le mie fonti di fatturazione. Che non fa male.

Devi puntare sulla buona cordialità

Mantieni buoni rapporti con le persone che lavorano con te, con quelle che non lavorano con te ma che potrebbero, con quelle che non operano più con te e con quelle che potrebbero passarti dei lavori. Non è machiavellismo, ma solo una nota di saper vivere. Guadagnare con il blog è anche questione di educazione.

Parti da un’offerta base e aumenta

Tra le diverse soluzioni per la mia tariffa io ho scelto di partire da uno standard fisso. Qui propongo un aumento nel caso in cui ci siano particolari vincoli di tempo e argomenti difficili da affrontare. Poi ci sono dei servizi extra:

Il principio fondamentale è semplice: il tuo tempo è denaro. Quanto costa un articolo? Partiamo da una base di 30 Euro, solo per la stesura fino a un certo numero di parole.

Poi c’è l’inserimento sul CMS, la formattazione una prima ottimizzazione SEO, la gestione dei commenti: siamo arrivati a 60 Euro in un attimo. Inserire un articolo su WordPress non è semplice, devi farti pagare il giusto. Sempre.

Non essere rigido, concedi qualcosa

Capita che il cliente chieda qualche consiglio su argomenti che non ti riguardano, un cambio di programma improvviso, una cortesia in una situazione di emergenza. Io preferisco coltivare i rapporti e non essere troppo rigido nel definire diritti e doveri.

Ovviamente devi anche importi dei limiti: sei tu che gestisci il gioco. Concedere piccoli doni ti dà la possibilità di esigere di più. E di aumentare il prezzo dei servizi. Ad esempio puoi guadagnare di più con gli articoli sponsorizzati o come ghost writer.

Per massimizzare i guadagni non devi lavorare di più ma meglio. Lavorare con la scrittura degli articoli vuol dire migliorare i rapporti con ogni singolo cliente.

Chi paga i blogger? I clienti, pochi

Meglio tanti clienti per piccoli lavori o pochi per progetti di ampio respiro? Io ho preferito la seconda opzione, rifiutando alcuni lavori puoi ottenere margini superiori. Per guadagnare di più devi rifiutare lavori che impegnano tanto e fruttano poco.

Esistono clienti buoni e quelli che possono portarti alla follia: se riesci a individuare quelli che rientrano nella prima categoria devi coltivarteli. Gli altri si possono evitare.

Un occhio di riguardo al prezzo, tempi comodi nel pagamento, qualche flessibilità in più: ci sono attenzioni che fanno la differenza in un rapporto di lavoro. Quanto si guadagna come blogger? Dipende. Non devi essere rigido, i clienti buoni si coccolano.

Non limitarti, accetta i lavori buoni

Lavori a lungo e a breve termine, progetti piccoli e ampi, clienti vantaggiosi o meno: il punto non è scegliere ma preferire. Io non rifiuto un progetto a breve termine se riesco a programmarlo tra i miei impegni, l’importante è non tagliare le risorse per i lavori che ti frutteranno di più. Vuoi approfondire qualcosa? Ti lascio i post:

Quanto si guadagna come blogger

Questi sono i miei consigli, e ti assicuro che tornerò sull’argomento per affrontare altri argomenti della mia attività di web writer. Tu vuoi aggiungere qualcosa?

Hai qualche trucco per aumentare i guadagni di freelance? Quanto si guadagna come blogger che lavora in proprio? Commenta e approfondisci l’argomento insieme a me. Nel frattempo scarica la mia guida gratuita al lavoro freelance.

9 COMMENTI

  1. Sono assolutamente d’accordo su tutto.

    L’unica è che cambierei l’ordine dei primi due punti:

    – lavora sulla qualità.

    E POI

    – non ti svendere.

    Giusta consecutio non trovi?

    🙂

  2. Articolo interessante e ricco di spunti.
    Aggiungerei un punto:
    – COME TROVARE NUOVI CLIENTI: da dove partire, come proporsi, quali cifre trattare quando si muovono i primi passi (e non si può proporre un tariffario “senior”), come riconoscere le “fregature” (boot, fake & Co).
    A te la parola, Riccardo 🙂

    • Ciao Elena,

      Non ho inserito il punto “come trovare nuovi clienti” per diversi motivi. Il primo luogo perché è un argomento lungo e complesso, meritevole di un articolo tutto suo, poi perché avovo già in mente di scriverlo… 🙂

      Se ti interessa l’argomento Webwriter Freelance puoi seguira questa Fan Page che ho creato da poco: qui condivido tutte le informazioni utili che trovo in rete.

    • Con un po’ di ritardo ma ecco il tuo articolo: come trovare nuovi clienti online https://www.mysocialweb.it/2015/01/15/trovare-nuovi-clienti/

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here