4

Sono un webwriter. E anche un po’ psicologo

Abbiamo sfatato i miti del post perfetto, adesso scardiniamo un’altra diceria: il webwriter non deve solo saper scrivere.

Molti credono che basti mettere quattro parole in croce per raggiungere buoni risultati (che ce vo’, basta saper scrivere. O no?). Devi conoscere la SEO e i vantaggi che può portare un testo al posizionamento, deve conoscere la base del codice HTML. E magari anche del design.

cervello

Siamo veramente così?

Ma, soprattutto, il webwriter deve essere un po’ psicologo. Deve entrare nella testa dei lettori e capirne le necessità, i bisogni, i sogni. In un recente articolo di Copyblogger ho trovato alcuni punti che possono aiutarti a raggiungere questo obiettivo.

1. Entra nella comunità

Il modo più semplice per acquisire dati sul pubblico di riferimento è quello di farne parte. Unisciti alla comunità che vuoi raggiungere, inserisci la tua voce nelle discussioni che nascono sul web: commenti dei blog, Twitter, Facebook, Google Plus, Forum…

Non essere avaro nella conversazione, dai tutto quello che puoi. Rispondi alle domande con gentilezza e cerca di essere il più completo possibile, soprattutto quando sei nuovo in una determinata community. Devi guadagnarti il rispetto :-)

copywriter

La strada verso il successo è ricca di domande.

Partecipare alla vita della tua audience vuol dire imparare qualcosa di nuovo, raccogliere informazioni su bisogni e necessità. Ed è questo il tuo obiettivo.

2. Studia il mindset

Ovvero studia la mentalità dei lettori: quali persone ammirano? Quali sono i valori fondamentali? Come guardano il mondo?

Non è difficile dare una risposta a queste domande: con Facebook, Twitter, Youtube, Pinterest e LinkedIn puoi sbirciare nella vita del tuo pubblico senza diventare invadente: ci sono i contenuti condivisi!

E poi Google ti fornisce una marea di dati sull’audience che vuoi raggiungere. Devi monitorare le keyword legate all’universo che vuoi studiare con i classici tool di Mountain View:

La ricerca delle parole chiave è importante per ottimizzare un testo in chiave SEO, ma anche per comprendere il target.

3. Scopri il problema

Iniziamo dalla base: le persone amano chi capisce e risolve i problemi piccoli e grandi. Quindi, individuare i problemi della tua audience vuol dire trovare la chiave per far breccia nel cuore dei lettori.

Ma in questo modo puoi scoprire anche le falle della concorrenza o una mancanza del tuo settore: spulciare tra i reclami e i problemi irrisolti può essere una buona occasione per intercettare i bisogni, per conquistare nuovi e vecchi lettori.

Usa le tue conoscenze per creare contenuti che parlino alle persone, vai al nocciolo del problema e disinnescalo. Trova le parole giuste per far capire ai lettori che sei competente (lo sei veramente?) e che hai la soluzione a portata di mano.

La tua opinione

C’è ancora qualche dettaglio da aggiungere, non credi? Lascia la tua opinione nei commenti!

Fonte Immagine Fonte Immagine

libro blogging

Riccardo Esposito

Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

4 Comments

  1. Per fare quello che dici tu ci vuole una cosa … TEMPO e se passo tutto il giorno sui social network quando scrivo? Dedico ai social un giorno alla settimana ma mi rendo conto che é poco, quindi la domanda sorge spontanea come fai a far tutto?!?!
    p.s. ho letto il tuo e-book molto interessante :-) Angela

    • Inizia a ottimizzare il tempo dedicato ai post http://www.mysocialweb.it/2012/11/05/scrivere-bene-in-poco-tempo-si-e-possibile/

      Grazie per il tuo commento e per aver letto l’e-book.

  2. Un pò vago. Quali sono le necessità e i bisogni dei lettori a cui puoi dare risposta?
    Deve trattarsi evidentemente di un argomento che padroneggi per poter offrire utilità.
    Se facciamo conto che ho interesse per gli spot in tv che analizzo e in alcuni ci vedo la scena di un film (il tema portante del mio blog) credo di non offrire nessuna soluzione a nessun tipo di problema. Ergo: il mio blog ha ed avrà visite 0 perchè non sono temi ricercati dai lettori.
    I lettori preferiscono post del gente “Come fare questo o consigli per come fare quello”, utilità.
    SE non sei esperto di quella materia non vai da nessuna parte.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *