13

La formula del blog perfetto (secondo me)

124 Flares 124 Flares ×

A volte mi chiedono la formula del blog perfetto. La mia risposta: non esiste. Perché questo è un mondo in continuo movimento che possiamo solo inseguire. E tentare di decifrare.

blog

Eppure non è utopico inseguire il principio del blog perfetto. Perché ci sono dei pilastri impossibili da ignorare. O almeno che io non posso ignorare quando penso al blog perfetto. Ecco, te li presento:

Contenuti

Pubblichiamo post ricchi di contenuti di qualità (testi, immagini, video), e lo facciamo con piacere perché ci aiutano nei social e nei motori di ricerca. E soprattutto piacciono ai lettori, quindi rappresentano il cuore del blog. In questa voce inserisco le sotto-categorie:

Condivisione

Impossibile contare solo sui motori di ricerca: un blog non può rinunciare alla forza dei social, e non può fare a meno della sinergia tra autore e lettore. C’è un rapporto stretto tra questi protagonisti che deve essere sempre alimentato. Questo macro-contenitore è dedicato a:

  • Social Media Marketing
  • Newsletter
  • SMM offline

Tecnica/estetica

Nel binomio tecnica/estetica troviamo una buona parte del lavoro di blogger. Ho deciso di riunire queste voci (apparentemente opposte) perché nel confronto con i contenuti e la condivisione presentano un risultato è simile. Ecco le voci della categoria:

  • SEO
  • Web design
  • Usabilità
  • Database e hosting

Ora parliamo dei rapporti. Vedi questa infografica che ho disegnato con Easelly? Ogni categoria diventa una cerchia che si interseca con le altre. Perché non le commentiamo?

infografica blog

Un blog esteticamente e tecnicamente perfetto che ospita contenuti di qualità è una cattedrale nel deserto: affascinante, ma terribilmente distante dalla gente. Questo è un blog solitario.

Allo stesso modo, un blog che aggiunge la perfezione dal punto di vista social ma toglie i contenuti di qualità è una bella scatola vuota che se ne va a spasso per il web senza motivo: praticamente è un blog fuffa.

Tanti contenuti, tanti social ma anche tanti errori di usabilità, di gestione del database, della SEO: qui non si scherza, rischi grosso se ignori questo punto. E poi il design… un vero blog trasandato.

Punti di vista

Per raggiungere la sufficienza devi dare ascolto a queste voci, devi dare spazio a ognuna di queste categorie. Per raggiungere la perfezione, invece… Beh, non credo che in questo mondo esista, ma possiamo avvicinarci. Non credi?

Riccardo Esposito

Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

13 Comments

  1. L’infografica è fighissima (il contenuto di più ma è come dire a uno chef michelin che cucina bene :D).

    Io ho paura di essere sempre sul trasandato, più che altro per la mia scarsa vena grafica :P

    • Ciao Benedetto!

      Spero di aver individuato i nodi per la creazione di un blog. L’estetica è un dato fondamentale, lo sappiamo, ma non è l’unico: c’è anche la SEO pura e semplice, ma su questo piano immagino che il tuo blog sia al top.

      Ti svelo un segreto. Quando non so che strada prendere con l’estetica del mio blog sai cosa faccio? Taglio. Elimino. Uso il nero e il bianco. Semplifico.

  2. Una perfetta sintesi per un perfetto post, anche se dal mio personale punto di vista il cerchio rosso dovrebbe essere più grande degli altri due! ;-)

  3. @ Riccardo: a dire il vero il mio blog prende di più dai refferal sociali :D
    Non mi interessa competere per le vanity key come “SEO” per dire, oltre che sarebbe un lavoraccio con non so quale ritorno.
    Però si, a livello di ottimizzazione cerco di far il mio!

    Sulla parte grafica hai ragione, infatti spero almeno sul mio spazio di aver dato quel minimal che nasconde il fatto che sono una pippa :D

  4. Credo che un contenuto interessante attiri e trattenga il lettore a prescindere dal design (ma non della leggibilità, beninteso). Un contenuto interessante può anche generare condivisione spontanea a lungo termine (è chiaro che una “spinta” serve sempre, inizialmente).

  5. Secondo me i tre cerchi vanno completati e migliorati sempre di più.
    Non c’é un aspetto più importante dell’altro, devono essere legati e in sintonia.
    Ed é quello che cerco di fare con il mio blog.

  6. Inizialmente sono partita con una grafica semplice, invece ora creato un mio logo e quindi ho un mio identificativo. Ogni giorno penso a nuove idee per articoli e post, navigo in rete e leggo gli altri blog, non copio ma imparo dallo stile altrui. Rispetto ai primi post, sono migliorata (inserire foto, video, sondaggi, interviste, …). E poi condivido su social network, pensieri, domande, i miei post. E ho ancora tanta strada da fare :-)

  7. Io ho iniziato con i contenuti, poi ho cambiato la grafica (da poco) e adesso punto sulle condivisioni. Ma è più facile a dirsi che a farsi, anche io credo di avere tanta strada davanti e i consigli sono sempre ben accetti. Mi aggrego ai complimenti per l’infografica, è decisamente chiara e convincente.

  8. Sono perfettamente d’accordo con l’articolo..una cosa in piu’ e’ valorizzare il proprio blog tramite piattaforme tipo rankseller.it dove e’ possibile registrare il proprio blog e farlo conoscere agli inserzionisti scrivendo articoli! Ve lo consiglio, ottimo strumento per dargli visibilita’!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *