19

Come ottenere link di qualità con il tuo blog

Shares

Non sono un consulente SEO, non lavoro sull’ottimizzazione dei siti web. E non sono un esperto di tecniche SEO avanzate. Ma ogni tanto do uno sguardo all’attività che riguarda il blog My Social Web.

Perché per migliorare la tua attività devi essere presente nella serp, devi lavorare sulla SEO off page. E ultimamente mi hanno lasciato una soffiata speciale: i link sono importanti. Fantastico, vero?

Ovviamente mi riferisco ai link di qualità, quelli che arrivano in modo naturale da fonti autorevoli. La link building come si faceva una volta è andata, i link te li devi sudare. E io seguo da tempo una buona soluzione: creo contenuti per i lettori. Creo contenuti di qualità che mi permettono di ottenere link.

come ottenere link seo

#SEO: come ottenere link di qualità – Retweetta questa immagine

Da molto tempo seguo una regola precisa: donare. Il dono non è mai gratuito, contempla sempre una contropartita. Più dai, più ricevi. Descritta così sembra una follia, ma Marcell Mauss aveva ragione.

La teoria del dono funziona anche sul web. Così, quando ho la possibilità, do uno sguardo alle fonti che linkano il mio sito. Ho lavorato su questo punto pochi giorni fa, e ho scoperto che per ottenere link in entrata devo lavorare su 4 grandi famiglie di contenuti. Oggi ti voglio mostrare quali sono.

1. Qualcosa di speciale

Il nucleo di link arriva dalle risorse speciale, ovvero dai grandi lavori svolti per il mio pubblico. Ovvero gli ebook gratuiti, le immagini da scaricare e Fare Blogging. Tre risorse fondamentali che portano da sempre buoni link. In realtà l’album di foto gratis è da poche settimane online, ma i risultati ci sono.

Come arrivano questi link? Recensioni e interviste di persone che hanno trovato utili questi prodotti. Esistono le rubriche dedicate ai libri, e le liste online di ebook gratuiti. Devi farti trovare, ma senza esagerare. Puoi suggerendo la presenza dei tuoi prodotti ma il confine con lo spam è breve.

Qual è la condizione per ottenere questi link? Stupire. Se metti insieme gli articoli vecchi per creare un ebook i risultati saranno minimi, se scrivi un testo come Ideavirus i link arrivano a cascata.

Per approfondire: meglio pubblicare contenuti di qualità o contenuti utili?

2. Risorse utili

Un punto interessante. Le risorse utili vengono linkate, e con questo ho scoperto l’acqua calda. Ma l’articolo che ha ricevuto il maggior numero di link è l’elenco dei siti di immagini gratis. Sul blog ho mille tutorial, ma la risorsa che ha ottenuto più link è questa. Insieme alla guida hashtag.

La caratterista vincente di queste risorse? Sì, sono complete, sono scritte bene. Ma in entrambi i casi sono state le prime, sono quelle chi hanno guadagnato prima di altri la posizione su Google.

Quando altri blogger scrivono qualcosa sull’argomento cercano fonti, trovano me. E mi permettono di ottenere link di qualità. Il segreto? Ascoltare la nicchia, seguire le discussioni. E sfruttare l’ingegno.

Per approfondire: come creare un buon tutorial.

3. Discussioni accese

Molti link arrivano da blogger che hanno partecipato alle discussioni sul mio blog, e che hanno deciso di approfondire l’argomento sul proprio spazio. “Riccardo ha detto questo, ecco il mio punto di vista”.

I vantaggi di un post molto commentato superano i confini del circuito social, vanno oltre il reader engagement e la fidelizzazione. Discutere, a volte, vuol dire anche ottenere link in entrata.

Può essere utile inserire nel tuo calendario editoriale dei post legati a un tuo punto di vista, a un’opinione personale dedicata a un tema particolarmente acceso. Ovviamente molti puntano al link baiting, al post polemico. Soluzione interessante. Ma attenzione, puoi danneggiare il tuo brand.

Per approfondire: come aumentare i commenti del tuo blog.

4. Costanza

Scrivere contenuti di qualità con costanza ti permette di guadagnare punti, di conquistare visibilità nella tua nicchia. Questo vuol dire aumentare le probabilità di ricevere richieste di interviste. Ma ti permette anche di diventare un riferimento per chi compila le classiche liste di blog da seguire.

La verità: ottenere link dofollow, quindi utili alla fine del rank, è difficile. Sempre più difficile. Ma non è impossibile. Sicuramente ci sono tecniche SEO avanzare che possono portare benefici superiori, e attività di content marketing utili per questo scopo. Io continuo a lavorare sulle pubblicazioni e sulle collaborazioni con altri blogger: quando mi chiedono un contributo non mi tiro mai indietro.

La tua opinione

Per ottenere link io punto sui contenuti che scrivo ogni giorno sul blog. Potrei fare di più, ma non posso dedicare molto tempo alle mie risorse. Ho anche un lavoro di webwriter da portare avanti.

Tu, invece, come ottieni i link? Hai una strategia o lasci tutto al caso? lascia al tua idea nei commenti.

libro blogging

Riccardo Esposito

Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

19 Comments

  1. Ciao Riccardo, leggo spesso il tuo blog ed apprezzo il tuo lavoro. Cosa dici, per esempio, di offrirsi a grandi siti di scrivere contenuti di alta qualità gratuitamente “in cambio” di un link al proprio sito? Secondo me può essere una strategia vincente e abbastanza “naturale”.

  2. riccardo… io ti avevo chiesto un intervento per il mio blog, ma non ho ricevuta risposta… magari eri troppo impegnato. saresti interessato?
    ciau

    • Ciao, in realtà non ricordo. Forse è finito nello spam, ultimamente Gmail dà i numeri. Che tipo di intervento? Manda tutto via posta elettronica.

  3. Grande Riccardo. So perfettamente ciò di cui parli…ho iniziato da poco e detto tra noi…nà faticaccia ma pian piano lo facciamo crescere sto blog! 🙂
    P.s.: grazie come sempre per gli splendidi spunti che si trovano nei tuoi articoli. Grande! 😉

  4. Devo far leggere questo post al mio responsabile marketing che mi fa tagliare costantemente i testi sui siti, perchè costano troppo…

    • Questo è un classico Daniele, c’è chi vuole avere il risultato subito, non sanno che investendo nel tempo si avrà un ritorno economico più elevato.

    • Taglia oggi, taglia domani… questa è una brutta abitudine!

  5. Ciao Riccardo, sono d’accordissimo su tutto. Va benissimo scrivere contenuti di qualità e risorse utili (per esempio ebook e pdf), ma come fare poi per pubblicizzare il proprio lavoro? Quali tecniche a tuo avviso sono le migliori?

    • Ciao Alessia,

      Con una landing page e un pulsante Click To Tweet se vuoi puntare alla diffusione sui social. Io faccio così per i miei contenuti speciali http://www.mysocialweb.it/miei-e-book-gratis/

      Puoi anche puntare su un po’ di advertising, su collaborazioni con riviste online, banner…

      • Ottima idea! Praticamente usi il servizio Pay with a tweet.. Pensi sia sempre utile o talvolta possa scoraggiare il download?

  6. Ciao Alessia ho letto la tua richiesta,non sono Riccardo,ma provo a risponderti lo stesso (sperando che possa esserti utile) 🙂
    Le tecniche sono molteplici soprattutto quelle gratuite : video su Youtube e Vimeo (con link al tuo sito);podcast su SoundCloud e Itunes,uso strategico dei social network;networking e cercare di creare rapporto con degli influencers e blogger già affermati.Guest post. In sintesi ….all inizio c’è da farsi il mazzo…. 🙂 P.s.: se butti 1 sguardo sul mio sito oltre che parlare di crescita personale e finanziaria spiego anche come fare business on line e off-line. Ciao. William

      • Alessia se puo’ esserti utile ho appena pubblicato una guida quickly x come guadagnare on line. E se spulci 1 secondo tra i miei 38 articoli troverai altri post utili per fare business on line. 😉

  7. In alcuni settori in maniera particolare si possono ancora oggi ottenere link in maniera spontanea proponendo contenuti di qualità. Si tratta, però, dei settori dove c’è meno “lotta”, meno competizione, dove c’è ancora spazio un po’ per più persone…

  8. Tecniche molto valide, ma ce ne sono altre che si basano sulla furbizia, ad esempio individuare una lista di risorse all’interno di un sito, individuare qualche link non funzionante inviare una mail all’amministratore del sito facendo presente che ci sono dei siti che non sono più attivi ed al tempo stesso segnalare il sito che si vuole far inserire nella lista di risorse.

    Ovviamente il sito deve essere un sito di valore ed attinente alla lista di risorse, ed ovviamente la mail con la quale si contatta l’amministratore del sito deve essere strutturata in un certo modo.

    Una tecnica che abbiamo sperimentato tante volte con successo.

  9. Ciao, articolo interessante e tuttora attuale, sebbene risalga ad oltre 2 anni fa.
    Quei pochi link che ottengo li faccio commentanto sui blog che seguo. Il resto è tutto lasciato al caso. Ma credo che con il tempo i backlink conteranno sempre di meno e che quindi non valga la pena concentrarsi troppo sulla loro acquisizione.
    Ciao

  10. Ciao Riccardo, penso che questo articolo sia uno dei migliori. Mi piace di tanto intanto rileggerlo per rinfrescare la memoria. Ciao

    • Grazie Massimo, è un piacere affrontare questi argomenti così importanti per chi vuole fare una buona link earning.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *