9

Come aumentare il traffico sul blog con i vecchi post

188 Flares 188 Flares ×
Tweet about this on Twitter3Share on LinkedIn72Share on Google+23Email this to someone

Vuoi migliorare le visite del tuo blog?

Certo, aumentare il traffico sul blog è un obiettivo comune. Ed è vero che per raggiungere gli obiettivi il numero generale delle visite non conta molto: resta un numero muto. Senza prospettiva. Potrei aumentare le visite a dismisura e bucare tutti gli scopi che mi hanno portato ad aprire un blog.

Inutile fare la corsa al numero: devi aumentare le visite sul blog in modo intelligente, portando le persone giuste sul tuo blog. Ho già descritto un metodo: devi rubare i lettori dei tuoi concorrenti. E devi pubblicare contenuti capaci di attirare nuovi lettori, fidelizzando quelli che ti conoscono.

Come aumentare il traffico sul blog con i vecchi post

Questo è un punto decisivo per aumentare il traffico sul blog. Nuovi articoli, nuove visite. Fa parte della natura del blog: si evolve, moltiplica le possibilità di condivisione e di indicizzazione dei contenuti. Ogni articolo diventa una porta aperta per il lettore, per il potenziale lead e cliente.

È la logica inbound marketing: creare contenuti per farsi trovare dalle persone giuste quando hanno bisogno di te. Ma non sempre è possibile pubblicare nuovi contenuti. A volte per una questione di tempo, a volte perché non hai l’idea giusta: non è il massimo pubblicare un articolo solo perché devi.

Certo, il calendario editoriale va rispettato. Ho notato, però, che puoi aumentare le visite al blog anche con i vecchi articoli. Come? Migliorando e distribuendo. Approfondiamo questi punti insieme.

Ottimizzazione dei contenuti

Il primo lavoro che puoi fare: aggiornare i vecchi contenuti con contenuti nuovi. Google ama le pagine web fresche e aggiornate. Cosa significa questo? Come aggiorno i contenuti? Con approfondimenti e notizie che trovi grazie a una buona organizzazione delle fonti. Ma non basta.

hubspot-old-new-blog-distribution

Non basta aggiungere qualche dettaglio al tuo articolo per renderlo efficace. Come puoi notare da questo grafico di Hubspot, la maggior parte delle visite arriva da vecchi post. E lo stesso vale per i lead. Quindi devi impegnarti, devi investire tempo e risorse nell’aggiornamento. Io lavoro in questo modo: seleziono le fonti in base a dei criteri. E poi miglioro i post che verranno rilanciati sui social.

1. Organizzazione dei contenuti

Io uso Evernote per raccogliere informazioni utili da utilizzare per arricchire i miei contenuti. Ho fatto una ricerca su Google Analytics e ho individuato i contenuti che mi portano più traffico. Ho creato un taccuino Evernote per ogni articolo e ho iniziato a raccogliere informazioni utili.

Informazioni a caso? No, ho fatto delle ricerche per individuare gli argomenti da approfondire, cosa vogliono le persone. Il lavoro è simile a quello che faccio prima di scrivere un post: interrogo le community e i tool che restituiscono informazioni. Però in quest’occasione ho dei dati in più.

aumentare le visite del blog

La funzione “pagine” per uno dei post più visitati di My Social Web.

Ho i dati che riguardano il post già pubblicato. Sfruttando la funzione “pagine” di SEMrush ottengo una stima delle ricerche con le quali il mio contenuto viene trovato. Faccio lo stesso con una pagina concorrente. Metto insieme i dati e inizio ad archiviare informazioni da archiviare su Evernote.

2. Cura i meta tag

Cura tag title e description. Una delle funzioni più interessanti della Search Console di Google è la possibilità di monitorare le performance dei tuoi risultati nella serp. Nella sezione puoi mettere a confronto le impression di un tuo risultato con il numero di click. Puoi scoprire quante volte è apparso e quante volte è stato cliccato, per definire il click through rate (CTR).

aumentare traffico al blog

La mia search console mentre osservo le performance di un post.

Il mio obiettivo: aumentare non solo la posizione del post nella serp, ma anche il numero di click. E posso intervenire in questo caso lavorando – ad esempio – sulla meta description. Vale a dire un testo che non viene indicizzato, ma viene mostrato nella serp e persuade l’utente: vieni a dare uno sguardo.

C’è bisogno di persuasive copy. Stesso discorso vale per il tag title, ma attenzione agli equilibri: questa stringa è un elemento importante del ranking. Quando modifico qualcosa nei tag title segno tutto nelle note di Google Analytics. Così ho traccia delle modifiche in ottica SEO copywriting.

Per approfondire: come diventare copywriter.

Distribuzione dei contenuti

La distribuzione dei contenuti è importante per aumentare il traffico sul blog, e puoi sfruttare l’ottimizzazione del post come motivo per ripresentare al pubblico quello che hai scritto. Un’operazione che molti vedono come negativa, ma non lo è se riesci a spalmare bene i contenuti nel tempo.

Certo, retweettare 20 volte l’ultimo post nell’arco di 48 ore è un’idea malsana. Ma ci sono delle buone soluzioni intermedie che ti permettono di ottenere buoni risultati senza annoiare.

1. Condividere sui social

Il primo modo utile per aumentare i lettori di un articolo: condividere sui canali social. Magari utilizzando un hashtag o una sigla per far capire che è una pubblicazione avvenuta in passato.

Una buona distribuzione dei contenuti contempla anche i tempi e i ritmi delle diverse piattaforme social: puoi riproporre un articolo già pubblicato con un titolo differente, oppure puoi portare l’attenzione verso un commento interessante o far notare un aggiornamento degno di nota.

Come aumentare il traffico sul blog

Come aumentare il traffico sul blog con i social – Fonte CoSchedule

Io, ad esempio, aggiorno con costanza il mio articolo dedicato alle immagini gratis. Ogni settimana inserisco qualche link utile, e quando lo condivido sui social annunciando questo lavoro ricevo decine di condivisioni. Esistono plugin WordPress che rendono automatica la condivisione di vecchi post, ma preferisco evitare: tratta la condivisione come qualcosa di prezioso e accurato, non come un onere.

2. Crea una newsletter

Un altro modo interessante per dare voce ai vecchi articoli: la newsletter. Puoi creare un riassunto tematico di vari articoli e suggerire agli iscritti queste letture. Oppure puoi concentrare l’attenzione del messaggio su un unico articolo, magari uno di quelli che hai aggiornato e arricchito.

La tua newsletter non pubblica liste di post ma distribuisce contenuti? Puoi creare un video o un’infografica, un contenuto unico, e distribuire nella newsletter questi lavori insieme al post.

3. Fai comment marketing

Niente spam su altri blog, ok? Puoi aumentare il traffico sul blog cercando discussioni attive su blog, forum e social network per suggerire contenuti che riguardano il tuo progetto. Ricorda: inserire un link decontestualizzato vuol dire farsi bannare. Ma se il tuo contributo è utile nessuno si lamenterà.

Prima di lavorare in questa direzione leggi le regole della community, assicurati che sia possibile inserire link. E introduci il collegamento con un testo, con la spiegazione di quello che stai facendo.

Per approfondire: come ottenere il massimo con il comment marketing.

Come aumentare il traffico sul blog: la tua opinione

Questa è la mia strategia per aumentare il traffico sul blog senza pubblicare nuovi articoli. Per guadagnare con il blog devi sempre puntare a un traffico di qualità, non solo al numero di Google Analytics: guarda anche altre metriche, non solo alle visite assolute che arrivano sul blog.

Studia il tempo di permanenza, il bounce rate, la percentuale di nuove visite. E fissa degli obiettivi su GA, tipo le persone che compilano un form: sono indispensabili per dare un senso a quello che pubblichi. Sei d’accordo? Tu come aumenti le visite del tuo blog? Lascia le tue idee nei commenti.

libro blogging

Riccardo Esposito

Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

9 Comments

  1. Perché come hai scritto “Non si può pubblicare un articolo solo perché devi”.
    A volte impazziamo per creare e pubblicare nuovi contenuti, mentre potremmo sfruttare ancora e con una buona strategia, i “vecchi post”.

    • Ah, certo.

      Sfruttare i vecchi contenuti per aumentare le visite del blog e portare nuovi lettori è una strategia vincente. Non tutti ti seguono da sempre, forse ci sono follower che vogliono conoscere le tue vecchie pubblicazioni.

  2. Ciao, Un articolo molto utile. Infatti questi giorni mi sto preparando studiando in profondità sul tuo blog. Mi piace tantissimo quanto è organizzato bene. Sembra l’intero blog come fosse scritto negli ultimi mesi e giorni. Anche i post di anni fa. Perchè tutto è ben aggiornato. Grazie.

    • Beh, dai. Non tutto. Però faccio sempre un gran lavoro per mantenere tutto in linea. Voglio che i lettori trovino sempre il massimo. Anche quando arrivano su pagine vecchie.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *