9

Come spendere 1000 euro per migliorare il tuo blog

23 Flares 23 Flares ×
Tweet about this on Twitter30Share on LinkedIn6Share on Google+17Share on Facebook0

Immagina una situazione assurda, paradossale: vai in mansarda o in cantina, apri il cassetto di un mobile antico. C’è una busta. Dentro alla busta trovi 1.000 euro. In contanti, puliti.

Una manna scesa dal cielo. La prima reazione: balli, canti, grida di gioia. Qualche lacrima. Rotoli fuori dalla cantina o dalla mansarda, baci la prima persona che trovi (moglie, marito, nonna, zio padre, madre, cane, parrocchetto) e chiudi gli occhi. Ti inginocchi e inizi a piangere come un bambino.

Come spendere 1000 euro

Sì, ogni tanto la fortuna guarda verso di te. E tu adesso hai 1000 euro da spendere come preferisci. Beh, aspetta. Forse puoi usare questi soldi per affrontare una spesa in calendario o per ammortizzare la botta delle tasse. Se sei freelance e hai una partita IVA conosci l’argomento, vero?

Come spendere 1.000 euro in modo intelligente? Le risposte sono infinite, però io voglio restringere il campo e dedicare spazio a mio mondo: ho deciso di investire questa somma per migliorare il mio blog. Riprendo la domanda lasciata da Francesco Gavello e divido la risposta in 5 alternative.

Risorse

Difficile spendere l’intera somma in questo modo, ma puoi dare un buon colpo ai 1000 euro acquistando risorse necessarie: hosting, template, plugin. Una casa sicura per il tuo blog è indispensabile, e con questa somma inaspettata puoi regalare tutto quello che serve al tuo blog.

Consulenza

Un buon modo per spendere 1000 euro. Il tuo blog sta invecchiando, o forse è nato con qualche problema che ha segnato la sua crescita. Spesso è colpa del codice, o di un tema poco felice. Oppure hai creato tag e categorie a caso, hai lavorato male con i link interni. O hai scelto dei colori balordi.

Come spendere 1000 euroIl tuo blog ha dei problemi estetici, di posizionamento, di usabilità. Può essere un nodo legato al brand o all’organizzazione dei contenuti.

Non puoi saper fare tutto, non sei la sintesi vivente di una digital agency: ecco perché esistono i consulenti. Affida il tuo blog a un professionista.

Individua il problema, lasciati guidare. Ecco come spendere 1000 euro per migliorare il tuo blog: paga un consulente SEO per migliorare il blog e risolvere i problemi che lo legano in fondo alla serp, un web designer per limare le sbavature, un webmaster per sistemare falle del codice. Vuoi qualcosa in più? Pensa a un restyling (non è detto che bastino 1000 euro) o investi questi soldi per creare una landing page efficace: è il modo migliore per migliorare il tuo blog in chiave strategica.

Tool

Il web è pieno di tool per migliorare la tua attività di blogger. Ci sono strumenti per ottimizzare le relazioni social, raccogliere fonti come i lettori di feed RSS, analizzare la struttura e il profilo dei link in ingresso. Mille euro è una bella cifra: puoi siglare un abbonamento per il tool dei tuoi sogni.

Formazione

Qui apri una porta aperta. Non hai bisogno di trovare 1000 euro per investire soldi in formazione: questo è un vero e proprio obbligo per un freelance. Non puoi ignorare questo punto: il web cambia, le competenze mutano e la tua professionalità ha bisogno di esperienze. Di nuova linfa vitale.

Come guadagnare con il blog? Molti lettori mi lasciano queste domande nel gruppo Facebook o via email. Ecco, come guadagnare di più: diversificando le entrate, lavorando su pochi (grandi) progetti e aumentando i prezzi. E tutto questo lo puoi fare solo se mescoli bene competenze teoriche e pratiche.

Quindi puoi investire i 1000 euro in formazione. Non spendere, attenzione: investire. Perché quando lavori sulla buona formazione stai gettando le basi per il tuo blog. E più in generale per il tuo futuro.

Per approfondire: come rifiutare i lavori e guadagnare di più.

Digital detox

Il digital detox è un buon modo per migliorare la tua attività di blogger e la tua vita professionale. Devi staccare la spina per ricominciare con forza: non puoi mantenere lo stesso ritmo per mesi. E una vacanza può essere l’ideale, soprattutto se hai 1000 euro da investire.

Promozione

Puoi spendere questa cifra per promuovere il tuo spazio web acquistando banner su blog di settore, puntando sul circuito AdWords o promuovendo i contenuti con l’advertising. Facebook è la soluzione ideale per dare al tuo blog una marcia in più, per organizzare delle campagne sui social.

Spendere le tue risorse per fare promozione è una cosa buona e giusta, ma devi pianificare le tue azioni e non devi bruciare il denaro con operazioni senza senso. Per un blog appena nato, ad esempio, puoi fare advertising su ogni post che pubblichi: devi farti conoscere dal tuo pubblico.

facebook

Per un progetto avanzato, invece, può essere interessante puntare su una pubblicità dedicata a un obiettivo specifico: fare lead generation e ampliare i contatti della newsletter potrebbe essere un esempio. O promuovere una pagina specifica con delle risorse utili per far crescere il tuo business. Ad esempio una landing page per trovare clienti online o per vendere un infoprodotto.

Puoi investire una piccola somma per spingere gli articoli migliori, per diffondere i tuoi post e intercettare traffico per far crescere il blog e per intercettare nuovi lettori. Ma non dimenticare mai lo scopo ultimo del tuo blog: trasformare i lettori in clienti e non collezionare visite.

Come spendere 1000 euro: la tua opinione

Qui trovi la mia opinione per rispondere alla domanda del giorno: come spendere 1000 euro (trovate a terra) per migliorare il tuo blog? Con una consulenza mirata, investendo in formazione, facendo una buona promozione e creando una pubblicità ragionata. E magari lasciando qualche risorsa per i tool.

Mention, Talkwalker, Hootsuite, Feedly: hai solo l’imbarazzo della scelta. Questi strumenti possono aiutarti a migliorare la tua strategia di blogging, lo stesso vale per un plugin di qualità o un template. Tu come spenderesti mille euro travate per caso in un cassetto? Aspetto i tuoi consigli nei commenti.

libro blogging

Riccardo Esposito

Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

9 Comments

  1. Ciao Riccardo! Peccato non avere né mansarda nè cantina…
    Altra spesa può essere mirata ai contenuti, ad esempio un accesso ad un servizio di immagini premium. Quelle non bastano mai.
    Mi piacerebbe approfondire il discorso “risorse”: quali secondo te sono i plugin che meritano ogni euro che possiamo dargli?

    • Sicuramente i plugin per la condivisione sui social, ci sono delle soluzioni raffinate come Monarch. Ma un buon investimento è quello legato ai plugin per fare lead generation. Di solito sono a pagamento perché chi ne ha bisogno è disposto a investire per profilare contatti. Faccio qualche accenno qui http://bit.ly/24AscLf ma sto pensando di approfondire proprio questo punto: i migliori plugin per fare lead generation. Che ne dici?

        • Infatti, eccolo http://blog.serverplan.com/2016/03/03/7-plugin-wordpress-per-fare-lead-generation/

      • Io parte dei 1000 euro li investirei in sicurezza, aspetto spesso sottovalutato. Quindi un buon servizio di backup (ve ne sono per ogni piattaforma) e plugin per migliorarne le difese in caso di tentativi di violazione. Ovviamente in quest’ottica un hoster affidabile (e quindi non cheap) è necessario.

        • Ciao Massimo,

          Grazie per il commento: qualche esempio di plugin per migliorare la sicurezza del blog?

          • Per Joomla consiglio:
            – Admin Tools Professional;
            – Akeeba Backup Professional;
            singolarmente costano € 48,80/anno, in bundle € €73.20 al netto di coupon/promozioni.

            Sì, non esiste solo WordPress 😉

  2. Altra idea? Prova a chiedere a un web marketing analyst di analizzare fonti di traffico e flussi di navigazione interni del tuo blog allo scopo di comprendere dov’è il tuo problema, invece di cercare di indovinarlo da solo e magari finire per rivolgerti a un consulente SEO quando il tuo problema è legato alla lunghezza eccessiva del funnel interno. Così, solo un suggerimento. 🙂

    • Un suggerimento che approvo al 100%: spesso l’attenzione verso queste dinamiche è ignorato. Facciamo corsi di scrittura online, di SEO, di web design… e poi poniamo attenzione a elementi del blog distanti dalle esigenze del pubblico.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *