4

Tag Title: 6 soluzioni per farti notare nella SERP

89 Flares 89 Flares ×
Tweet about this on Twitter78Share on LinkedIn79Share on Google+10Share on Facebook0

Il tag title è uno dei punti più importanti di un articolo, e più in generale di una pagina web. Quando inserisci questa stringa devi valutare con attenzione le parole perché possono fare la differenza.

Sai cosa è il tag title? Si tratta del titolo HTML che dai al documento. Viene mostrato nella tab del browser, nella serp di Google e nelle preview dei link condivisi sui social. Il tag title è un elemento decisivo per l’ottimizzazione di una pagina web perché ha un forte impatto sul posizionamento.

tag title

Proprio così. Il tag title contenuto comunica a Google l’argomento principale del tuo lavoro, quindi ha una gran rilevanza in termini di SEO on page. È come il titolo di un libro: mi permette di capire cosa sto per leggere. Questo significa che devi scegliere bene le keyword da inserire in questo spazio.

E lo devi fare pensando non solo ai volumi di ricerca, ma anche al SEO copywriting: devi inserire le keyword e, allo stesso tempo, devi ottenere un tag title persuasivo. Capace di attirare l’attenzione delle persone che sfogliano la serp o la home page di Facebook. Ecco un piccolo vademecum sul tag title.

Tag title: istruzioni per l’uso

Il tag title è fondamentale, questo è un punto chiaro. Ma quali sono i punti imprescindibili per sfruttare al massimo questa stringa? Cosa deve fare il bravo blogger per usare, nel miglior modo possibile, questo contenuto che tanto piace a chi si occupa di ottimizzazione SEO? I punti importanti:

  • Usa le keyword più rilevanti per quella pagina.
  • Non superare i 65 caratteri (circa) altrimenti Google taglia.
  • Inserisci un tag title diverso per ogni pagina.
  • Le keyword a sinistra hanno più rilevanza.
  • Niente termini generici tipo Home o Untitled Document.
  • Non fare keyword stuffing.

Scegliere un buon tag title non è facile perché devi conciliare le esigenze del motore di ricerca con quelle degli esseri umani. Per migliorare questo rapporto puoi sfruttare WordPress SEO by Yoast. Su questo CMS il tag title si genera scrivendo il titolo del post, ovvero l’H1.

Di base non puoi modificare questo equilibrio, ma con il plugin citato (lo fa anche All In One SEO Pack) puoi creare due titoli differenti: uno visibile nella home page e uno per i motori di ricerca. Io uso questa funzione quando l’headline è troppo lunga e non voglio che Google tagli il risultato.

WordPress SEO di Yoast ti permette di ottenere una preview del risultato, ma ricorda che Google può modificare il title nella serp per aiutare l’utente a comprendere il contenuto della pagina.

Mountain View “migliora” il tuo lavoro e cambia il tag title in modo che sia breve, descrittivo e rilevante come suggerisce Matt Cutts. Ecco, invece, come puoi ottimizzare il titolo in termini di SEO copywriting.

1. Lista puntata

Le persone amano i numeri, non resistono di fronte a una lista puntata. Il meccanismo è immediato: cerchi una soluzione, hai bisogno di un’informazione rapida o di uno strumento utile per risolvere un problema. Ed ecco che appare il risultato sperato: un elenco puntato.

Tag Title: 6 soluzioni per farti notare nella SERP

La ricerca di Conductor: quali sono le headline efficaci?

Un insieme di risorse utili per rispondere alla domanda espressa nella query. Diverse ricerche (tipo quella di Conductor) sottolineano l’efficacia della lista puntata: è un titolo che funziona sempre, e che inserisco in questa lista perché riesce a conciliare le esigenze della SEO e del copy persuasivo.

Da leggere: 4 motivi per non usare le liste puntate

2. Benefit

Puoi inserire i benefit, i vantaggi competitivi del tuo bene o servizio, nel tag title. I potenziali clienti non hanno tempo da perdere, vale lo stesso discorso delle liste puntare. Vogliono informazioni chiare e immediate, vogliono sapere perché devono cliccare sul risultato che hanno trovato.

Il tuo compito? Rispondere a questa esigenza con un titolo capace di sintetizzare i punti decisivi: spedizioni rapide, il prodotto a casa in meno di 24 ore, assistenza gratuita. Cosa puoi offrire al cliente?

3. Brand

Spesso il brand è la keyword più importante di un tag title. Non sempre, non è facile capire qual è il momento per puntare su questa soluzione. Ma le branded query rappresentano un punto d’arrivo.

Il motivo? Le persone si fidano di te. Cercano le tue scarpe, cercano il tuo frigorifero. Cercano il tuo prodotto. Non uno qualsiasi. E la presenza del brand nel tag title può essere la leva più efficace per spingere un utente verso il click. In questi casi un’analisi SEO ti può aiutare a scoprire quali sono i volumi di ricerca e se conviene investire in questa direzione.

4. Call to action

Questa è un’idea interessante: inserire nel tag title la call to action. Il titolo è l’elemento più importante dello snippet e cattura l’attenzione del lettore. Fondere l’informazione principale con l’invito all’azione può essere una soluzione per catturare il click dell’utente già orientato all’acquisto.

call to action

Una call to action nella serp.

Ma non solo. La call to action non deve essere collegata per forza alla transazione, ma può suggerire altre azioni. In molti settori funziona l’imperativo “cerca”, in altri può essere sfruttato il verbo “compara”. Dipende dal contesto, dipende dalle intenzioni di ricerca e dalle esigenze del pubblico.

Da leggere: come scrivere una call to action che funzioni

5. Statistiche

Vuoi dare un valore scientifico al tag title? Usa le statistiche. Usa i numeri, ma questa volta per dare una spinta al tuo prodotto o servizio: “Questo prodotto aumenta del 120% le tue vendite”. In questo modo fai leva sulla necessità dell’individuo di avere delle rassicurazioni, dei punti fermi. Condizione essenziale: non prendere in giro le persone. Hai delle certezze? Mostrale.

6. Prezzo

Inserire il prezzo nel tag title è l’ultimo consiglio della lista. Ed è un modo per dare informazioni chiare al potenziale acquirente: ci orientiamo verso questo settore, abbiamo prezzi alti. Oppure bassi. Dipende dal tuo business model, ma inserire questo numero nel titolo può essere una buona soluzione per scremare fuffa e intercettare utenti interessati.

In questo caso punto l’attenzione sulla genuinità delle informazioni. Non puoi attirare i click con promesse che non vengono mantenute. Mi suggerisci camere a partire da 60 euro? Voglio trovare queste soluzioni. Non mi puoi portare sulla pagina con una menzogna. Altrimenti hai perso un cliente.

Attenzione alla description

Ho elencato 6 soluzioni per ottimizzare il tag title di una pagina web. Ma non devi dimenticare che gran parte del lavoro viene svolto dalla meta description, una stringa di testo che si trova sotto al tag title e ti permette di definire il contenuto. Tra tag title e meta description c’è sinergia, complicità, armonia.

tag title e description

Gli elementi principali della serp: title, description, sitelink.

Con un buon lavoro di persuasive copywriting puoi creare un equilibrio tra questi micro contenuti: il tag title è immediato, sintetico, capace di attirare l’attenzione dell’utente distratto. La description alimenta la curiosità, dà qualche informazione in più e invita il lettore a continuare il percorso.

Per approfondire: il persuasive copy che non potrai rifiutare

Tag title e SEO copywriting: la tua opinione

Per lavorare con il tag title devi conoscere il settore. Devi usare i SEO tool adeguati per ottenere informazioni utili e devi avere una sensibilità particolare per unire l’attenzione nei confronti di Google e persuasive copy. Persone e motori di ricerca fanno parte dello stesso mondo, dello stesso equilibrio.

Non puoi ragionare attraverso compartimenti stagni. Non qui, non ora. Io credo che con un buon lavoro sul tag title e sulla meta description puoi ottenere degli ottimi risultati, e puoi verificare il tutto nella sezione query di ricerca della Search Console. Mai dimenticare il principio base: test, test e ancora test. Tu hai già iniziato a lavorare sul tag title? Raccontami la tua esperienza.

libro blogging

Riccardo Esposito

Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

4 Comments

  1. Ciao Riccardo, ma tu usi un tag title diverso per All in one Seo Pack? Non lo stesso? Mentre per le meta sempre nello stesso plugin?
    Grazie in anticipo.

  2. Ho trovato tanti buoni consigli. Bisogna scrivere per i lettori e non per Google ( come d’altronde scrivi anche tu nel tuo blog).

  3. Spunti interessanti, i crawler considerano questo tag come uno degli elementi più importanti. Sottolineo che è importantissimo utilizzare titoli diversi e unici per ogni pagina del sito.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *