10

Come scrivere il titolo di un articolo: 3 passaggi decisivi

Shares

Oggi voglio dedicare spazio a un tema decisivo per me: come scrivere il titolo di un articolo. Questo è il punto più importante del tuo lavoro, del tuo essere blogger: con questa stringa ti giochi tutto. Quindi devi puntare al massimo e avere tutte le carte in regola per portare click sul tuo blog.

come scrivere il titolo di un articolo

In fin dei conti questo è il punto che ci interessa: i titoli aiutano ad aumentare le visite del blog. Una buona headline ti permette di attirare lo sguardo del lettore e di conquistare la sua attenzione. Anche in una situazione congestionata come la serp o la home page di Google. Quindi, imparare a scrivere una buona headline è il primo passo per avere un blog di successo.

Ma come si scrive il titolo di un articolo? Basta lasciare le prime idee che ti passano per la testa? Esiste una tecnica? Puoi parlare di una soluzione utile per creare titoli accattivanti ed efficaci? Io ho la mia tecnica, sviluppata negli anni e che insegno durante il corso di blogging. Vuoi sapere qual è?

Dove scrivere il titolo

Prima di iniziare ti lascio la base: il titolo del tuo articolo deve essere inserito nel primo campo di WordPress. In questo modo crei H1 e tag title, il titolo visibile nella pagina e quello dedicato a Google che appare nella serp. Ma non solo, in base alle impostazioni scelte il tag title può essere richiamato nella preview link di Facebook e degli altri social.

Con WordPress hai la possibilità di creare una headline per ogni piattaforma. Devi solo montare il plugin WordPress SEO by Yoast: questa estensione ti consente di creare un tag title indipendente per ogni pagina e di scegliere un titolo per le diverse piattaforme social. Il titolo viene ripreso dal permalink? Ti conviene cambiarlo lasciando sempre le keyword che ti interessano.

3 passaggi utili

Ci sono 3 passaggi importanti per scrivere un titolo. Non sto parlando di formule magiche ma di elementi semplici, di buon senso e che spesso vengono dimenticati. Perché c’è fretta, perché si vogliono raggiungere risultati immediati senza pensare al lungo periodo, alla qualità percepita.

Come scrivere il titolo di un articolo

Insomma, come scrivere il titolo di un articolo? Devi puntare su informazione, persuasione e ottimizzazione SEO. Questi sono i punti da ricordare e da inserire in ogni stringa di testo. Vuoi qualche informazione specifica per ognuno di questi aspetti? Eccomi, non aspetto altro.

Informazione

Il primo punto è semplice, immediato, quasi banale: il titolo deve informare, deve racchiudere il motivo che dovrebbe spingere l’utente a cliccare. Nel titolo devo lasciare un’informazione chiara, senza sfumature e dubbi. Le persone devono capire subito cosa troveranno nel post, senza incertezze.

Non devi cadere nella trappola del click baiting. Vuoi giocare sulla curiosità? Certo, puoi farlo. Ma non devi dare informazioni errate, non puoi guadagnarti i click pensando di ingannare l’utente. In questo modo perdi l’autorevolezza che è il bene più prezioso per un blogger.

Ottimizzazione SEO

Nel titolo devi dare peso al lavoro di SEO Copywriting. Scrivi per le persone e non per i motori di ricerca, però il tag title è un elemento decisivo per posizionare un contenuto. Google prende in gran considerazione questo elemento, ed è giusto inserire nel titolo le keyword principali.

Come scrivere il titoloDeve essere per forza così? Chiaro, esiste il plugin di Yoast e puoi differenziare questi contenuti. Puoi scrivere un titolo per la home page del blog e uno per la serp. In questo modo puoi giocare con le headline e rispettare le regole della scrittura SEO.

Oggi il titolo apparso su Il Mattino in occasione del terremoto in Irpinia avrebbe due versioni: “Fare presto” in home page e “Terremoto in Irpinia: tutte le informazioni e i dati” nel tag title. A monte c’è un lavoro di scelta delle keyword. Molti si basano solo sul volume di ricerca di una combinazione esatta di keyword. Ed è qui che nascono titoli che non hanno alcun senso, brutti da leggere e privi di mordente. Io ti dico questo: prova a fondere la buona informazione e la scelta delle keyword (aspetti quasi sovrapposti) con un minimo di persuasione.

Persuasione

Questo è l’ingrediente speciale. Se vuoi aumentare i click sul blog devi puntare su una headline persuasiva. O meglio su un titolo che sappia toccare le emozioni giuste, la sensibilità delle persone. Quali sono i punti essenziali? Come scrivere il titolo di un articolo?

  • Scarsità – Devi puntare sulle risorse scarse per eccellenza, il tempo e il denaro.
  • Insicurezza – Innesca il dubbio, insinua il tarlo dell’insicurezza.
  • Perdita – Le persone hanno paura di perdere qualcosa.
  • Statistica – Usa il dato statistico per colpire l’attenzione.

Ci sono mille modi per scrivere un buon titolo ed è impossibile riassumere tutto qui, in questa sede. Ecco perché ho deciso di lasciarti i principali articoli pubblicati su My Social Web e dedicati all’argomento headline. Qui trovi tutto ciò che ti serve: buona lettura e buon blogging.

Intorno al titolo

L’headline è il punto di partenza, l’elemento decisivo per catturare l’attenzione del lettore. Ma la decisione del lettore non dipende solo dal titolo: ci sono una serie di microcontenuti che guidano la scelta del pubblico. Devi valutare tutto, anche ciò che si trova intorno.

Sto parlando delle stringhe che introducono e spiegano il titolo. Nel codice puoi lavorare con la meta description, un testo di circa 145 battute che appare nella serp e sui social. Sulla pagina web puoi inserire il sottotitolo per spiegare al lettore cosa troverà nel post. Questi elementi supportano, rafforzano, spiegano il titolo e guidano il click verso il buon esito. Caratteristiche di questi campi:

  • Sintetici.
  • Veritieri.
  • Puntati sui benefit.
  • Con call to action.

La call to action è decisiva in questi casi. Non deve esserci sempre altrimenti diventi monotono, ma io amo mettere un rimando amichevole alla possibile lettura del post: “In questo articolo affronto il tema dell’inbound marketing. Vuoi dare una marcia in più alla tua azienda? Vieni a dare uno sguardo”.

Per approfondire: come scrivere una call to action che funzioni

Come scrivere il titolo di un articolo?

Devi rispettare tre punti fondamentali per scrivere un titolo efficace: informare, persuadere e rispettare i motori di ricerca. Sei in grado di lavorare in questa direzione? Credi che sia semplice in ogni occasione puntare sulle emozioni senza dimenticare le informazioni? Lascia le tue domande nei commenti, affrontiamo insieme questo tema.

libro blogging

Riccardo Esposito

Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

10 Comments

  1. Grazie per questo articolo davvero molto utile, Riccardo.

    Per me l’informazione è l’aspetto prioritario. Con il titolo prometti al lettore certi contenuti, e se nell’articolo mantieni la promessa guadagnerai in autorevolezza e in fiducia, due fra i risultati più importanti in assoluto per un blog.

    Ti vorrei fare una domanda. Io limito sempre la lunghezza del titolo per evitare che Google lo tagli nei risultati, ma ho notato che molti blog (anche importanti) hanno spesso titoli che superano la lunghezza massima. Secondo te quanto è importante questo aspetto?

    Ciao

    • Proprio per quel punto che ho sottolineato: con WordPress SEO by Yoast posso scrivere un titolo visibile nel post lungo, molto lungo, ma un tag title capace di rispettare le regole di Google.

  2. Ottimo suggerimento quello di scrivere un titolo per il blog e uno per Google (il meta title facilmente impostabile con Yoast SEO). Io lo faccio spesso ed è molto ma molto utile!

    • Ciao Alessia,

      Non lo faccio sempre, di solito i titoli li ottimizzo alla base. ma senza ombra di dubbio la possibilità di scrivere un titolo ottimizzato per i motori di ricerca e uno per l’occhio umano è una gran cosa.

      Tu crei ogni volta due titoli?

  3. Ottimo articolo come sempre, certo il pericolo di cadere nel click baiting è sempre in agguato. Il problema è il capire come non superare il confine tra informazione/click baiting.

    • Pensa al punto “informazione” e ragiona su questa domanda: sei sincero? Sai, alla fine io credo che il confine sia chiaro. Molto chiaro. Se ci pensi bene lo capisci chiaramente se un titolo è sincero oppure no: puoi incuriosire, ma devi sempre mantenere le promesse.

    • Una volta scritto l’articolo, rileggi il titolo e verifica che ad ogni domanda presente (esplicita o implicita) sia data risposta.
      Il titolo di questo articolo, per esempio, promette “3 passaggi decisivi”: sono presenti nel testo? Sì, quindi il titolo è persuasivo ma non inganna, fa una promessa che verrà mantenuta.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *