Cos’è il web writing: anatomia di una professione

Quali sono i passaggi essenziali per scrivere online? Ecco quello che ti serve per capire cos'è l'universo web writing e come si articola questo percorso sempre decisivo.

7

Cos’è il web writing? Dire quell’attività online che permette ai proprietari di blog, portali, ecommerce e siti web di accogliere gli utenti con contenuti utili e informativi.

Ma anche di portare le persone verso un obiettivo specifico. Ad esempio la vendita. Può essere una buona definizione? Cos’è il web writing? Bastano queste parole?

Cos'è il web writing
Cosa significa scrivere per il web?

In parte sì, è una spiegazione razionale. Ma il lavoro del web writer è molto più articolato. Spesso i problemi legati al lavoro online nascono proprio da questo passaggio: non c’è una buona comunicazione, una definizione della scrittura.

Cos’è il web writing? Semplice scrittura? Un modo per mettere in pratica quello che hai imparato a scuola? In questo articolo voglio tracciare un percorso per avere sotto controllo tutti i passaggi indispensabili per comprendere questo mondo.

Una definizione di web writing

Non esiste un unico modo per intendere il web writing. In realtà questa professione è variegata, ricca di sfumature. Quando mi chiedono informazioni sulla scrittura online rimango sempre di stucco.

Ho bisogno di tempo per spiegare tutto ciò che si trova intorno a questo tema. E le competenze necessarie per esercitare.

Quindi, quanti tipi di web writing conosci? In primo luogo c’è la scrittura delle pagine di un sito web, il classico progetto della PMI che ha bisogno di un punto di riferimento online. Qui scrivi le pagine Chi Siamo e Servizi, dai forma alle necessità di un’azienda di essere rintracciabile online. E crei testi convincenti.

Poi ci può essere un web writing orientato al blogging, qui devi scrivere gli articoli sul diario online. E poi c’è la specializzazione legata al buon copywriting.

Qui le bozze piene di contenuto lasciano il posto al lavoro raffinato: naming, tagline, headline, elementi che permettono a una landing page di ottenere grandi risultati. Pagine web, articoli, titoli e call to action: solo questo è il web writing?

Ci sono anche competenze specifiche

Tipo quelle che ti rendono un professionista nel settore dell’e-commerce o delle landing page. Molti web writer si specializzano non in base alla piattaforma ma all’argomento. Food, travel, beauty, tech: ci sono competenze specifiche.

Cos’è il web writing secondo te? Io punto su un percorso creativo che ti porta verso una realtà definita. Puoi scrivere molto, non puoi scrivere tutto.

Da leggere: qual è la differenza tra web writer e copywriter

Chi è e cosa fa il web writer

Il web writer scrive per accontentare due figure: il lettore e il motore di ricerca. Il più importante? Sicuramente il primo perché è quello che acquista, prenota, scarica.

Google lo dice: scrivete per le persone, non per i motori di ricerca. L’ottimizzazione SEO di un articolo segue questa linea, con l’aggiunta di qualche dettaglio.

wordpress seo by yoast
Ottimizzazione SEO dei meta tag.

Ad esempio? Il tag title, l’elemento più importante per il posizionamento di una pagina web. Poi c’è la meta description, che annuncia i dettagli che trovi nella stringa dello snippet. Queste sono nozioni che un web writer deve maneggiare.

Perché la scrittura online deve remare nella giusta direzione. Ovvero quella che viene indicata anche in questo schema: creare il contenuto ideale.

Cosa significa creare il contenuto ideale?

Ci sono ricerche trasazionali che puntano al fare qualcosa. Poi trovi le query navigazionali che si muovono verso un sito web specifico e quelle informazionali che cercano informazioni rispetto a un argomento più o meno specifico.

keyword

E che sono la maggior parte delle richieste effettuate su Google, circa l’80%. Il compito del web writer: creare testi capaci di rispondere a questa logica. Cos’è il web writing? Una logica che, in buona sostanza, divide i contenuti in 3 parti:

  • quelli che danno informazioni di base.
  • le pagine commerciali (landing page)
  • gli articoli del blog aziendale.

Quest’ultimi forniscono informazioni e soddisfano esigenze non direttamente legate alla vendita. In questo modo, però, la logica inbound marketing si delinea definitivamente attraverso il blog e si mette in pratica con successo.

Come diventare web writer: le competenze

Quali sono le competenze necessarie per diventare un web writer? Questa è un’altra domanda che dovrebbe essere affrontata da un libro, magari da un trattato.

In realtà le sfumature dipendono dall’incarico, dal lavoro da seguire. Ma ci sono delle caratteristiche universali che valgono in tutte le occasioni. Allora, come si diventa copywriter? Cos’è il web writing? Ecco la base di partenza.

Conoscenza della buona scrittura

Sai di cosa sto parlando, vero? La base di partenza è la lingua italiana e devi conoscere tutti i dettagli del terreno di gioco. Scrivere bene è una sfida, accettala.

Personalità e stile

La conoscenza di base è importante, ma non deve mai mancare la tua impronta personale. Il tuo stile. La tua capacità di trasformare un blocco di testo in qualcosa di unico. E di riconoscibile. Non rinunciare mai a tutto questo.

Leggibilità e struttura del testo

Un web writer non deve solo saper scrivere, deve organizzare il testo in modo da ottenere il miglior risultato possibile in termini di leggibilità. Devi essere interessante e sempre facile da scorrere mentre le persone sfogliano il tuo lavoro.

Ottimizzazione SEO delle pagine

Google ama i contenuti scritti bene, utili per le persone. Quindi chi lavora in questo settore deve essere in grado di lavorare sull’ottimizzazione di una pagina. Cos’è il web writing? Non devi essere un SEO expert, ma un autore preparato.

Cura maniacale delle fonti

Chi lavora come web writer deve scegliere e valutare le fonti per scrivere un articolo, compilare un itinerario, descrivere un prodotto o un servizio. Tutto questo ha bisogno di competenza. Per questo devi essere capace di individuare le migliori fonti.

Come trova lavoro un web writer

Ci sono diversi modi per trovare lavoro nel mondo del web writing. All’inizio non è facile, tutti scalpitano alla ricerca di un contatto. Soprattutto se non hai un nome forte alle spalle. Il primo passo è questo: fare in modo che la tua identità sia associata a valori positivi. Quindi devi puntare sul personal branding.

Il modo migliore per procedere? Sei un web writer, quindi ti consiglio di aprire un blog. Un blog su WordPress self hosted, capace di veicolare il tuo valore. L’inbound marketing funziona, devi attirare le persone sulle landing page e vendere i servizi.

Ad esempio quello di articolista, di digital PR o di copywriter. Sei tu a gestire i flussi e a sceglierti i contatti. Questa è la strada più difficile ma anche quella più conveniente nel tempo perché ti rende indipendente nel trovare clienti online.

Come trova lavoro un web writer
La citazione più famosa sul lavoro.

Questo è anche il modo migliore per guadagnare con un blog. Ma ci sono vantaggi indiretti, nel momento che usi il blog per lavorare sul brand ti arrivano una serie di contatti da fonti differenti. Ad esempio Facebook. La gente legge i tuoi articoli.

Poi ti scrive nella chat: “Ehi, vuoi fare questo per me?”. Lo ripeto, non è un processo immediato. Non è neanche certo. Però funziona e ti porta tanti clienti.

Altri modi per trovare lavoro online? Ci sono i siti che trattano offerte di lavoro per web writer, come Jobrapido, ma in questi casi è difficile seguirli tutti. Io ti consiglio di creare un Google Alert con le parole “web writer” e “copywriter”:

Il programma ti aggiornerà via email con gli annunci che ti riguardano. Ci sono anche siti come Melascrivi, O2O e Greatcontent che mettono in contatto autori e clienti. Possono essere delle buone palestre per iniziare, ma poi devi svincolarti.

Da leggere:  listino prezzi e tariffario copywriter, quanto guadagna

Webwriter freelance o dipendente?

Come web writer freelance hai tanta libertà ma anche una bella responsabilità. Non c’è stipendio, non ci sono garanzie, sei solo davanti ai problemi della partita IVA. Il web writer dipendente, invece, ha una struttura alle spalle.

In questo caso il web writer può fare affidamento ai colleghi, può avere un supporto pratico. Ma è limitato, deve seguire la linea. E non può guadagnare oltre ciò che è stato stabilito. Però ci sono le ferie e i benefit. Dipende dalla forza d’animo.

Quanto guadagna un web writer?

Questo settore è attraversato da una vena problematica che risponde al nome di sottocosto. Ci sono persone che scrivono per pochi denari.

Parlo di individui che si fanno pagare 1 euro ad articolo. E questo non va bene perché così tutto il settore si appiattisce, i clienti pensano di fare un grande affare ma in realtà stanno comprando un servizio scadente che non porterà risultati.

Quindi sarà sempre colpa di chi scrive se le cose andranno male. Invece bisogno investire. Quando costa un articolo? Quanto farsi pagare per un post? Dipende, non esiste un prezzo definito a priori. Ma non puoi partire da due o tre monete.

Puoi avere come base di partenza 20 euro e poi aggiungere dei benefit che fanno salire il prezzo a 30 o a 40, è una soluzione per creare un preventivo efficace.

I passaggi essenziali per fare un preventivo.

Ma quanto vale realmente il tuo lavoro? Puoi guadagnare di più con la scrittura online? Sì, ma devi essere disposto a creare dei contenuti degni del tuo nome.

Ed è qui che la differenza è evidente: il brand, se sei un professionista conosciuto puoi alzare il prezzo. Altrimenti è difficile ottenere la fiducia del cliente. Questo a prescindere dalla qualità del lavoro che deve essere sempre confermata.

Cos’è il web writing per te?

In questo articolo trovi la mia opinione sull’argomento web writing. Qui trovi ciò che devi sapere per lavorare bene in questo mondo, e come trovare lavoro. Puoi approfondire anche alcuni passaggi indispensabili sulle caratteristiche di base.

Ma non basta tutto questo: aspetto la tua opinione nei commenti. Vuoi aggiungere qualcosa? Cos’è il web writing per te, in base alla tua esperienza?

7 COMMENTI

    • Ciao Federica, grazie per il tuo commento. Quello che ho cercato di riportare in questo post è l’essenza del web writing, quelle che sono le implicazioni legate a al lavoro di scrittura. Secondo te qual è l’ostacolo per chi inizia a lavorare nel mondo del web writing?

  1. Ciao Riccardo, mi occupo da poco di scrittura per il web e sto cercando di “darmi un’etichetta”, cosa che mi dà qualche grattacapo perché a volte i confini tra le vari professioni sono labili. Attualmente scrivo testi per pagine web (siti) e blog aziendali, annunci AdWords, campagne FB e post per i social. Non mi occupo di naming, slogan e payoff perché non ne ho le competenze (sono un profilo junior). Tu che “etichetta” mi daresti? Web writer, content writer o che altro? Grazie in anticipo.

    • Io ti darei come etichetta “web writer” che è una delle più generiche. il copywriter si occupa anche di naming, slogan, headline: un lavoro che affronta anche la carta stampata, in vecchio stile. Il content marketing manager affronta tutti gli aspetti del content marketing, il ghost writer lavora senza firma… il blogger si occupa solo della piattaforma per pubblicare articoli. Poi altre definizioni (web editor, content editor) sono decisamente marginali.

  2. Caro Riccardo per chi come me ha avuto all’inizio un approccio di tipo giornalistico, poi ha lavorato come ufficio stampa di enti, è molto importante questa guida. In effetti credo che abbia bisogno, personalmente, di concentrarmi molto sul web writing perchè ho la passione per la scrittura e soprattutto mi piace scrivere sul web per blog, siti e social, lo faccio sia per lavoro che per diletto. Spero di risentirti e di continuare a leggere i tuoi articoli che sono esaustivi ed efficaci. Grazie.

    Gianni

    • La passione è il primo punto utile per sfruttare il web writing a tuo favore. Continua così, continua a scrivere per il web.

    • Scusa Giovanni ma come sei riuscito a trovare lavoro come web writer?
      Io sto cercando ma sono molto lontana anzi lontanissima dalla meta.
      Grazie
      Rosita

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here