6

Come imparare a scrivere ovunque e a ignorare le distrazioni

Devi ottenere il miglior risultato possibile. Questo significa scrivere sempre e comunque, anche quando sei in viaggio. Impossibile? Non credo, ecco i consigli per i web writer itineranti.

Shares

Una delle caratteristiche personali per aumentare la produttività del mio blog: io riesco a scrivere senza distrazioni, in ogni situazione. E in ogni circostanza. Sul treno, in aereo, sulla nave, mentre aspetto il mio turno dal dottore o alla posta. Riesco a isolarmi in qualsiasi situazione.

scrivere senza distrazioni

Sai questo cos’è? Un pregio. Ho tanti difetti ma custodisco questo dono divino per scrivere sempre e in qualsiasi situazione. Però aspetta, non è proprio così: questa possibilità non mi viene calata dall’alto, ma è una caratteristica sviluppata nel tempo. Non sono sempre stato così efficace.

Anche io avevo problemi di concentrazione, non riuscivo a scrivere in qualsiasi situazione e perdevo tempo. Lo spettro della pagina bianca era sempre dietro l’angolo, il blocco dello scrittore quando ero in viaggio non lasciava pietà. Però quando inizi viaggiare per lavoro devi organizzare gli impegni.

Quindi scrivere fuori ufficio diventa indispensabile. Ti dà la possibilità di risparmiare tempo prezioso. Prima non ci riuscivo e oggi posso scrivere senza distrazioni e anticipare gli articoli, anche quando mi ritrovo in un covo di bambini che piangono e adolescenti in gita. Come ho fatto?

Perché scrivere ovunque è utile per te?

Perché soffrire e imporre alla tua mente tale supplizio? Perché scrivere ovunque, anche quando tutti gli elementi te lo sconsigliano? Perché devi. Il modo migliore per imparare a scrivere senza distrazioni è questo: prendere coscienza del fatto che hai un obbligo da rispettare.

Non tutti colgono questo punto, ma non è un problema: ci sono prospettive differenti e necessità che non sempre vengono colte. Io, come partita IVA, mi ritrovo sempre a far quadrare il calendario editoriale per dare il necessario al cliente. Che mi paga e mi permette di vivere felice. Quindi io ho un obbligo: consegnare.

Il tempo lo devo trovare altrimenti devo rifiutare il lavoro. Sfruttare le ore delle attese infinite è un passaggio indispensabile. Puoi imparare a scrivere veloce sulla tastiera, puoi risolvere il blocco dello scrittore e viaggiare spedito verso risultati interessanti. Ma i tempi morti sono fatti per essere riempiti.

Da leggere: pubblicare ogni giorno è utile per un blog

Scegli il contesto migliore per lavorare

Se vuoi scrivere senza distrazioni devi fare in modo che il luogo sia accogliente. Una specie di ufficio itinerante, sempre nei limiti delle possibilità. Ad esempio: viaggiare in prima classe business è un buon punto di partenza per la tua produttività. Ma non sempre è possibile sostenere la spesa, comunque puoi fare qualcosa per rendere il tuo viaggio in treno o in aereo migliore.

In primo luogo considera le offerte: spesso il prezzo è conveniente. E poi prenota il posto che, in termini probabilistici, ti consente di evitare il maggior numero di rumori molesti. Sto parlando del posto singolo in fondo alla carrozza. In questo modo hai eliminato due fonti di interruzione e rumore.

Ancora consigli: puoi viaggiare la mattina presto ed evitare i ponti per evitare vagoni congestionati. Questo ragionamento vale per qualsiasi situazione: scelgo il vagone meno rumoroso (se posso cambio posto) o il tavolo nella sala d’attesa più tranquillo. Ma è chiaro che spesso questo non basta.

L’isolamento forzato è la chiave vincente

Come scrivevo prima, scegliere l’ufficio migliore non è sufficiente. Per questo devi isolarti. Il mio trucco per scrivere senza distrazioni quando sono in viaggio è semplice: punto gli occhi sul lavoro, concentro il pensiero sul lavoro e non presto attenzione a tutto ciò che si trova intorno.

scrivere senza distrazioni in viaggio

Spesso il problema non è il rumore ma il tentativo di decodificare ciò che si trova intorno a fare la differenza. Se c’è la televisione accesa segui il programma, se il vicino chiacchiera provi a capire cosa dice, se i bambini gridano provi a capire perché o cerchi di immaginare cosa faresti in questo caso.

Devi isolare la tua attenzione e concentrarla sul lavoro. Puoi tentare la strada della musica nelle cuffie o dei tappi per le orecchie: con me non funziona, preferisco sentire ma non ascoltare. In ogni caso sono situazioni soggettive, devi trovare il tuo equilibrio per lavorare al massimo fuori ufficio.

Prepara subito il tuo ufficio itinerante

Un punto pratico per scrivere in qualsiasi condizione: crea il tuo ufficio itinerante. Che in realtà si traduce in computer, smartphone e ricariche varie. Però devi prendere in considerazione il punto essenziale: non hai la possibilità di connetterti. Questo deve essere il tuo punto di partenza, anche se hai piani telefonici e chiavi USB per  essere sempre online.

Non ti fidare, preparati per lavorare offline.

Il motivo si ritrova nella prima legge di Murphy: se qualcosa può andare male lo farà. Sai quante volte ho fatto affidamento su una connessione che poi mi ha mollato? Prepara il tuo ufficio offline anche quando può essere online. Io, ad esempio, apro il post su WordPress in ufficio, lo salvo ed esco.

In questo modo posso aprire il computer (che non è stato spento) e iniziare a scrivere sul CMS inserendo anche un minimo di formattazione. Attenzione, mai salvare se non hai connessione: la pagina va offline e perdi il lavoro svolto. Per maggiore sicurezza, ogni tanto faccio anche un copia e incolla dell’HTML per avere un backup.

Per ottimizzare il tutto mi preparo le pagine che mi servono sul browser, già aperte. Così le posso consultare anche offline e avere sempre le mie fonti a disposizione. Ovviamente appena posso salvo l’articolo, ma prima faccio una copia del codice per evitare sorprese a un passo dal traguardo.

Usa app per scrivere senza distrazioni

La chiave vincente di questo processo: avere della app per scrivere senza distrazioni su smartphone, computer e tablet. Con queste soluzioni hai a disposizione un editor di testo capace di concentrare l’attenzione solo sulla parte centrale del tuo lavoro: la scrittura. Ecco i nomi più importanti.

  • uFocus
  • Tabula
  • Q10
  • Ommwriter
  • Freewrite
  • Writeroom

Non tutte queste applicazioni sono gratuite, alcune sono a pagamento ma una delle più interessanti (secondo me) porta il nome di Noisli. Con questa app puoi scrivere e ascoltare rumori rilassanti come la pioggia, il temporale, il vento e altre soluzioni che puoi combinare a tuo piacere.

Per completare l’opera puoi usare la tecnica del Pomodoro: 25 minuti di lavoro e 5 di pausa per 4 volte. Anche quando sei in viaggio e vuoi scrivere senza distrazioni hai necessità di un guardiano che si prenda cura della tua produttività. Qualche nome utile in questi casi? Io ho provato con successo Focus Booster e Pomodoro Keeper e ho capito che è possibile scrivere bene in poco tempo.

Scegli i programmi migliori per lavorare

Per scrivere in viaggio, oltre alla pagina di WordPress già aperta, uso diverse soluzioni. Quali sono le app per scrivere online? Io uso Evernote per gli appunti e Google Drive per i testi. Con quest’ultimo puoi lavorare anche offline dopo aver attivato l’opzione. Funziona bene da desktop e su mobile, e con questa soluzione posso anche scrivere con la dettatura per velocizzare i tempi.

Io di solito lavoro in questo modo: quando voglio ottenere il massimo e aumentare la produttività scrivo mentre cammino. Questo grazie alla dettatura: attivo il microfono, apro il documento e lascio i miei pensieri in movimento. Che non saranno un articolo completo, questo è chiaro: hanno bisogno di una profonda rilettura e riorganizzazione. Ma possono essere il punto di partenza per un buon articolo.

Da leggere: come scrivere un articolo in ottica SEO

Come scrivere senza distrazioni

Io riesco a scrivere senza distrazioni anche quando sono in viaggio. Non ho problemi, e questo è un passaggio che è stato sviluppato nel tempo. Non senza difficoltà. Tu riesci a lavorare ovunque? Quali sono i tuoi trucchi per ignorare i rumori e produrre in qualsiasi condizione? Lascia tutto nei commenti.

libro blogging

Riccardo Esposito

Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

6 Comments

  1. Buh, non so, troppi calcoli: app apposite, prenotare posti specifici, viaggiare in determinati orari… Io credo che se si ha voglia e/o necessità di scrivere, ci si riesce pure in discoteca. Basta un foglietto, con una penna. C’è chi scrive poesie sul retro delle confezioni di fiammiferi, io ho scritto delle cose pure sui tovaglioli del bar.
    La pagina bianca? Non mi ha mai spaventato: io non vedo l’ora di imbrattare tutto 🙂

    Moz-

    • Il punto è: riesci a farlo anche per qualcosa di diverso dalle passioni? Se devi scrivere, ad esempio, un articolo tecnico su un tema complesso hai bisogno di tranquillità. ma spesso il tempo manca. Ecco perché questi dettagli possono essere decisivi.

  2. Secondo me come dici tu bisogna saper scrivere in ogni condizione anche in viaggio. A me che preoccupa di più e’ l idea di rimanere a corto di idee e di articoli da scrivere per il blog.:-)

    • Rimanere a corto di idee è sempre un problema, ma ci sono le soluzioni per recuperare titoli interessanti. Ad esempio, hai letto questo articolo? http://www.mysocialweb.it/2009/08/30/101-idee-per-non-rimanere-mai-a-secco-di-post/

  3. No non credo di aver ancora avuto modo di leggere l’articolo che mi hai indicato. Lo farò quanto prima 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *