4

Scrivere semplice: 8 consigli per farti capire da tutti

Scrivere semplice è un’arte, uno degli obiettivi da raggiungere nella tua carriera di copywriter. Sembra un controsenso, vero? Difficile raggiungere la semplicità, l’essenziale è la cima più alta da toccare. Il motivo? Quando scriviamo seguiamo una voce interiore che consiglia vocaboli, verbi, sintassi, stile.

Spesso questa voce viene lasciata libera. Non viene messa in discussione e il blogger non prende in considerazione il lettore. Vuole terminare il compito e spegnere il computer per andare a casa.

Scrivere semplice

Scrivere semplice è sinonimo di empatia e attenzione nei confronti dell’altro. La mia idea è chiara: per rendere tutto più semplice devi mettere al centro il lettore. Non solo per scegliere gli argomenti giusti, anche per scegliere le parole più adatte e comunicare nel modo migliore possibile.

Devi fare in modo che i lettori raggiungano le informazioni nel minor tempo possibile. Senza fare lo slalom tra parole inutili e blocchi di testo. Scrivere semplice vuol dire migliorare la vita del tuo blog e aumentare visite, condivisioni, commenti, link e tutti i segnali collegati alla soddisfazione del lettore. Un lettore sempre più indaffarato e combattuto tra le mille fonti da scegliere.

Vuoi mantenere il lettore sul tuo blog? Il feed rss deve rimanere nel reader del tuo pubblico? Bene, ecco 8 consigli per scrivere e puntare alla semplicità. Obiettivo? Togliere il superfluo.

Continue Reading

5

Come scrivere un (grande) articolo di 1.000 parole in 60 minuti

La fretta è cattiva maestra. Scrivere tanto e in poco tempo non è un buon consiglio e comprimere i post in un tempo limitato è un problema, una situazione che rischia di esaurire le tue forze. Piuttosto devi puntare alla qualità del nome, e non alla quantità degli articoli, per guadagnare di più.

Come scrivere un articolo di 1.000 parole

Cerco di dare tutte le risorse a un articolo, ma non sempre è possibile. A volte è necessario ottimizzare i tempi: c’è un’emergenza, ci sono delle esigenze particolari. Quindi devi migliorare il ritmo di lavoro. E trasformare la tua creatività in una catena di montaggio per gli articoli.

So cosa stai per chiedermi: “Il blogging è un’attività schematica per te?”. No, conosci la mia opinione. Scrittura online e creatività condividono tanti spazi, ma non sempre è così. Devi essere concreto, schematico, impassibile e diretto verso il risultato finale. Come in questo caso.

Devi pubblicare un post degno di questo nome, e lo devi fare subito. Come procedere? Come risolvi questo problema? Ecco la mia soluzione per scrivere un articolo di 1.000 parole in 60 minuti massimo.

Continue Reading

0

Principio di scarsità: 3 esempi per attirare i tuoi clienti

Il principio di scarsità si riferisce a una tecnica persuasiva, tra le più utilizzate nel web marketing, per supportare e spingere il processo di vendita. Robert Cialdini, psicologo, affronta questo principio in libri che hanno riscosso un grande successo a livello mondiale. Tra questi voglio ricordare “Le armi della persuasione. Come e perché si finisce col dire di sì”.

Principio di scarsità

Qual è il punto chiave del principio di scarsità? Le opportunità ci appaiono tanto più desiderabili quanto più limitata è la disponibilità. È facile immaginare la scena: un provetto venditore ci ricorda che l’oggetto desiderato è l’ultimo pezzo rimasto. Così come non è complicato pensare al rammarico che potremmo provare scoprendo che il prodotto è esaurito.

È il semplice pensiero a farci scattare la molla dell’acquisto. L’utilizzo della scarsità come tecnica nasce ben prima del digitale, ed è ancora oggi un punto fermo per chi vuole sfruttare le tecniche di vendita.

Pensa alle televendite che propongono solo per oggi delle offerte davvero speciali, sarebbe una follia perderle. D’altro canto il “solo per oggi” si ripete in continuazione, ma questa è un’altra storia.

Il web ha dato nuova forza a questa tecnica, ed è interessante notare le variazioni dei click su una call to action quando viene sfruttata la scarsità dei servizi o dei prodotti. Detto in altre parole, questo principio è una leva decisiva per il tuo lavoro di copywriter.

Continue Reading

2

L’arte di non leggere

Guai a chi tocca la lettura, sul serio. “Il mondo è di chi legge” diceva la mia professoressa, e oggi voglio appoggiare senza mezze misure questa tesi: solo chi legge può ambire ai piani alti di questa società.

Perché la lettura è sinonimo di conoscenza e quindi di strumenti utili per dipanare matasse complesse. Questo vale anche (e soprattutto) nel mondo del web marketing, una realtà in continuo divenire e che ti impone una formazione quotidiana. Qualitativamente impeccabile.

leggere

Per un blogger questo è Vangelo. Per imparare a scrivere devi leggere, devi prendere confidenza con le consonanti e le vocali lasciate sul foglio di carta. Una buona lettura ti arricchisce in due modi differenti: formi le competenze e la scrittura.

La sintesi è questa: devi leggere. Cosa? Come? Scegliere una lettura è il primo passo per migliorare il tuo essere web writer e, più in generale, un professionista nel campo del digital marketing. Vero, chi scrive per lavoro trova nella lettura un vantaggio strategico. Ma la formazione è un dovere per tutti. Quindi devi scegliere bene cosa leggere. E devi riprenderti il diritto di non leggere.

Continue Reading

6

Come scrivere un articolo breve (ma efficace)

Esatto, come scrivere un articolo breve. Perché tutti si concentrano sull’importanza dei long form content e pubblicano guide per sfruttare al massimo i contenuti corposi, lunghi, ricchi di informazioni e di approfondimenti. Quindi, meglio pubblicare un articolo lungo o uno sintetico?

Come scrivere un articolo breve

Io punto sul lavoro capace di rispondere alla domanda del lettore. L’articolo lungo ha i suoi vantaggi, deve essere legato alla necessità dell’autore di prendersi lo spazio per definire l’argomento. Ma la sintesi ha i suoi sviluppi positivi: riesce a raggiungere subito il lettore.

L’articolo breve si lascia leggere con facilità in qualsiasi condizione. Ma spesso i blogger tralasciano una serie di dettagli fondamentali. L’articolo lungo è impegnativo, merita massima attenzione; il post breve è sinonimo di semplicità e non ha bisogno di cure. Ed è qui che si nasconde l’errore.

Dietro a una pubblicazione sintetica si nascondono degli obiettivi, e il tuo atteggiamento non può ridursi a un giudizio superficiale. La domanda è questa: come scrivere un articolo breve ed efficace? La risposta la trovi in questo articolo che riunisce la mia esperienza.

Continue Reading