20

Mi licenzio e cambio vita: è così facile diventare freelance?

“Mi licenzio e cambio vita. Oppure mi faccio licenziare. L’importante è mollare tutto e prendere per mano i sogni per realizzare piccoli e grandi progetti che ho abbandonato da tempo nel cassetto”. Quante volte hai sentito riflessioni del genere? E quante volte hai placato false aspettative?

Mi licenzio e cambio vita

Forse sei tu a fare queste considerazioni, sei tu a gridare ai quattro venti la voglia di abbandonare il posto fisso per lanciarti nel mondo dei liberi professionisti. Magari aprendo quella famosa partita IVA che ti incanta con grandi promesse. In primo luogo di uscire dalla condizione di instabilità fiscale.

Spesso questo desiderio di libertà si lega a una costrizione. Vieni licenziato, il contratto non è stato rinnovato, lo stage si chiude nel peggiore dei modi. Non hai idea di quante email mi arrivano: “Ciao Riccardo, voglio diventare freelance. Come devo fare? Quanto tempo ci vuole?”.

È così facile diventare freelance? Basta aprire una partita IVA per entrare nel magico mondo dei liberi professionisti? Mi licenzio e cambia vita è un motto con un fondo di verità? Ecco la mia idea.

Continue Reading

12

Lavorare online: meglio da soli o in team?

Una delle domande che spesso mi rivolgono: sono freelance, ho una partita IVA, mi conviene lavorare da solo o in team? La risposta non è semplice ma io ho raggiunto un buon equilibrio dopo anni di esperienza. Devi affrontare fasi differenti per poi raggiungere un equilibrio variabile, non fisso.

Lavorare online

E soprattutto non legato a una condizione particolare. Mi spiego meglio. Quando inizi a lavorare online hai una necessità chiara: fare esperienza. Per diventare un professionista del web devi selezionare le fonti e studiare, devi sperimentare. Al tempo stesso devi fare esperienza.

Continue Reading

6

Lavoro nel web marketing: meglio osare o volare basso?

Non è facile lavorare nel mondo del web marketing. Devi studiare sempre, non puoi mai considerarti un professionista finito, devi rivedere e mettere in discussione le tue conoscenze. E i competitor sono dietro l’angolo. Non mollano mai la presa. D’altro canto per molti colleghi questi non sono problemi.

web marketing

Questo è il bello del settore: c’è sempre effervescenza, ci sono stimoli continui. Non ci annoiamo mai. Uno degli aspetti positivi del web marketing è chiaro: ti abitua subito all’imprevedibilità della vita contemporanea. Tutto si muove in fretta e tu capisci subito che non troverai mai la quadra definitiva.

Dovrai evolverti, ci saranno nuovi scenari di fronte a te. Le domande saranno nuove, anche se un dubbio si ripresenta con la stessa energia: devo osare e accettare nuove sfide o rimanere nel mio orticello? Ecco un quesito che potrebbe impegnarmi notte e giorno. Io provo a rispondere con un post.

Continue Reading

4

7 caratteristiche essenziali di un bravo formatore

Oggi, nel settore del web marketing, bisogna riflettere sulle caratteristiche del formatore. Perché il tema è in continua evoluzione, ci sono novità da affrontare e basi da approfondire. Il mondo del lavoro online appare come una moderna Eldorado per molti ragazzi, per chi si reinventa, per gli imprenditori.

caratteristiche del formatore

Risultato? Le persone si bruciano, fanno esperienze drammatiche e ritornano a casa con una pessima idea. Sul web non si guadagna, non si fanno affari, non si trova lavoro. Certo, se credi che tutto si riduca ad aprire una pagina Facebook e un account LinkedIn sei votato al fallimento.

Ecco perché devi accompagnare il tuo ingresso nel mondo del web – dalla SEO al social media marketing – con una sintesi costante di studio ed esperienza. Devi conoscere la teoria e la devi mettere in pratica. Per fare tutto questo hai bisogno di formazione, e di persone capaci di guidarti.

Non è facile vestire questo ruolo. Spesso si dice: “Chi può fa, non può insegna”. Soluzione simpatica per mettere in luce chi non è in grado di trasmettere conoscenze. Perché di questo sto parlando: comunicare sapere. Lavoro in questo campo da qualche anno, faccio corsi di blogging e consulenze per imparare a scrivere online. E ho capito, a mie spese, quali sono le caratteristiche del formatore.

Continue Reading

7

Quando il dipendente (felice) diventa il tuo primo fan

Questo è un articolo con due target differenti. Da un lato mi rivolgo a chi gestisce un’azienda, anche piccola, con dipendenti e collaboratori. Dall’altro parlo alle persone che danno vita a questa realtà, chi lavora ogni giorno in ufficio o a casa per permettere all’azienda stessa di raggiungere i suoi obiettivi.

dipendente

Quindi, superiori e dipendenti. Al centro c’è il mondo dei social media. Oggi è difficile incrociare realtà prive di qualsiasi contatto con questi strumenti. Anche l’ufficio del commercialista ha aperto una Facebook Fan Page (anzi, un profilo) e il parrucchiere della nonna ha il profilo Instagram.

Anche il mio barbiere a Napoli ha dei canali social. Lui ignora il mio lavoro e l’altro giorno, mentre mi faceva la barba, mi ha confidato: “Ho trovato quest’applicazione per aumentare i fan in automatico. Fratello, è potentissima. Mi arrivano decine di persone al giorno e non devo pagare. E chi li mette i soldi per fare queste cose sui social”. Il suo sorriso complice è stata la ciliegina sulla torta.

Continue Reading