6

10 funzioni di Google che cambieranno la tua vita di blogger

Funzioni avanzate di Google, per la precisione. Tutti conoscono la principale attività di Mountain View: dare risposte alle domande. Le migliori risposte possibili. Ci sono gli articoli dei blog, le pagine statiche, i video su YouTube, le immagini di ogni forma e dimensione. Insomma, questo è Google.

funzioni avanzate di google

Solo questo? Un semplice archivio di risultati? No, in realtà puoi fare tanto con i progetti messi in campo da questa grande azienda. Immagino che tu conosca AdWords, giusto? Poi c’è AdSense e come dimenticare Google Analytics o Google Drive: questa è arte digitale allo stato puro.

Anche perché tutto questo ha un obiettivo: trasformare l’opera di Larry Page e Sergey Brin in un punto fermo nell’esperienza web. Operazione riuscita, non credi? Oggi non puoi fare a meno di questo motore di ricerca, come utente e come professionista del settore web marketing. Senza dimenticare che ci sono ben 10 funzioni avanzate di Google che cambieranno la tua vita di blogger.

Continue Reading

20

Come condividere i post Google Plus su altri social

Ok, è tutto chiaro: Google Plus governerà il mondo.

Scendo un po’ d’intensità? Certo, meglio che mi dia una regolata. Io ho sempre puntato su Google Plus, e nella mia tradizione editoriale ho speso parole generose nei confronti di questa piattaforma.

Prima Google Plus era una città fantasma, vero? Poi i risultati privati invadono la serp, i post Google + delle persone che hai inserito nelle cerchie arrivano nei risultati di ricerca, la social search diventa realtà e…. booom, viva Google Plus.

Continue Reading

21

Authorship: per molti ma non per tutti

Hai aperto un blog? Bene, cosa fai? Implementi l’authorship. Prima ancora di inserire il codice di Google Analytics e del Webmaster Tool. Prima ancora di scrivere un post o una pagina.

Segui tutti i passaggi per confermare l’authorship perché ti permette di attribuire un nome, un cognome e un viso ai contenuti. Incrociandoli con la tua presenza su Google Plus.

Se implementi l’authorship metti le carte in chiaro con Google. E questa è una cosa buona.

Continue Reading

16

Vuoi vedere che Google è diventato intelligente?

A volte lanci una ricerca su Google per vedere come si muove la situazione nelle serp. Magari scopri qualcosa di interessante. E così è stato. Ho digitato l’acronimo SEO nella barra di ricerca e ho aspettato il risultato.

seo

Una ricerca con query “SEO”

Noti qualcosa di strano? Io sì. Al quinto posto, dopo le invincibili pagine di Wikipedia e Google dedicate all’ottimizzazione per i motori di ricerca, c’è un risultato anomalo.

C’è il sito della Sponsors for Educational Opportunity.

Io mi aspettavo una pagina zeppa di siti e blog dedicati alla Search Engine Optimization. E invece salta fuori questo programma scolastico per giovani provenienti da comunità svantaggiate.

Possibile che sia così ottimizzato da battere mostri sacri della SEO (quella che ci interessa a noi, intendo)? Cosa vuol dire?

Due opzioni: è riuscita a fare un lavoro fantastico con questa keyword; Google è diventato intelligente, ha capito che non esiste un unico significato per una keyword. E che deve diversificare i risultati per dare una qualità superiore alla serp.

Questa la mia opinione da non esperto SEO. Secondo te? È così strano trovare un risultato simile, oppure il mio stupore è meravigliosamente immotivato?

Lascio la parola a te, che ne sa più di me.

11

Come individuare i bisogni del tuoi lettori con Google

Sabato 23 marzo ho seguito la prima parte del Web Update. Mi è rimasta impressa una frase che racchiude una grande verità: colpire i bisogni è l’arte del marketing (clicca per retweettarla).

google

Colpisci i bisogni dell’utente. Soddisfali. Se il tuo prodotto è l’articolo di un blog, concentrati sulle domande che si pongono i potenziali lettori. Facile a dirsi, difficile da mettere in pratica?

Così dicono, ma adesso ti descrivo la mia strategia per capire i bisogni dei lettori.

Continue Reading