17

Lavoro online: come trasformare la gavetta in un’occasione

La gavetta è uno dei passaggi decisivi per chi decide di entrare nel mondo del lavoro online. Ed è uno degli elementi di continuità con il mondo pre-internet: c’è sempre stata e sempre ci sarà.

Un tempo, però, la gavetta aveva un senso differente. Ti facevi i tuoi 6/12 mesi di lavoro sottopagato e poi entravi a pieno titolo nel mondo dei grandi. Ora sembra che la gavetta sia solo sfruttamento.

lavoro online

“Mi dispiace, devi fare ancora un po’ di gavetta”. E via con contratti ridicoli, attività schiaviste, pretese senza fine. “Devi farti le ossa. Devi capire qual è veramente il significato della parola «lavoro»”.

Il lavoro online accoglie a piene mani queste dinamiche. Articoli pagati 50 centesimi, collaborazioni senza futuro, grandi nomi che creano redazioni sul lavoro gratuito. Perché accettare tutto questo?

Perché sembra l’unica strada percorribile.

Ma la gavetta non è il male assoluto del lavoro online. Ha la sua utilità ma deve essere vissuta senza sfruttamento. Ecco perché oggi voglio spiegarti come trasformare la gavetta in un’occasione.

Continue Reading

10

Caro freelance: tu crei valore, non vendi tempo

Facebook è un mezzo straordinario. Sul serio. Molti lo vedono come un nido di serpi, come un contenitore di aggiornamenti sterili. Tutto dipende dalle persone che decidi di accogliere e di coltivare. Da questi rapporti possono nascere confronti costruttivi.

lavoro freelance

Creatività all’opera – Fonte immagine

Ti lascio un esempio: Negli ultimi giorni ho condiviso su Facebook un vecchio articolo dedicato al mondo freelance (quanto guadagna un webwriter). E proprio nei commenti di questo share è nata una bella conversazione.

Una conversazione che ovviamente ha dato voce alle classiche domande che assillano la coscienza del freelance: “Quanto devo chiedere per un’ora di lavoro? Se mi danno x euro ad articolo, e investo un’ora della mia vita per scriverlo, quanti post devo pubblicare per guadagnare uno stipendio degno di questo nome?”.

Continue Reading

9

Come trovare nuovi clienti online

Aumentano le partite IVA, aumentano le domande di chi si ritrova con una lama sul collo (la partita IVA, appunto) e l’agenda vuota: come e dove trovare nuovi clienti online? Bella domanda.

Bella domanda perché i clienti non crescono sull’albero. Non esiste un luogo dove trovare nuovi clienti. Io non lo conosco. Esiste? Poco importa, io ho i miei metodi: non ho bisogno di altre soluzioni.

come trovare nuovi clienti online

“Bravo Riccardo, hai i tuoi metodi. Ora vuoi fare il prezioso e non dire niente? Oppure vuoi condividere le tue conoscenze con i lettori del blog?”. E me lo chiedi? Ovviamente scelgo la seconda opzione.

Continue Reading

7

Umberto Eco: il blogging incontra la teoria del filtro

Ok, la teoria del filtro me la sono inventata. Però ora ti spiego tutto.

Domenica sera. Sono nel mio studio, sto lavorando al video da caricare sul mio canale Youtube. Dalla televisione arriva la voce di Fabio Fazio che si rivolge a Umberto Eco (un faro culturale per me).

umberto eco fonte informazione

“Ma in un mondo governato dal web, un web sempre più difficile da decifrare e ricco di informazioni fuorvianti, come possiamo fidarci delle fonti di informazione?”. Umberto Eco temporeggia.

Poi lancia la risposta, a mio avviso, definitiva: “La conoscenza consiste nel filtraggio delle informazioni”. Fantastico. Ecco perché è giusto attribuire a determinati individui una caratura superiore.

Umberto Eco in un attimo ha riassunto il senso di una professione, quella del blogger. Forse ha pensato a questa risposta una notte intera, forse è arrivata senza preavviso, o forse è solo frutto della sua esperienza. Poco importa. Quello che importa, invece, è la sua precisione.

Continue Reading

8

Hai aperto la partita IVA? Ecco 4 consigli per iniziare

La mia attività di blogger si fonde con la vita quotidiana. Non è un caso: deve essere così perché questo è il modo migliore per incrociare esigenze reali, concrete, specifiche.

In questi giorni, ad esempio, molte persone mi contattano in privato e mi chiedono informazioni sul mondo freelance. Le nuove regole del regime dei minimi, infatti, hanno spinto gli indecisi verso la partita IVA e oggi l’Italia si ritrova con un piccolo esercito di liberi professionisti in più.

essere freelance

Scelta giusta? Scelta sbagliata? Difficile dirlo, ma un punto è certo: adesso si fa sul serio. Adesso devi rimboccarti le maniche e iniziare a fatturare, anche se l’inizio di un’attività freelance non è mai facile.

Anzi, l’inizio dell’attività freelance è un mix di ansia, paura e speranza. Vogliamo mettere ordine in questo caos? Ti lascio 4 consigli presi dalla mia esperienza personale per affrontare la vita quotidiana.

Continue Reading