6

Scrivere per farsi capire e leggere: come alleggerire i testi

Un consiglio su tutti: scrivere per farsi leggere. Questo è il punto di partenza di ogni blogger, di ogni web writer. Non devi creare per mettere in bella mostra la tua abilità e per dare a Google il miglior risultato. No, tutto questo è illusione. Ciò che fa la differenza è la tua capacità di farti capire e leggere.

Scrivere per farsi leggere

Proprio ieri leggevo l’articolo del Tagliablog che sottolinea non tanto il bisogno di scrivere articoli brevi, ma di accendere il cervello quando lavori con la scrittura online. Leggi ricerche che parlano di contenuti generosi che si posizionano bene, quindi continui a scrivere pillar e cornerstone content.

Va bene, ma cosa metti in questi contenitori? Nella maggior parte dei casi la quantità è testo vuoto, ridondanze e periodi superflui. Scrivere tanto non vuol dire accontentare una sorta di comandamento non scritto della SEO. Devi dare al pubblico il miglior contenuto possibile, e scrivere per farsi leggere può tornare utile in un’epoca in cui il contenuto viene fruito da uno schermo minimo.

Quali sono i consigli per scrivere bene e farsi capire? Io parto da questo principio: meno scrivi, meglio è. Ma le cose le devi spiegare per dare valore a un contenuto. Se devo spiegare come guadagnare con un blog ho bisogno di una quantità di testo differente e superiore rispetto a un articolo pensato per rispondere a una definizione. Ora ti spiego come ottenere, in qualsiasi caso, dei buoni risultati.

Continue Reading

11

Il tuo blog perde visite: 4 idee per risolvere il problema

Il dramma è servito: il grafico di Google Analytics è in discesa. Perché il mio blog perde visite? Questa è la domanda che tutti si pongono quando questa situazione si presenta. Molti non hanno risultati all’inizio, quindi provano tutti i modi possibili (e leciti) per aumentare i click al blog. E sai cosa?

Perché il mio blog perde visite?

I click arrivano. È facile aumentare le visite di un blog appena nato, puoi usare diversi passaggi per ottenere il risultato sperato. Ma poi si presenta il problema. Ed è questo il punto: non è semplice come smuovere la situazione, qui devi analizzare il nodo e provare a scioglierlo. Senza causare danni.

Perché il mio blog perde visite? I motivi potrebbero essere diversi, impossibile riassumerli in un’unica risposta. Ma è vero che le cause di una perdita di traffico non sono infinite. Anzi, possono essere riunite in passaggi chiari e definiti. Io ti lascio la mia esperienza personale: 4 punti per pubblicizzare il blog e riprendere in mano la situazione. Anche quando tutto sembra cadere in basso.

Continue Reading

12

Ascoltare tutti è il miglior modo per fallire

Nei miei corsi di blogging cito sempre l’esempio di Seth Godin che decise di chiudere i commenti del blog. Motivo? Troppi interventi da moderare, ma non solo. L’opinione dei lettori potrebbe influenzare la scrittura, la creatività, il prodotto finale. E questo non è ammissibile per l’autore de La Mucca Viola.

Ascoltare tutti

Mi sembra giusto. Quindi elimino anche io i commenti? Non sono Seth Godin, però il concetto è chiaro: non puoi scrivere per tutti. O meglio, non puoi ascoltare ogni voce che arriva alla tua attenzione. Il web ha dato parola, ed è (fin troppo) facile lasciare idee e opinioni. Spesso non richieste e inutili.

Soprattutto incapaci di comprende la complessità del progetto. Tutti parlano, tutti esprimono giudizi e lasciano buoni consigli. Come diceva De André? Chi dà buoni consigli forse non può dare più il cattivo esempio. Ma non è questo il problema, anzi: le opinioni possono essere preziose.

Continue Reading

12

Procrastinare: 6 modi per smettere e scrivere di più sul blog

Creare di più, questo è il punto. Senza rinunciare alla qualità. Ieri ho suggerito le migliori app per scrivere su smartphone e tablet per ottimizzare i tempi. Oggi ti suggerisco un altro passaggio essenziale: smettere di procrastinare. Ora. Subito. Senza mezze misure e strade alternative.

come non procrastinare

Perché questo vizio mina la tua carriera. Vuoi diventare un blogger produttivo, uno di quelli capaci di rispettare ogni giorno il proprio calendario editoriale? Perfetto, è un ottimo punto di partenza. All’inizio tutti hanno la giusta carica per aprire e gestire un blog. Poi l’entusiasmo si spegne.

Colpa dei risultati che non arrivano subito, o dell’impegno necessario ogni giorno per alimentare e creare un blog di successo. Lentamente le pubblicazioni diventano sempre più sporadiche, fai fatica a portare a termine i tuoi compiti. Inizi a rimandare. Ma smettere di procrastinare è il primo passo per raggiungere gli obiettivi. Allora, sei pronto? Vuoi risolvere questo problema?

Continue Reading

6

10 funzioni di Google che cambieranno la tua vita di blogger

Funzioni avanzate di Google, per la precisione. Tutti conoscono la principale attività di Mountain View: dare risposte alle domande. Le migliori risposte possibili. Ci sono gli articoli dei blog, le pagine statiche, i video su YouTube, le immagini di ogni forma e dimensione. Insomma, questo è Google.

funzioni avanzate di google

Solo questo? Un semplice archivio di risultati? No, in realtà puoi fare tanto con i progetti messi in campo da questa grande azienda. Immagino che tu conosca AdWords, giusto? Poi c’è AdSense e come dimenticare Google Analytics o Google Drive: questa è arte digitale allo stato puro.

Anche perché tutto questo ha un obiettivo: trasformare l’opera di Larry Page e Sergey Brin in un punto fermo nell’esperienza web. Operazione riuscita, non credi? Oggi non puoi fare a meno di questo motore di ricerca, come utente e come professionista del settore web marketing. Senza dimenticare che ci sono ben 10 funzioni avanzate di Google che cambieranno la tua vita di blogger.

Continue Reading