12

Come aumentare i clienti: 3 consigli strategici

Come aumentare i clienti? Mi occupo spesso di questo tema: racconto la mia esperienza, la mia vita quotidiana, i dubbi e le esperienze che faccio ogni giorno. Ho la risposta a tutto? No, mi sembra chiaro, anche io ho mille dubbi da affrontare, a volte è proprio la risposta che manca.

A volte, invece, la soluzione è chiara ma difficile da prendere. Quella del libero professionista con partita IVA è una condizione spinosa ma affascinante. Ecco perché continuo (e continuiamo) a lavorare con queste condizioni. Ovvero con una pressione fiscale infinita, davvero fastidiosa.

Cosa puoi fare per cambiare la situazione? Di certo non puoi ignorare le tasse, lo Stato ha mezzi convincenti per costringerti a pagare. Puoi migliorare il tuo business, questo sì. Cosa fare per guadagnare di più a parità di tempo lavorativo? È chiaro che ci siano mille voci differenti.

Una delle più interessanti è quella di Marco Montemagno che ieri ha pubblicato un video interessante: come avere la fila di clienti fuori dalla porta. Titolo provocatorio? Headline vicina al click baiting?

No, riprende il concetto espresso dal libro “Oversubscribed” che sembra davvero interessante: non combattere per i clienti ma fa in modo che siano loro a combattere per averti. Cosa possiamo imparare da questo lavoro? Ho declinato i punti di Montemagno in base alla mia esperienza.

Continue Reading

5

Il primo nemico da sconfiggere per fare blogging

Ogni giorno ricevo email e messaggi di persone che vogliono aprire un blog. Motivo? Ci sono idee e scopi differenti, sfumature che caratterizzano i singoli progetti. Ma in linea di massima il filo conduttore è uno, solo uno: cambiare qualcosa.

nemico da sconfiggere blogging

Fare in modo che il blog diventi trampolino di lancio per un’attività, per un progetto, per far fruttare la propria partita IVA. Insomma, il blog può essere veicolo del cambiamento individuale e aziendale.

D’altro canto gli esperti parlano chiaro, con questa strategia puoi ottenere tanto. Ma non è semplice, non funziona sempre, non ci sono certezze. E devi affrontare il nemico di ogni creativo, web writer, blogger. Sto parlando di una persona in carne e ossa. E che accompagna ogni tua decisione.

Continue Reading

10

8 GIF per descrivere il lavoro freelance

Sai che l’argomento freelance mi è particolarmente caro. Il motivo? Spesso si tratta di un lavoro nel lavoro: essere freelance vuol dire affrontare difficoltà continue. Ma è anche una condizione ideale per chi vuole emergere e dare alla propria vita lavorativa una marcia in più.

La partita IVA è un peso, ma anche una risorsa. Dipende da come la vivi, dalla tua condizione lavorativa, dal tuo profilo previdenziale. Di conseguenza il mondo freelance è ricco di spunti: puoi scrivere articoli dedicati alle tecniche per guadagnare di più, puoi dare consigli per trovare nuovi clienti e per creare un preventivo efficace. Se hai voglia di scrivere e di pubblicare c’è tanto da dire.

lavoro freelance

Io ho pubblicato addirittura un ebook sul lavoro freelance. Tante persone lo hanno scaricato, e mi ha dato belle soddisfazioni perché è un argomento sentito: chi si avvicina al mondo freelance cerca notizie e approfondimenti online, e io cerco di soddisfare questa richiesta.

Oggi però voglio fare un esperimento: voglio andare oltre la scrittura e descrivere la mia natura professionale – quella del freelance – attraverso delle GIF, Ovvero delle immagini animate. Ci riuscirò? Vediamo, sarà una sfida interessante: ecco i punti che caratterizzano la mia giornata.

Continue Reading

8

Alla ricerca del cliente perfetto

Mi sembra quasi di sentirla la tua voce sommersa dai task e dalle notifiche, dalle email che continuano a opprimere la tua casella Gmail. D’altro canto il cliente svolge il suo ruolo: esige. Fa domande. A volte pertinenti, a volte no. Poi dimentica gli accordi, ignora il preventivo, non paga le fatture.

Lo cerchi, lo aspetti, lo evochi ogni giorno nei tuoi pensieri. Spesso anche sui social. Magari con uno sfogo spersonalizzato, solo per dare voce alla tua insoddisfazione: “Voglio un cliente perfetto”.

cliente perfetto

La ricerca del cliente perfetto – Twitta questa immagine

Ce ne sono di situazioni da elencare. E potrei scrivere un libro su ognuna, ma preferisco parlare di te. Voglio aiutarti a superare un freno che ti accompagna e ti limita ogni giorno: la ricerca del cliente perfetto. Sai perché si tratta di un freno? Non hai capito? Questa è la base del tuo lavoro freelance.

Continue Reading

13

Perché ho scelto di diventare freelance (e perché cambierò)

Diventare freelance: scelta difficile

Facebook è una fonte indispensabile per il mio lavoro. Trovo articoli interessanti, discussioni degne di nota, persone da frequentare e conoscere. Sì, io ho rivalutato Facebook. Scelgo con cura le persone da seguire. Grazie a questa buona abitudine trovo sempre input nella home page di questo social.

Una domanda lasciata su Facebook è stata lo spunto per questo articolo: perché vuoi diventare freelance? Perché vuoi affrontare il mondo del lavoro attraverso una prospettiva complessa, impegnativa, ricca di ostacoli? Guarda bene i freelance: sono dei martiri.

diventare freelance

Diventare freelance non è semplice e aprire una partita IVA può essere visto come un atto di coraggio estremo. Un freelance non ha tutele, non ha diritti, deve godere sempre di buona salute per poter lavorare e portare il piatto a tavola. Spesso viene spinto verso questa strada da situazioni estranee.

Spesso viene costretto ad aprire partita IVA. E poi inizia il solito calvario: commercialista, fatture, trovare nuovi clienti online, primo anno di incassi liberi per poi pagare doppio colpo l’anno successivo. E il commercialista: “Quelli non sono soldi tuoi”. No, sono del tuo socio occulto. Sono dello stato.

E poi ci sono gli orari. Quando lavori in ufficio se rimani 30 minuti in più diventi una belva. Prima e dopo l’orario di lavoro io non esisto: non apro le email, non rispondo alle telefonate, quando sono in ferie c’è la risposta automatica. Questa divisione per un freelance non esiste: lavori sempre e lo fai con piacere perché la pressione delle tasse è così alta che devi lavorare anche a Natale. E sei felice.

Continue Reading