Ottimizzare le immagini del tuo blog in 7 passi

Vuoi un blog capace di ottenere il massimo? Perfetto, devi ottimizzare le immagini. E lo devi fare subito, pensando in primo luogo all'utente. E poi al motore di ricerca. Sei pronto per migliorare questo aspetto del tuo progetto?

11

Le foto rompono la monotonia delle parole, introducono il tuo operato e stimolano l’attenzione di chi ti legge. Senza parlare degli effetti provocati sugli esseri umani da foto con un particolare topic, per questo devi ottimizzare le immagini.

Ottimizzare le immagini

Inserire un’immagine diversa per ogni post che scriviamo è sicuramente un’operazione utile per attirare l’attenzione di chi arriva sul tuo blog, ma anche un canale in più per essere trovati nel web. Prima di inserirle, io seguo sempre questa procedura fatta di 7 punti fondamentali per ottimizzare le immagini.

Dove trovare le immagini

Di solito cerco le immagini per il mio blog su Flick, inserendo l’opzione Creative Commons del motore di ricerca interno, così posso utilizzare immagini di qualità a patto di inserire un riferimento all’autore. Inoltre esistono diversi siti che permettono di scaricare numerose immagini gratis.

In ogni caso io suggerisco di identificare una serie di fonti imprescindibili e di usare sempre le stesse, magari sfruttando alcuni tool per scrivere sulle immagini e personalizzare il contenuto con logo ed headline. Una delle soluzioni migliori è Canva, imperdibile per ogni blogger che si rispetti. Anche Pablo di Buffer permette di fare grandi cose.

Da leggere: Google indicizza le immagini con la sitemap

Specifica sempre le dimensioni

Un attributo importante per migliorare le foto e le grafiche è quello che definisce le dimensioni del visual (ovvero width e height) che aiuta la piattaforma a indirizzare gli utenti verso le proprie scelte. Inoltre devi indicare questi parametri nel codice per velocizzare il caricamento e ottimizzare le immagini del tuo blog.

Come sceglierle il visual

Quando ti trovi di fronte a 4-5 immagini che ti piacciono, scegli quella che riesce a riassumere il maggior numero di concetti racchiusi nel vostro post. Oppure vai verso una che li estremizzi in maniera divertente, ma non lanciarti su un’immagine solo perché vi piace: deve essere funzionale e ben inserita.

colore delle foto
I colori dominanti nelle foto sono importanti.

Di solito le immagini con colori forti e vivaci funzionano, attirano l’attenzione e si fanno notare. Vero, non devi essere vittima del dato estetico. Ma ricorda anche questo: nei social l’attenzione del pubblico è bassa. Quindi la presenza di un determinato colore dominante in un’immagine vuol dire comunicare.

Se serve aggiungi la fonte

Mai dimenticare di aggiungere la fonte dell’immagine se necessaria e richiesta. O meglio, parti al presupposto che quel contenuto non ti appartiene. Se si tratta di una CC0 puoi non mettere la fonte, altrimenti devi sempre citare da dove viene.

Alleggerisci la foto al meglio

Per non appesantire le pagine del blog consiglio di ridurre le foto rispetto alle dimensioni desiderate prima di caricarle sul server (le mie di solito si aggirano intorno ai 630 px). Inoltre devi comprimere le immagini per renderle leggere.

ridurre peso immagine
Usa webresizer.com per ridurre il peso dell’immagine.

La leggerezza delle foto che carichi nei tuoi articoli contribuisce a velocizzare il blog WordPress, un dato importante quanto lavori sulla SEO e sull’user experience del tuo progetto. Senza dimenticare, però, che in questo processo ci sono anche altri fattori come la scelta di un hosting di qualità, performante, veloce.

L’immagine deve contestualizzarsi

Cerca di inserire le immagini in un testo che si leghi al contenuto. Non devi scrivere per i motori di ricerca ma per le persone (ecco una serie di consigli che ti aiuteranno a scrivere meglio) e non devi aggiungere foto solo per spezzare il testo. Il visual deve completare la scrittura: per migliorare la leggibilità ci sono altri mezzi.

L’immagine può diventare un ostacolo per l’occhio che deve aggirare un ostacolo, un elemento inutile e che non aggiunge significato al contenuto. Di conseguenza inserisci solo immagini in grado di diventare un’unica cosa con quello che hai scritto. E se necessario ricordati di aggiungere la didascalia per contestualizzare.

Ottimizzazione SEO delle foto

Per indicizzare le immagini Google considera l’url di riferimento (e qui torna utile l’aver nominato la foto con keyword significative), l’attributo title che compare al passaggio del mouse sulla foto, la didascalia e il tag alternative.

<img title="Ottimizzare le immagini del tuo blog" 
src="https://www.mysocialweb.it/wp-content/uploads/2015/06/immagini.jpg" 
alt="Ottimizzare le immagini" width="630" height="420" />

Quali sono le migliori pratiche per ottimizzare un’immagine in chiave SEO? Per comodità ti lascio un esempio di codice HTML che riproduce un buon lavoro in questo senso. Ricorda di inserire il testo alternative, è sicuramente l’elemento decisivo per posizionare il contenuto su Google Image. Mi raccomando, inoltre, di inserire testi diversi per ognuno di questi attributi per evitare eccessi di ottimizzazione.

Per approfondire: ottimizzazione SEO delle immagini

Ottimizzare le immagini secondo te

Questi sono i punti indispensabili per ottimizzare le immagini del tuo blog in base alla mia esperienza personale. Ora aspetto il tuo punto di vista: cosa vuoi aggiungere? Lascia la tua opinione nei commenti e aiutami a completare la lista.

11 COMMENTI

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here