8 regole per creare una landing page di successo

Vuoi migliorare le tue pagine di atterraggio? Ecco una serie di indicazioni che puoi usare ogni giorno per ottimizzare le landing page che sfrutti ogni giorno per avere buoni risultati con il tuo blog.

0

Tutte le pagine web possono essere considerate risorse utili, un punto di arrivo di una campagna di marketing online che viene raggiunta attraverso una ricerca per parole chiave. Ma oggi vuoi sapere come ottimizzare landing page di successo.

anding page di successo
Crea la tua landing page di successo.

La landing page deve essere fatta in base alle aspettative dell’utente per quella specifica ricerca. Con una query “ricetta per torta di mele” l’utente si aspetta di trovare un contenuto descrittivo e che consenta di raggiungere l’obiettivo.

Se, invece, la ricerca è “voli per Londra” probabilmente l’utente desidera trovare informazioni sui voli per Londra e un modulo dove poter cercare/prenotare un volo. Questo può essere un buon modo per iniziare a ottimizzare landing page.

Quale landing page creare per il sito web

Inizia a considerare 2 tipi di landing page: quelle di riferimento e le transazionali. Le landing page di riferimento hanno, generalmente, l’obiettivo di ottenere ulteriori click da dirigere sul sito web.

Ad esempio l’utente atterra sulla pagina grazie alla pubblicità, per poi fare un ulteriore click e raggiungere la scheda ecommerce per l’acquisto.

Le pagine transazionali hanno, invece, il compito di favorire una transazione, cioè un’azione di tipo prova o acquisto di un prodotto ad esempio il volo per Londra. Tutto questo senza dimenticare che esistono anche squeeze page per ottenere contatti email e fare lead generation. Questi consigli, scritti con il contributo del blogger Enrico Fantaguzzi, sono perfetti per ottimizzare landing page.

Per approfondire: come scrivere una buona headline

Titolo, un elemento centrale della landing

Assicurati che il titolo della pagina sia chiaro e diretto. L’headline deve corrispondere a ciò che l’utente sta cercando, su questo punto non puoi sbagliare.

Quali sono le formule da usare per creare una headline di qualità? Guarda questo grafico di wordstream.com, qui trovi gli esempi per ottimizzare landing page.

headline landing page

Si passa dalla classica headline con lista puntata all’how to, fino a quella che cita il testimonial per aumentare la sua efficacia. Trovi anche il titolo cliffhanger che tiene il lettore con il fiato sospeso. Ma quello che preferisco mette in risalto la value proposition. Vale a dire il punto che permette al cliente di prendere una decisione.

Le persone non comprano articoli o servizi, risolvono problemi e soddisfano bisogni. La tua headline efficace può essere questa: una stringa di testo capace di estrapolare e mettere in bella mostra il benefit che può dare il prodotto che stai spingendo.

Ricorda i motivi per rimanere sulla landing

Rispondi alle domande: perché sono qui e quali sono i vantaggi? Se l’utente non capisce qual è il beneficio o il vantaggio del tuo prodotto, rispetto agli altri nomi, non esiterà ad abbandonare la pagina. Elenca i vantaggi/benefici in 3 o 4 punti usando elementi grafici, magari giocando con un buon layout a colonna.

landing page esempi

Guarda questo esempio di landing page. Dopo il titolo e il sottotitolo, che agganciano l’attenzione, ci sono 3 elementi che ricordano perché il prodotto o il servizio deve essere preso in considerazione. Sono i punti di forza che il proprietario sfrutta per far leva sull’attenzione del pubblico, per puntare su fatti concreti.

Migliora il form della pagina di atterraggio

Aggiungi un modulo per ricevere informazioni e richieste di contatto. Il modulo deve essere semplice, chiedi solo le informazioni più importanti come l’email e il nome.

Potrai ottenere maggiori informazioni all’utente registrato direttamente. Snellisci il form per ottimizzare il tasso di conversione della landing page, non te ne pentirai.

Sfrutta testo leggibile da desktop e mobile

Ottimizza il testo per la lettura sul web. L’utente fa una scansione veloce della pagina per capire se ha trovato ciò che gli interessa. Sfrutta il grassetto, allinea a bandiera, utilizza le colonne per facilitare la lettura, imponi dimensioni di caratteri sufficientemente grandi, usa colori ben visibili sullo sfondo, limita la quantità di testo.

Tutto deve essere ridotto all’essenziale. Puoi anche lavorare su landing page lunghe, efficaci per la vendita di prodotti e servizi complessi, ma devi curare la leggibilità del testo. E non dimenticare gli spazi bianchi: danno respiro alla lettura.

La velocità di caricamento delle landing page

Un elemento correlato quando parliamo di mobile: migliorare il tempo di caricamento del sito anche in 3G. Se hai una pagina perfetta ma che fa fatica a caricarsi stai perdendo qualcosa. Con un WordPress lentissimo non si va avanti, ecco perché devi usare un visual leggero, poco impegnativo nell’upload della pagina.

Questo passaggio è importante ma non basta: ottimizza il codice, scegli un hosting WordPress performante e ricorda che anche le landing page hanno bisogno di immagini ottimizzate per il web e non dei blocchi di colore impossibili da caricare.

Elimina quello che non serve alla landing

Nel caso di una landing page transazionale quest’aspetto è decisivo. Elimina distrazioni e link in uscita dalla landing page. Tutti i collegamenti che non portano all’obiettivo sono canali che allontanano l’utente dall’acquisto. Anche la sidebar con navigazione del sito può allontanare l’utente dall’acquisto, snellisci questi punti.

Migliora il rendimento delle call to action

Aggiungi una stringa di testo sopra la call to action (invito all’azione). L’utente è arrivato dove si trova il bottone da cliccare, ora devi solo rassicurarlo. Il messaggio che aggiungi ha in questo caso il compito di fornire un motivo in più per agire.

esempi call to action
Il testo vicino ai pulsanti aiuta l’utente a scegliere.

I call to action button rappresentano un aspetto decisivo. Vuoi tentare la strada della vendita online a tutti i costi? Prova un approccio soft e utilizza frasi come

  • Provalo senza impegno.
  • 30 giorni gratis.
  • Nessuna carta di credito.

Devi facilitare l’azione, il click deve essere naturale anche da mobile. Evidenzia il pulsante, aumenta il contrasto e gli spazi bianchi. Ancora un consiglio: metti una copia del bottone per l’acquisto nella parte alta dello schermo, above the fold.

Lavora sulle riprove sociali e la credibilità

Aggiungi gli elementi che generano fiducia nell’utente. Attività e prodotti sono certificati? Aggiungi il logo che attesta questo stato. Il sito fornisce transazioni sicure? Inserisci i simboli delle organizzazioni che certificano questo passaggio.

Per migliorare questo punto devi aggiungete i testimonial, opinioni delle persone che hanno provato ciò che vendi. Questi elementi devono rispettare delle regole:

  • Devono essere opinioni reali.
  • Meglio inserire anche rating con stelline.
  • Non esagerare con le lodi.
  • Inserisci foto reale.
  • Metti nome, cognome, sito web.

Altro elemento decisivo per la pagina: le informazioni sulla privacy. L’utente che intende effettuare un acquisto deve sapere che i suoi dati verranno tutelati.

Per approfondire: come scrivere per vendere sulla landing page

Ottimizzare landing page: opinioni?

In questo articolo provo a individuare i punti per migliorare una landing page, una risorsa decisiva per creare valore. Anzi, questo elemento è un ingranaggio essenziale per creare conversioni, guadagnare online e trovare nuovi clienti. Sei d’accordo? Quali punti vuoi aggiungere? Ti aspetto nei commenti come sempre.

SHARE
Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here