La velocità è un fattore di ranking per il tuo sito

Questo è un punto decisivo per la tua ottimizzazione SEO: devi migliorare la velocità di caricamento delle pagine in modo da restituire una user experience ideale per il tuo sito.

6

Questo è il punto di partenza: la velocità del sito è fattore posizionamento Google. Il motivo riguarda la necessità di questo motore di ricerca rispetto alla necessità di restituire contenuti di qualità. Non solo per quanto concerne il testo.

velocità del sito è fattore posizionamento Google
Cura la velocità del sito web.

Spesso pensiamo che sia sufficiente scrivere tanto e bene per avere i favori di Google. Ma la realtà è diversa e Mountain View ce lo ricorda. Per il posizionamento SEO è importante avere pagine veloci e capaci di restituire il contenuto ideale.

Dal 9 luglio 2018 l’aggiornamento è pienamente operativo: lo Speed Update influenza le serp e dà vantaggi ai siti web che prendono coscienza del fatto che la velocità del sito è fattore posizionamento Google. Ma cosa significa per te? Scopriamolo insieme.

Verifica la velocità generale del tuo sito web

Questo è il primo step che devi valutare: basta andare su Pagespeed Insight di Google per avere una prima valutazione del lavoro da svolgere.

Grazie a questo strumento, che si basa sui dati Lighthouse, puoi individuare i tempi mobile e desktop.

I numeri che ottieni da Pagespeed Insight sono molto completi e con grande attenzione ai dettagli, ma anche alle possibili soluzioni per fare in modo che si ottenga il risultato ambito: 100/100. Praticamente il sito si apre in un lampo.

Possibile? Questo è lo stato ideale anche se (esperienza personale) è difficile raggiungere il massimo La velocità del sito è fattore posizionamento Google ma il rischio è quello di ridurre il lavoro a una semplice pagina bianca con testo.

Da leggere: come ottimizzare la SEO per giornalisti

Scopri le pagine lente con Google Analytics

Il primo passo da muovere in questi casi riguarda la necessità di capire come si comporta il tuo sito web, se è pronto o meno per lo Speed Update di Google e per restituire nel minor tempo possibile le pagine web. Cosa significa questo?

Il primo pensiero è quello di fare delle verifiche sui vari strumenti come Gtmetrix e Pagespeed Insight di Google, in realtà per fare un test di velocità efficace devi comprendere le prestazioni delle singole pagine. In modo da intervenire sia da un punto di vista strutturale su tutto il sito che rispetto al singolo contenuto.

Come monitorare velocità pagine da Google Analytics.

Quindi, dopo aver individuato lo stato generale del portale vai a controllare le singole risorse. Come? Basta usare Google Analytics: questo strumento ha una sezione dedicata esclusivamente al misuramento delle prestazioni in termini di tempo.

Test velocità sito: i migliori tool

  • Pagespeed Insight
  • Gtmetrix
  • Test My Site

Ottimizza le pagine web e migliora la velocità

La strada da seguire nel momento in cui decidi di velocizzare un sito web è lunga. Non basta ridurre il tutto a un semplice lavoro di compressione delle immagini e scelta di un tema leggero. Le attività da mettere in preventivo sono tante.

  • Abilita la compressione GZIP.
  • Riduci il peso delle immagini.
  • Elimina CSS che blocca contenuti above the fold.
  • Fai la stessa cosa per JavaScript (e minimizza).
  • Sfrutta il caching del browser.
  • Scegli un server di qualità con:
    • Dischi SSD.
    • HTTP/2
    • HTTP Keep Alive.

Ovviamente tutto questo può essere agevolato con strumenti ed estensioni. Consiglio Optimizilla per ridurre il peso delle foto, Wp Rocket per gestire la cache e non solo:

  • Ottimizzazione database.
  • Minificazione e concatenazione.
  • Caricamento JS differito.
  • Lazyload per immagini.
  • Cache della pagina.
  • Ottimizzazione font Google.

Poi ci sono una serie di plugin WordPress per ridurre il peso delle immagini. Io però suggerisco di lavorare sulle singole foto ed evitare di aggiungere estensioni che fanno un lavoro che puoi ottenere con un po’ di attenzione in più.

AMP: pagine veloci con un plugin WordPress

Questa è una delle soluzioni più interessanti per migliorare la velocità del sito web. Puoi creare delle versioni leggere delle pagine web grazie alle versioni AMP (Accelerated Mobile Pages) che consentono di caricare i contenuti velocemente.

Il caricamento avviene in modo quasi istantaneo. Questo è un gran vantaggio che viene proposto agli articoli, alle pagine dedicate alle notizie e ai post del blog.

Attiva AMP su WordPress con un semplice plugin.

Una versione semplificata viene proposta agli utenti mobile semplificando la vita di chi naviga in 4G o magari in 3G. E ha bisogno di risorse rapide. Come si attivano le pagine AMP? Il modo più semplice: installa AMP for WP – Accelerated Mobile Pages.

Velocità sito fattore posizionamento Google

Perché tutto questo è importante? Semplice, lavori sull’ottimizzazione SEO on-page ma riesci anche a soddisfare le necessità del pubblico che vuole pagine veloci.

Un sito WordPress lentissimo rischia di essere abbandonato in pochi secondi e questo non è il massimo. Anche l’user experience ha bisogno di attenzione, non credi?

6 COMMENTI

  1. Credo che alla fine hai individuato la chiave di tutto nella conclusione. Quello che fregano sono i Widget dei social. Rallentano tantissimo le pagine. E naturalmente ottimizzare sempre le immagini come hai ben detto.

    Quanto al fatto che un sito deve caricarsi velocemente, penso sia una cosa normalissima. E’ veramente noioso stare ad aspettare che un sito faccia comparire le cose pezzo per pezzo.. 😉

    • Oggi più che mai, velocizzare le pagine web e lavorare sul tempo di caricamento delle risorse vuol dire migliorare la SEO e l’usabilità del sito web.

    • E calcola che tra gli iniziali Google Friend Connect, MyBlogLog e Facebook Fan Page ho lasciato solo quest’ultimo, il più redditizio in termini di affiliazione. In passato provai anche con semplici banner ma sembra che il riquadro della pagina fan attiri di più gli utenti.

      Quindi un widget social ce lo possiamo permettere

      Le icone… sì, le ho cambiate ma più che altro per una questione estetica. Così la barra è molto più pulita e ho eliminato alcuni servizi che, francamente, non sono mai riuscito a sfruttare più di tanto.

  2. La penso come te: mantenere il box fan page è utile, però ho constatato che rallenta molto il caricamento del sito. Anche tu come me, hai preferito però togliere la lettura dello streaming, almeno da renderlo un pò più leggero! 🙂

    • Beh, sì… in effetti lo streaming è piuttosto inutile sul box Facebook Fan Page, almeno nel mio caso.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here