Con il titolo ti giochi gran parte dei lettori. Soprattutto quelli che sfogliano le pagine di Google in fretta e furia cercando quella combinazione di parole capace di divertire, emozionare, incuriosire, interessare calmare le ansie e le paure dello spirito.

numeri-post

Alle persone piacciono i list post e trovano nelle headline numerate un punto di riferimento immediato. Tutto appare immediato, rapido, e facilmente condivisibile. Ma ci possono essere anche delle buone ragioni per non trasformare in un semplice numero le tue risorse migliori.

  • Puoi sbagliare numero – Pensi che ci sono 7 modi per preparare una torta di mele eccellente. Poi all’improvviso salta fuori qualcuno che ti fa notare che ce ne sono nove. O, peggio ancora, ce ne sono cinque e due te li sei inventate di sana pianta…
  • Rischi di diventare antipatico – I professori che salgono in cattedra e iniziano a dare nozioni incontestabili (magari racchiuse all’interno di una lista numerata) diventano sempre antipatici. Sempre!
  • Non è originale – Mi sai dire quanti blogger, copywriter e scribacchini del web utilizzano il trucchetto delle headline numerata? Di certo non riceverai il premio come Mr Originalità se lo usi anche tu.
  • Alla lunga diventi ripetitivo – Spesso mi capita di sfogliare tag, categorie, pagine di ricerca interna e trovare più articoli con una headline praticamente identica, con lo stesso numero in bella vista. E questo non è un bel biglietto da visita per i tuoi lettori.

Ho eliminati alcuni punti presenti nell’articolo originale, altri li ho modificati in base alla mia esperienza personale. Credo che i list post siano sempre una buona risorsa e che un’organizzazione dei contenuti (capitoli, paragrafi o liste puntate) sia sempre necessaria.

Allo stesso modo è giusto sottolineare che un blog fatto solo di “5 ragioni per fare qualcosa” e “7 motivi per non fare altre cose” può facilmente diventare noioso. Tu non credi?

2 COMMENTI

  1. Le liste numerate di contenuti generici sono davvero insopportabili, su questo siamo d’accordo. Conosco tante persone che pensano attraverso i numeri: agiscono solo se c’è una certa percentuale di probabilità che le risorse valgano lo sforzo di navigare verso una nuova pagina internet! Metto sempre il numero nei titoli dei post, il mio è un gesto solidale per un pubblico che vede i numeri e non legge le lettere!
    Complimenti per la bella riflessione 🙂

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here