Uno dei vantaggi di utilizzare WordPress è la grande quantità di plugin disponibili che ti permettono di modificare il tuo spazio web in base ad esigenze specifiche. Design, SEO, usabilità, semplici accessori… praticamente c’è un plugin per tutto!

wordpress plugin

Questo non significa che il tuo blog ha veramente bisogno di tutti i plugin che ti passano sotto il naso. Personalmente cerco di non esagerare con le applicazioni superflue, e disinstallare quelle che non utilizzo più, cercando di rimanere entro la soglia dei dieci.

Ma se dovessi andare su un’isola deserta con 5 e solo 5 plugin WordPress quali porterei?

  • All in One Seo Pack – Iniziamo con un grande nome dell’universo plugin. All in One Seo Pack è sicuramente uno degli accessori più conosciuti dai blogger che vogliono ottimizzare la Seo del proprio blog con WordPress. Già, perché con AIOSP puoi modificare il title e la description del blog e dei singoli post, togliere dall’indicizzazione le pagine tag e categorie per evitare contenuti duplicati, risolvere la questione canonical url… l’ho messo per primo perché lo reputo veramente indispensabile!
  • RSS Footer – Ecco la soluzione per inserire link preziosi nel tuo feed rss e far scoprire nuove risorse ai tuoi lettori affezionati, ma anche il modo più rapido per mettere il bastone tra le ruote a tutti quelli che ripubblicano il tuo feed per intero e non inseriscono link alla fonte. Grazie a RSS Footer di Yoast è facile risolvere tutti questi problemi.
  • Google XML Sitemap – Con questo plugin puoi fare una cosa semplice ma fondamentale per il posizionamento del tuo blog: creare una sitemap da sottoporre all’attenzione del Google Webmaster Central per suggerire con un filo di voce in più le pagine più difficili da trovare.
  • Akismet – E tu vorresti affrontare il duro mondo del web senza un antispam serio e affidabile come Akismet? Questa è la soluzione migliore per scovare commenti insidiosi, e con la nuova versione (2.5) puoi fare affidamento su numerose funzioni che hanno migliorato la gestione dei messaggi Spam. Ad esempio vengono evidenziati gli indirizzi dei link anche quando si nascondono dietro un anchor text. Personalmente non mi è mai capitato un messaggio come falso negativo, a volte è capitato qualche falso positivo.
  • Sniplet – Ti assicuro che con questo plugin puoi fare tantissime cose. Sniplet, infatti, è un’applicazione che ti permette di inserire qualsiasi stringa di codice all’interno del tuo blog e scegliere tra numerose personalizzazioni (che sono riassunte nella pagina principale del plugin). Posso creare tanti sniplet diversi, posizionarli in punti altrettanto diversi, disattivarli e conservarli per poi ripubblicarli in un secondo momento… provalo e poi dimmi se ho ragione 😉

Questi sono i plugin che porterei con me fino alla fine della mia esperienza di blogger. Ce ne sono tanti – ci sono i plugin per migliorare il posizionamento sui motori di ricerca e altri ancora per il pulsante ReTweet – ma io ho scelto questi. E tu quali sceglieresti?

11 COMMENTI

  1. Questa è la mia personale lista di plugin… ovviamente quelli citati da te sono stra inclusi eccetto che per il All in One Seo Pack che non amo molto preferisco utilizzarne altri… e Sniplet che non conosco.

    Broken Link Checker
    WP Smush.it
    W3 Total Cache
    Google Analytics for WordPress
    SEO Smart Links

  2. Si abbastanza bene, uso anche altri plugin creati dal SEO olandese, yoast! Forse io avrei aggiunto una piccola dashboard direttamente su wordpress con i dati di GA come ho visto fare per altri plugin! Per il resto il plugin ha tutte le funzionalità che servono per inviare dei dati da analizzare successivamente sulla piattaforma di Gooogle.

    Ciao Giuseppe

  3. La mia lista è completamente differente. Metto una funzione in functions.php al posto di All in One Seo Pack preferendo:

    WP Smush.it
    W3 Total Cache
    XML Sitemap
    NoSpamNX (Akismet ? Appartiene al passato !! 😉 )
    Yet Another Related Posts Plugin

  4. Interessante per chi, come me, è alle primissime armi….
    la domanda sorge spontanea: parli del .org, vero? perchè il .com non credo abbia i plugin ma ha i widget….
    grazie!

  5. @Riccardo grazie, per ora mi concentro più sul contenuto (ed è già una bella sfida!), ma credo che questa differenza non sia da trascurare….tu cosa dici?
    in realtà avevo registrato anche un .org ma poi ho iniziato a scrivere sul .com
    grazie!

    • @Anna

      Ci sono due strade: iniziare a scrivere su un blog come wordpress.com per imparare i primi passi per poi passare a qualcosa di più impegnativo; partire già con una piattaforma come wordpress.org per evitare una futura migrazione. Migrazione inevitabile se decidi di crescere e diventare indipendente.

      In questo articolo e nei commenti puoi trovare altre informazioni sull’argomento.

  6. i primi 4 li ho tutti e sono indispensabili l’ultimo non lo conoscevo, magari lo proverò mi sembra molto interessante! :-O
    ps
    secondo me è importante anche Subscribe to comment reloaded.
    ciao

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here