google plusPerché l’ha fatto Google, mi sembra ovvio.

Scherzo, ma non troppo. In passato ho espresso posizioni poco amichevoli nei confronti di Google Plus, e del suo potere pervasivo nel motore di ricerca.

A volte le novità sono difficili da accettare, ma con il passare del tempo si assimilano e iniziano a fondersi con il quotidiano. La mia idea su Google Plus è cambiata, devo ammetterlo: è una piattaforma che merita maggiore attenzione. Resta una sorta di imposizione firmata Mountain View, ma ha i suoi lati positivi.

Approfitto di questa riflessione per rispondere a un tweet di @RobicopyZanella con una manciata di motivi per usare Google Plus (presi in prestito da Inkstone):

 

Risultati di ricerca

Con Google Plus Your World tutte pagine web che hai apprezzato facendo click sul pulsante +1 appariranno nella Serp. Quindi, se hai fatto un buon lavoro, Google+ può essere un ottimo strumento per farti trovare.

Per chiare le idee sull’effetto di Google Plus sul posizionamento dei contenuti ti suggerisco di dare uno sguardo ai seguenti articoli: How Google’s +1 Button Affects SEO, Why Every Marketer Now Needs a Google+ Strategy, Google: il +1 avrà valenza nelle SERP.

Social Media Marketing mirato

Con Google+ puoi facilmente inviare messaggi mirati agli utenti. Basta lavorare bene sulla profilazione, creare diverse cerchie di utenti (ad esempio nuovi clienti, clienti attuali, clienti passati) e, quando pubblichi un contenuto, scegliere il gruppo di persone al quale indirizzare le informazioni.

Il momento giusto

Google ha integrato Google Plus con Gmail, Google Reader, Google Search, YouTube e il numero degli utenti attivi cresce di giorno in giorno. Potrebbe essere una buona idea costruirsi un seguito prima che il fenomeno esploda come è successo con Facebook.

Hangouts

Il servizio Hangouts è una chat video one-to-one o di gruppo perfetta per l’uso privato, ma anche per dare una marcia in più al tuo business. C’è anche Skype, vero, ma l’interfaccia utente degli Hangout è piacevole e i problemi tecnici si riducono all’osso.

Inoltre è possibile creare un Hangouts con un video di YouTube. E durante la visione tutti hanno la possibilità di commentare, riavvolgere e mettere in pausa il video.

Tu invece?

A questi motivi aggiungo i miei: Google Plus è un’ottima piattaforma per dare visibilità ai tuoi contenuti e per trovare nuove idee. Un beneficio da non sottovalutare per noi blogger sempre alla ricerca di spunti.

Tu invece perché usi Google Plus? Hai cambiato idea col passare dei mesi? Lo usi o l’hai già abbandonato? Lascia la tua idea nei commenti. 🙂

Ah, dimenticavo… segui My Social Web su Google Plus!

11 COMMENTI

  1. Sì, G+ merita un po’ più di attenzione, anche se rispetto a Facebook e Twitter è ancora pochissimo utilizzato…!
    A questo giro hanno fatto le cose per bene!!

  2. Lo uso, ma continuo ad avere l’impressione di pubblicare contenuti in una scatola vuota. Sto cominciando a dubitare del fatto che prima o poi decolli…

    • @Teju – Hanno fatto bene dopo il fallimento di Wave e Buzz 🙂

      @Adriana – Posso consigliarti questo articolo? http://www.squidoo.com/how-to-increase-google-plus-followers

      @El_Pinta – Purtroppo quello di perdere soldi e tempo è un rischio, ma lo puoi correre anche su Facebook e Twitter se ti muovi nel modo sbagliato.

  3. A mio avviso al momento G+ crea audience soprattutto in piccole community (io ne seguo alcune SEO e di GDR, molto attive e che sperimentano usi interessanti) però ancora non mi pare ci sia un pubblico potenzialmente interessato al marketing per le PMI. Gli strumenti di comunicazione sono ottimi ma il rischio è di investire energie, tempo e soldi nel vuoto è assai alto

  4. Mi piace molto Google plus, secondo me ha una interfaccia interessante, gli hangouts sono fantastici e ha davvero tantissime potenzialità. Ma, come anche a twitter prima (e diciamocelo anche un po’ ora), mancano gli utenti. E non parlo di numeri, parlo di persone, ed è cosa ben diversa. Mancano gli utenti del “tutti i giorni”, mancano gli amici con i quali condividere le foto, manca un tono rilassato da “grande famiglia”. A mio avviso è quella la chiave di volta che ha permesso a facebook di diventare Facebook, e soprattutto di mantenere il successo negli anni. Ripeto, amo G+ ma mi scordo di andare, mi annoio quando ci navigo, mi scoccia pensare doverci essere solo per i risultati di ricerca. Che detto così, per gli esperti di marketing e di SEO suonerà come una bestemmia, ma a me piace il contatto, non per forza solo e unicamente la strategia 🙂 comunque bellissimo articolo, mi faceva piacere dire la mia 😉

    • Ciao Elisa!

      Prova a creare discussioni su Google Plus: è il modo più semplice per superare la solitudine. E non ti preoccupare, non sei la sola a guardare oltre la strategia.

      Grazie per il tuo commento, a presto!

  5. Google Plus ha la capacità di calamitare le ricerche, è vero. E’ nuovo altrettanto vero. E’ Google, idem come sopra. La cosa migliore sapete qual è? Il contatto diretto con chi ti segue con più di 140 caratteri. La possibilità di pianificare insieme la vita di un sito con le Community. La vita che scorre nella veste più social.

  6. Premetto che sono uno scarso utilizzatore del “social” o meglio faccio una ” capatina” su FB ogni giorno, un po’ come leggere un quotidiano che parla di persone che conosco….ma nulla di più…sono un po’ più assatanato del sociale legato alle immagini esempio flickr e instagram , adorando i servizi Google da tempo immemore mi sono buttato in G+ immediatamente….ma l’impatto non è stato dei migliori ( e probabilmente la colpa è solomia) senza rendermene conto mi son trovato pubblicate tutte le kie fofo ( comprese quelle dell’iphone e quelle di picasa) e i link delle stesse mandate a tutti i miei contatti….la gente mi aggiungeva a cerchie in maniera incontrollabile ( cosi mimsembrava) insomma io lo,ho,trovato invasivo e ostico nella gestione…e quindi mi sono cancellato…..il problema probanilmente è mio….dobe ho sbagliato?

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here