Perché ha cambiato il mondo del marketing, mi sembra ovvio.

Forse hai già sentito parlare di Mucca Viola, un prodotto straordinario che riesce a farsi notare, e di Sneezer (starnutatore), ovvero una persona capace di influenzarne altre: sono concetti diventati famosi grazie a Seth Godin.

Ma ci sono dei punti che vanno oltre la bibliografia e il curriculum. Un webwriter dovrebbe leggere i libri di Seth Godin perché in queste opere la semplificazione del complesso diventa arte.

Non voglio spodestare nomi sacri dal piedistallo, ma non ho mai letto pagine come quelle di Seth Godin: dense di nozioni. Ma altempo stesso immediate, senza giri di parole. Un’impresa titanica? Un dono per illuminati?

La grandezza di Seth Godin è anche questa: riuscire a spiegare con semplicità concetti che altri rappresenterebbero con grafici, formule, sarabande di numeri e regole difficili da apprendere.

Nei suoi libri – tra tutti La Mucca Viola e la Chiave di Svolta – ho riscontrato alcune caratteristiche:

  • Periodi semplici.
  • Paragrafi brevi.
  • Parole di uso comune.
  • Metafore.

Quest’ultimo punto è importante. Di quante parole hai bisogno per spiegare il concetto che si nasconde alla base della Mucca Viola? Meno di venti, forse. Seth Godin ne usa due, che diventano subito brand. Diventano idea virale da codividere.

seth godin

Puoi trasformare una frase di 20 parole in un’idea virale? No. Stesso processo per lo Sneezer. L’approfondimento non manca, si parla di PromiscuousPowerful Sneezers, ma alla base c’è una parola trasformata in idea pronta all’uso.

Un concetto che diventa frase o paragrafo è difficile da metabolizzare. Lasci l’ingrato compito al lettore, mentre Seth Godin te lo serve su un piatto d’argento. Facile da utilizzare e archiviare.

Mi sbaglio?

5 COMMENTI

  1. Torno dopo un periodo d’assenza forzata e trovo questo bell’articolo. Condividiamo gli stessi pareri riguardo Godin, ho letto i suoi libri con vero piacere e molti testi importanti dovrebbero prendere esempio proprio dal suo stile. Basta una sola lettura per riuscire a carpire tutti i concetti del libro. Con altri libri, invece, non ne bastano 2 o 3 😉

  2. Bella idea aprire un post su Godin. Un grande comunicatore con il dono della sintesi illuminata, in grado di lasciare il segno anche dopo aver terminato la lettura. Molti dovrebbero leggerlo, soprattutto nei reparti mktg delle grandi aziende. Twittato.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here