La notizia è arrivata come un fulmine a ciel sereno, e gli effetti sono stati devastanti per la mia psiche: Google Reader chiuderà il 1 luglio 2013. Il feed reader di Mountain View rientra nelle pulizie di primavera di Google, e troverà riposo insieme ad altre applicazioni semi-sconosciute.

google reader

Google Read non è l’unico feed reader in circolazione. Ma io credo che perdita di Google Reader sia un evento da analizzare con cura. Un evento da non sottovalutare. Ora ti spiego perché.

Content Curation

Google Reader è perfetto per mettere ordine nei feed rss, ma non solo: è un tool per organizzare le tue fonti, e per mettere a punto la tua strategia di Content Curation insieme a Scoop.it e Storify.

Dall’interfaccia puoi organizzare i contenuti . E racchiudere i blog simili in un’unica cartellina, così hai tutto sotto controllo. C’è la stellina per includere un articolo tra i contenuti speciali, un set di scorciatoie tastiera e il pulsate per condividerle su G+. In poche parola hai tutto il necessario.

google reader

Ecco il lettore attento che interviene sul più bello: “Ma dai, Riccardo! Queste sono funzioni che trovi in ogni feed reader”. Vero, ma l’usabilità e la semplicità di Google Reader non hanno pari.

Grazie a Google Reader controllo i blog, seleziono le notizie da condividere e approfondire, mi informo per lavoro e per piacere. Sarà possibile con un altro lettore?

Google Reader è un servizio utile, amato da migliaia di utenti, perfetto per organizzare i feed rss. Perché eliminarlo? Passiamo alla prossima riflessione.

Visite al sito

Quante visite arrivano da Google Reader? Secondo Buzznet tante: hanno analizzato i dati del network, che conta circa 300 milioni di utenti. Risultato? Google Reader è una buona fonte di traffico. Soprattutto se paragonato con le visite generate da Google Plus. I dati raccolti dall’Agosto 2012 a oggi:

google reader

Il secondo grafico, invece, mostra i refferral di Google Reader paragonati con quelli di Google Plus nel tempo: poca cosa rispetto al feed reader. Secondo te questa è una realtà da sopprimere?

Forse per fare spazio ad altre realtà, per incanalare risorse e uomini verso lidi diversi. Magari anche per dare un motivo in più per partecipare alla vita di un altro progetto firmato Google.

Google Plus

Ok, le persone useranno un altro feed reader e arriveranno comunque le visite. E poi la Content Curation… come archivi con uno puoi archiviare anche con un altro.

google plus

Staremo a vedere. Nel frattempo la domanda che mi pongo è questa: perché Google chiude il reader?

Le applicazioni colpite dalle pulizie di primavera sono relitti informatici. Google Reader, invece, è uno dei lettori più utilizzati del web. Almeno così credo.

Non monetizza? Puoi convertire un prodotto e trasformarlo in una macchina per fare soldi. Magari non funziona e lo elimini, ma solo dopo aver provato.

Secondo Brian Shih, Google Reader Product Manager, il feed reader di Mountai View è stato sacrificato per dare spazio al mondo dei social. E in particolar modo a Google Plus. Esatto, quel Google Plus che vanta oltre 100.000.000 utenti attivi al mese e che influenza il posizionamento nelle SERP.

Prima di tutto il mercato. E forse Il sacrificio di Google Reader sarà il trampolino per una nuova evoluzione di Google Plus. Tu sei d’accordo con questa idea? Google Reader rinascerà in Google Plus o avremo una totale e definitiva chiusura dell’argomento feed? Inizierai a usare Feedly?

Parliamone insieme nei commenti!

13 COMMENTI

    • Google Reader è una vittima di Google plus…

      La mia è solo un’ipotesi. Altra ipotesi potrebbe essere quella che vede – come suggeriva anche Paolo Ratto sulla mia Fan Page – la complicità di Google Current. Ovvero un’applicazione per Android e iOS per consultare contenuti editoriali, riviste online…

      Ecco Google Current, ed ecco un video di presentazione:

      Secondo voi?

  1. Tu credi Ricky?
    Non sapevo dell’esistenza “Google Current”, perché non uso Android…
    Potrebbe essere un’altra ipotesi valida.

    Il punto è: l’hanno fatto fuori per fare spazio ad altri servizi?
    Secondo me sì… e mi sembra che anche tu sia di questa opinione.

    Certo dispiace che l’utente non venga mai consultato.
    Ahimè.

    🙂

  2. Beh ora come ora Feedly sta inglobando tutta la fetta di utenza orfana di Reader -> http://xabacadabra.blogspot.it/2013/03/feedly-e-lerede-di-google-readers.html

    è molto bello devo dire, ma personalmente da desktop mi sto trovando benissimo con RSSOwl e l’ho già levato

    Penso comunque che Google tirerà fuori qualcosa anche da Currents (per ora solo in mobile) e si, certamente tenterà d’incentrare ancora di più tutto il malloppo su G+

    Di mio sono amareggiato per la scelta (anche se si sta forse esagerando un po’ troppo nel disperarsi collettivo :D) perché, per quanto io ritenga G+ il miglior social network in circolazione, non sono un grandissimo estimatore del settore: preferisco di gran lunga i cari vecchi aggregatori che rimandano direttamente alla fonte senza pagine e timeline di mezzo 😛

    • Ogni strumento ha un utilizzo, e noi ci siamo fossilizzati con Google Reader. Forse troveranno qualcosa di straordinario che rivoluzionerà l’uso del feed reader, ma devono muoversi. Altrimenti passeremo ad altre risorse in tempi brevi.

      Io credo che Google non voglia eliminare Google Reader per lasciare un posto vuoto. Qualcosa arriverà. Credo.

  3. Io credo che G+ svilupperà una qualche applicazione per leggere i feed.
    Google Current per ora è solo su mobile, ma per quanto smartphone e tablet stiano crescendo a livello di utilizzo e di accessi ai feed non penso che Google si tiri via una fetta di utenza così ampia come quella da pc&co.

  4. Ho letto molti dei tuoi articoli su Google+, quindi sono pienamente d’accordo con te: credo che sarà bene essere su Google+ quando il fenomeno esploderà….e forse si mangerà anche gli altri social

  5. Google per una volta punta meno sul software e di più sul social. Distoglierà risorse da Google Reader e le sposterà su Google Plus e credo che ne mettere molte in campo. Per rinunciare ad una così grande fetta di traffico di Reader significa che le potenzialità delle nuova azione sono molte. E non possiamo nemmeno dire che quest’azienda risente della crisi come altre e sta riducendo il personale..oppure stanno inventando altro?

  6. Bel post intanto.
    Mi spiace molto per Google Reader perché molto funzionale e pulito quindi diventa facile da usare e soprattutto non fa perdere tempo. Ho provato Feedly, molto bello esteticamente ma non ragguinge i pregi di Google Reader.
    Aquesto punto qualcuni mi può suggerire qualcosa di alternativo on-line?
    Grazie.

  7. Mi dispiace un casino! Spero che Google pensi in fretta ad un’alternativa valida; anche con G+ va bene, basta che sia funzionale come lo era Reader. Io mi trovavo benissimo, si poteva seguire ciò che si voleva sia da mobile che da pc e tutto era sincronizzato alla perfezione.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here