Shares

La storia si ripete, e quella che spinge tutti noi ad aprire un blog è simile. Sempre diversa, ma legata a un insieme di eventi più o meno connessi. Perché aprire un blog? Perché hai sentito la necessità di pubblicare un articolo? Ci sono diversi motivi, ma attenzione: questo non è un articolo tecnico.

Non è un articolo che ti spiega come scrivere un titolo o una call to action. Se cerchi qualcosa del genere puoi tuffarti nella categoria dedicata al blogging, o in quella pensata per i copywriter.

Perché aprire un blog

Oggi voglio girarti una domanda: perché aprire un blog? Anzi. Perché hai aperto o vuoi aprire un blog? Perché vuoi diventare un piccolo editore del web? La domanda sembra scontata ma nasconde un’insidia che risolverò alla fine del post. Pensaci. Perché aprire un blog? E perché no?

Cos’è un blog e a cosa serve veramente

Primo punto: cercare di capire cos’è un blog e a cosa serve veramente. Come definizione dico questo: il blog è un diario online che può essere aggiornato quando preferisci. L’obiettivo di questo strumento di marketing è semplice: sfruttare le regole dell’inbound marketing per posizionarti su Google e raggiungere l’utente quando ha bisogno di te.

Quindi, di regola, basta saper scrivere per il web e hai le carte in regola? È sufficiente questo per aprire un blog? No, devi prima affrontare una serie di passaggi tecnici. In primo luogo devi scegliere nome del blog, hosting di qualità e tema WordPress. Poi hai in mano la situazione. Puoi iniziare a pubblicare e a farti la domanda che trovi nel prossimo paragrafo.

Da leggere: quando aprire un blog

Perché scrivere un blog personale

Perché vuoi cavalcare l’onda, vuoi guadagnare con il blog e conquistare un piccolo spazio in questo mondo. Vuoi sfruttare la leva del web marketing per dare risalto alla tua attività. Sei un freelance, hai un’azienda, sei un dipendente. Insomma, fai cose e vedi gente. Hai bisogno di un blog.

Quindi vai con WordPress, decidi di creare un blog con post e pagine. Mi raccomando la policy. Alla domanda “perché aprire un blog?” mi rispondi così: per spingere un’attività. Per avere successo.

Sono d’accordo. Va bene. Ma nella mia esperienza professionale vedo tanti blog che nascono con queste intenzioni. Assisto a tanti blog che vogliono diventare un punto di riferimento per la propria nicchia. Senza dimenticare quelli che pretendono di trasformare la passione in un lavoro.

perché aprire un blog

Sai cosa succede nella maggior parte dei casi? Questi blog falliscono. Affondano. Si impantanano, si bloccano, si lasciano imprigionare nelle maglie del tempo. Il calendario editoriale langue, le pubblicazioni diventano sempre più rare. Ogni tanto un aggiornamento per un post vecchio. Sporadico. Capita quando i risultati tardano ad arrivare. O quando arrivano troppo in fretta.

Succede quando manca qualcosa

Vediamo se indovini. Cosa può mancare in un blog? Cosa può determinare la fine di un prodotto editoriale senza grandi spese? La risposta è semplice, così semplice da sembrare complessa: l’idea.

Perché aprire un blog? Per comunicare un’idea. Per portare avanti una visione del mondo. Tutti i grandi progetti editoriali hanno un’idea, una visione, un concetto importante da insinuare nei contenuti.

Cosa sono i contenuti? Combinazioni di vocali e consonanti? Apparati sterili e senza iniziativa? O forse sono involucri in cui inserire un’idea? Io quando scrivo seguo questo modello: l’articolo è sempre frutto di un’idea, di una mia concezione del mio mondo. O della persona che mi paga.

Ecco perché l’empatia è una caratteristica fondamentale del blogger: devi comprendere le esigenze del pubblico, ma anche quelle della persona che ti assume. A volte devi capire anche le tue esigenze.

Un motivo per non aprire un blog?

Uno solo per me: non vuoi investire. Ben inteso, ci sono mille modi per intendere il concetto di investimento. Ad esempio il tempo, bene raro e sempre scarso. oppure puoi investire nella formazione e nello sforzo cognitivo che ti consente di cambiare idea su passaggi ormai vecchi.

Tipo: scrivere per il web è facile, basta mettere le parole chiave. Perché aprire un blog? In primo luogo per guadagnare di più grazie a un lavoro di content marketing. Ma anche per mettere in discussione dei punti di vista, per imparare. Sei pronto a investire denaro, tempo ed energie? Bene, salta a bordo.

Da leggere: come aprire un blog e guadagnare

Perché aprire un blog secondo te

Per comunicare un’idea. I grandi blog nascono da un’idea, da un progetto. E hanno degli obiettivi. Esistono blog di successo senza queste caratteristiche? Non lo so. Forse. Ma sono sicuro di questo: un blog di successo è mosso da un’idea. E chi scrive ha sposato il progetto che si trova alla base.

Concetti netti. Mi rendo conto che questo vuol dire esporsi a critiche, ma non è un problema. La tua opinione è importante: perché aprire un blog? Per comunicare un’idea? Lascia la tua risposta.

Impara a fare blogging
 
Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

11 COMMENTI

  1. ho aperto un blog perché volevo per fare leggere i miei racconti e farmi conoscere e questo rimane il motivo principale, ma nel frattempo in quattro anni le cose si sono allargate e mi hanno spalancato un mondo davanti. Rimango comunque sempre uno scrittore, anche se un certo modo di fare divulgazione mi ha sempre affascinato

      • Senza dubbio. Ora mi chiamano per presentare eventi culturali. Qualcuno mi chiama per avere un blog. Ci sono siti che mi pagano per scrivere per loro. E intanto c’è molta gente che sa che scrivo 🙂

  2. Ho aperto un blog perché mi piace scrivere e perché spero che le mie “piccole consulenze online” possono aiutare a risolvere i problemi (di natura tecnica) a chi non è capace.

    Ci riesco ? Non ci riesco? Ai posteri l’ardua sentenza… io intanto continuo a scrivere !!

  3. Ciao Riccardo,

    Ho iniziato ora a muovere i primi passi sul web con l’intenzione di aprire un blog per 3 ragioni fondamentali.

    1 – è un mondo che mi affascina e voglio essere libero di esprimere le mie idee.

    2 – Mi sembra un ottima palestra per allenare il mio copy.

    3 – Spero vivamente che i contenuti che posterò potranno essere utili a qualcuno

    Ciao Luca

  4. Ho aperto un blog praticamente senza rendermi nemmeno conto di quel che stavo facendo, senza una idea concreta di utilità per gli altri.
    Ricordo che sentivo la necessità di fermare -nero su bianco- alcuni ricordi e alcune sensazioni che ho provato e che provavo (e che provo!).
    Non ho mai avuto vantaggi dal blog se si intendono quelli economici, ma anche grazie al MoC sono stato chiamato in 4 redazioni (oggi collaboro ancora con 2 di queste).

    Moz-

    • E questo mi sembra un buon vantaggio: lavorare in due redazioni. Con qualche piccolo accorgimento riusciresti anche a monetizzare il blog, te lo posso assicurare.

  5. Ciao Riccardo,
    Aprire un blog, avere voce in capitolo e poter condividere la tua passione è qualcosa di impagabile, penso che il guadagno e la fama siano un seguito, ovvio bisogna credere in quello che si fa, come dico sempre, il duro lavoro ripaga sempre.

    Davide

    • Il duro lavoro ripaga, ma attenzione: bisogna anche imparare a lavorare con approccio furbo e intelligente. Non intestardirti su un punto: se non funziona gira intorno e cambia strada. Sempre però per crescere e ottenere buoni risultati con il blog.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here