Come diversificare le entrate

Il web ti dà la possibilità di guadagnare di più grazie a una buona diversificazione del fatturato. Come mettere in pratica questa tecnica? Ecco tutto quello che devi sapere.

Non ci sono formule magiche per diversificare le entrate. Perché io lo so come va a finire. Poi arriva qualcuno che spara la sentenza: “Questi blogger vogliono guadagnare senza fare niente. Pensano tutti di fare i Paperon de’ Paperoni ma poi sono dei barboni morti di fame. Ma andate a lavorare”.

diversificare le entrate
Diversifica per guadagnare di più.

Non sto parlando di trasformare il blog in una lotteria. Non ho idea di come si faccia una cosa del genere, non contesto e non appoggio chi suggerisce formule simili. Il motivo? Non mi appartengono, non le conosco. Ma so bene che è possibile guadagnare con il blog: lo faccio ogni mese.

Dipendente o partita IVA

Vorrei dare una risposta anche a tutti i simpatici che si lasciano andare a ilarità e motteggi vari: “Ma perché con il blog si guadagna?”. Certo, si guadagna. Non siamo tutti alla ricerca di campioni e prodotti omaggio: con una buona attività di blogging puoi far fruttare la tua partita IVA.

Certo, non è facile gestire questi aspetti e prendere scelte importanti. Se sei un dipendente puoi contare su una stabilità di fondo. Puoi lavorare per un unico cliente che commissiona articoli e rivende la tua attività, ma se sei un blogger freelance devi metterti in gioco.

Devi trovare nuovi clienti e lavorare sodo per guadagnare di più. Anche io mi sono trovato in questa situazione e ho risolto diversificando le entrate: ecco in che modo.

Per approfondire: aprire un blog e guadagnare

Diversificare le entrate: cosa significa

Significa che non devi lavorare solo su un unico prodotto/servizio. Il principio di Pareto (legge 80/20) ti suggerisce di coltivare i progetti più grandi, in modo da far arrivare la maggior parte degli introiti da uno stretto numero di clienti. La regola della diversificazione, invece, ti spinge a non chiudere il tuo business all’innovazione. E a non limitare la tua professione a un’unica attività.

diversificare le entrate
Diversifica il tuo fatturato.

Quando inizi devi farti le ossa, quindi è tutto più difficile. Davanti a te hai un’unica strada: scrivere. Scrivere contenuti di qualità. Ti devi far conoscere, devi acquisire autorevolezza. Quindi usi il tuo blog per fare personal branding, ma anche per farti trovare dalle persone interessate al tuo lavoro.

Come trovare i primi lavori online

Tutto parte da questo: “Scrivi bene, mi piace il tuo stile. Ti va di scrivere anche per il mio blog?”. Per chi lavora con i contenuti è indispensabile avere un blog.

È la prima forma di pubblicità. Quindi inizia a scrivere per i tuoi clienti, e la forma di guadagno principale è la scrittura. Anzi, il prestare le tue competenze di webwriter. I guadagni arrivano scrivendo e pubblicando articoli per terzi.

Con il tempo puoi aumentare la somma richiesta per un contenuto, le tue competenze ti rendono un professionista migliore quindi puoi ambire ad altro. Puoi chiedere di più. Ma la scrittura sul web non è scalabile. Non puoi aumentare o diminuire la produzione di testi in base alle esigenze.

Esempio. Non puoi scrivere 10 articoli al giorno per guadagnare 300 euro. Ma puoi spiegare il tuo lavoro a un gruppo di persone e fatturare questa cifra in mezza giornata. Io ho sentito il bisogno di diversificare per introdurre dei sistemi capaci di far guadagnare di più in meno tempo. E magari anche in mia assenza, senza attività specifiche.

Da leggere: come diventare un professionista

Diversificare le entrate di un blogger

Punto di partenza necessario: io non ho la verità in tasca. Ogni business ha formule di diversificazione differenti, io ti posso parlare del mio caso specifico: ecco come ho diversificato le entrate della mia attività di blogging, senza abbandonare la scrittura (unico e grande amore professionale).

Scrittura

Puoi scrivere articoli per i tuoi clienti, ma puoi anche passare ad altro. Ovvero alla scrittura di testi per siti web o per landing page. Puoi specializzarti, sai?

Anche nel content marketing o nella scrittura di newsletter. Scrivere contenuti è un lavoro che ti permette di guadagnare, ma anche di acquisire competenze da insegnare. Cerca di collaborare sempre con i migliori e di acquisire le competenze.

Formazione

Competenze da trasmettere a chi? Alle persone che ti chiederanno di fare formazione. Col tempo avrai acquisito delle competenze utili, competenze che le persone vogliono scoprire e conoscere. Dopo un bel po’ di gavetta (in realtà è un percorso che non finisce mai) puoi pensare di fare formazione.

Come guadagnare con il blog.

Cos’ puoi guadagnare trasmettendo sapere. In primo luogo questo avviene per conto terzi, ovvero prestando le tue conoscenze a persone che organizzano corsi. Col passare del tempo e con l’acquisizione di nuove competenze puoi pensare di organizzare un corso personale.

Consulenza privata

Sempre nell’ottica della diversificazione delle entrate, puoi proporre un servizio particolare: consulenza privata. La formazione è dedicata ai gruppi, alla didattica classica in aula; la consulenza invece è un faccia a faccia (magari attraverso Skype) per offrire le tue competenze a un professionista.

Partecipazione agli eventi

Uno stadio piuttosto avanzato, ma che può essere una buona forma di guadagno. Di solito ti chiamano per partecipare agli eventi quando hai un buon nome da spendere, quando la tua attività è nota ai professionisti del settore e ti chiedono di partecipare con un tuo contributo.

Si inizia a lavorare gratis in questi casi: ti pagano le spese e vai, ti fai le ossa. Non ho paura a dire che sono esperienze utili, e che un po’ di gavetta anche in questi casi non fa male. Poi arriva il momento di monetizzare: mi vuoi al tuo evento? Paga. Vuoi un intervento? Paga. Devo fare live tweeting? Paga.

Pubblicità e affiliazioni

Puoi guadagnare dalla pubblicità. E lo puoi fare con le affiliazioni, prestando i tuoi spazi web per spingere i lettori verso prodotti. Acquistano? Tu guadagni qualcosa.

Francamente non ho mai riposto grande fiducia in questi circuiti, ma non sono da scartare a priori: tutto dipende dal tuo target, dal tuo modello di business. Nel peggiore dei casi ti permettono di arrotondare e di pagare qualche spesa.

Crea un reddito passivo

Puoi anche creare un reddito passivo. Ovvero lavorare a prodotti da vendere nel tempo. Un ebook, un tema WordPress, un plugin, un video corso: questi sono prodotti che puoi vendere, e che ti possono fruttare un reddito passivo automatico.

Sono guadagni che arrivano senza muovere un dito. Ma puoi arrivare a questo step solo a un certo punto della tua carriera di blogger freelance. Guai a pensare di guadagnare con ebook e video corsi da un giorno all’altro.

Scrivere un libro (come io ho fatto con Fare Blogging) vuol dire ottenere dei guadagni diretti e indiretti. Non diventi ricco ma resta una fonte di introiti. Ma non ci arrivi subito: sono percorsi che durano anni. Nel frattempo cosa devi fare? Pubblicare, lavorare, fare esperienza a costo zero, farti le ossa e “rubare il mestiere”.

Per approfondire: 5 passaggi per crescere e raggiungere gli obiettivi

Mai perdere di vista il core business

Ho diversificato, ma ho ben chiaro un concetto: la scrittura resta fondamentale per me. Posso fare formazione, posso registrare corsi, posso scrivere libri. Ma solo grazie all’esperienza sul campo.

Solo sporcandomi le mani ogni giorno. Durante corsi e consulenze racconto la mia esperienza quotidiana, analizzata e approfondita. Accompagnata da esempi pratici per chi sta imparando.

Diversificare le entrate: una regola?

Diversificare le entrate è una buona soluzione per ottenere utili da attività diverse, un vantaggio considerevole quando sei un blogger freelance che deve coltivare nuove fonti di guadagno. Ma non è una legge universale, non è una regola da seguire senza ragionare. Devi contestualizzare.

Devi ragionare intorno al tuo modello di business. Cosa va bene per te? Qual è la soluzione adatta alla tua attività? Magari conviene diversificare poco, solo all’interno di un servizio (fare corsi per aziende e per liberi professionisti). Oppure puoi trovare beneficio allargando le tue attività.

Non esagerare. Rimani sempre nel ventaglio delle tue attività, non diversificare all’infinito: rischi di uscire dal tuo core business e di inseguire il guadagno in territori che non ti appartengono.

La tua opinione per guadagnare

Questa è la mia soluzione per guadagnare di più e con maggiore sicurezza nel mondo del blogging freelance. Vale per travel blogger, fashion blogger, food blogger e qualsiasi categoria di web writer.

C’è bisogno di evoluzione, c’è bisogno di un processo di formazione per arricchire le tue competenze e offrire servizi sempre diversi. Ma al tempo stesso migliori. Lo so, è un lavoro duro e faticoso.

Ma non posso diversificare l’offerta se il mio bagaglio resta fermo. Non posso passare dalla scrittura online alla formazione per blogger se non acquisto i parametri base per entrare in un’aula, non posso farmi pagare per spiegare concetti a imprenditori e liberi professionisti se non ho seguito un percorso di miglioramento individuale.

Per diversificare le entrate devi crescere professionalmente. Questo è il mio punto di vista: aspetto la tua opinione nei commenti.

10 COMMENTI

      • Di nulla, mi hanno catturato sia i vari punti sul come hai diversificato le entrate , sia alla regola del non esagerare, in quanto, riflettendo, si rischia solo di avere un effetto contrario e spesso provocare più danni che benefici 🙂

        • Il non esagerare per me è centrale. Nel senso: sono un webwriter? Continuo a lavorare in questo settore. Do il massimo, mi espongo nel miglior modo possibile. ma solo per quanto concerne la mia professionalità.

  1. Un bellissimo articolo, complimenti!
    Ho fatto già qualcosa in passato con qualche blog, ma posso definirmi ancora principiante. Vorrei iniziare ad impegnarmi più assiduamente su questa attività, e come punto di partenza probabilmente avrò il tuo libro, grazie di condividere la tua esperienza 🙂

  2. Ottimo articolo Riccardo. Oggigiorno, diversificare le fonti di reddito diventa essenziale, ma come hai detto tu è importantissimo scegliere fonti inerenti la propria professione o si rischia di non vendere vera competenza e quindi di non guadagnare nulla. Io ad esempio diversifico molto perché avendo un blog che tratta di crescita professionale e finanziaria, riesco a creare redditi da formazione in ambito finanziario e imprenditoriale, da corsi, libri e consulenze e marketing per attività imprenditoriali. Complimenti per il blog!!!

  3. Ciao Riccardo, sono alla ricerca di un modo, un tramite, per “pubblicizzare” al meglio l’ hobby di mia moglie… Mi spiego meglio. Lei attualmente lavora part-time in un’ azienda automotive, ma da circa 4 anni, nel tempo libero si cimenta con grande passione e bravura a detta di tutti i clienti nella creazione e vendita di torte decorate in pasta da zucchero e torte classiche, ma anche caps cake, biscotti, topper da mettere su torte ecc… Ha iniziato col fare torte per amici e parententi ed oggi, grazie al passa parola, continua a farle per loro, ma ha allargato i suoi orizzonti fino ad amici di parenti, conoscenti di amici, conoscenti di conoscenti e sovente crea topper per un ristorante e una pasticceria vicino casa. Insomma, si è creata una piccola entrata mensile, che ci permette di pagare qualche bolletta, l’ affitto del garage e/o le scarpe ai bambini. Io sono un’ appassionato di tecnologia, di internet, ma pur pensandoci sovente, non ho mai preso seriamente in considerazione la possibilità di creare per mia moglie un blog, dove lei possa raccontare la sua passione per il cake design, mostrare le sue creazioni, così da farsi conoscere ed acquisire clienti non solo tramite il passa parola. Allo stesso tempo provare a guadagnare da questa sua passione aggiungendo adsense nel blog e magari indicendo corsi, pubblicando guide ecc. Riccardo, sono un fiume in piena di idee, ma non ho soldi da investire in questo sogno, pertanto desidererei cortesemente un tuo consiglio su come iniziare a creare un blog “fai da te”. Grazie, Luca

    • Ciao Luca, capisco tutti i passaggi del tuo commento. Compreso l’ultimo punto. Quindi ti consiglio di leggere questo articolo: come aprire un blog di cucina e iniziare a guadagnare https://www.mysocialweb.it/2017/04/28/come-creare-un-blog-di-cucina/ dovrebbe aiutarti a individuare una strada.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here