7 modi per far leggere i passaggi più importanti del post

Vuoi fare in modo che tutti siano in grado di leggere il tuo contenuto? Sfrutta al massimo questi passaggi per dare al lettore tutto ciò che serve per rendere comprensibile la tua opera.

4

Migliorare comprensione del testo, in che modo? C’è un punto nel mondo del web writing che devi accogliere prima di scrivere: la gente non ha tempo. Sul serio.

Le persone arrivano sul post e non hanno voglia di leggere, sono stanche, vanno di fretta, hanno il fiato del capo sul collo. Oppure hanno altri 10 blog da consultare.

Come migliorare comprensione del testo
Poni in risalto i punti essenziali.

Insomma, la tua è una condizione infelice. Meglio un post lungo o un post breve? Nell’infinita polemica che vede contrapposte due scuole di pensiero c’è un punto a favore della sintesi: le persone non leggono. Arrivano sul tuo articolo e guardano.

Cosa fanno le persone con il testo online

Analizzano pochi elementi. Scannerizzano il testo con superficialità. Poi iniziano a gustare il post se è interessante, ma l’attenzione è sempre in bilico. Ecco perché devi puntare sulla leggibilità del testo.

E, soprattutto, devi costringere il pubblico a leggere fino alla fine: la lettura deve toccare l’ultimo punto. Non è difficile, hai bisogno di pratica ed esercizio.

Stesso discorso vale per i passaggi più importanti: devi mettere le tue abilità a servizio delle informazioni decisive, devi evidenziare gli snodi fondamentali. In che modo? Ci sono delle tecniche in grado di mettere in luce i punti imprescindibili. Quelli che devono esserci sempre.

Basta ricordare questo: le persone non leggono. Prima di elencare i passaggi utili per mettere in evidenza le tue informazioni devi consultare questi dati decisivi.

Chi legge veramente i tuoi post online?

“On the average Web page, users have time to read at most 28% of the words during an average visit; 20% is more likely”. Sono numeri presi dal sito di Jackob Nielsen e lasciano delle informazioni drammatiche: le persone leggono il 20% del testo.

Ovviamente è una media, non rappresenta la realtà, ma è utile per capire la direzione da seguire per ottimizzare la leggibilità e migliorare comprensione del testo.

D’altro canto questo grafico mette in relazione tempo trascorso su un articolo e lunghezza: se hai tanto da dire devi imparare a scrivere un post lungo in modo da renderlo piacevole. Altrimenti rischi di essere ignorato, superato e dimenticato.

testo letto in media

Sempre nello stesso articolo vengono citati i dati di una ricerca che prende in esame 59.573 pagine visualizzate e arriva a questa conclusione: 10.163 documenti (17%) vengono abbandonati dopo 4 secondi, il tempo di fare un brief visuale. Ecco perché è importante mettere in evidenza le informazioni. Ma come?

Migliora la formattazione del contenuto

Il primo punto per migliorare comprensione del testo è dedicato alla formattazione, agli elementi che ti permettono di dare una caratteristica estetica al testo. I comandi principali si trovano in tutti gli editor e si riassumono in tre punti sostanziali:

  • Grassetto
  • Corsivo
  • Sottolineato

L’elemento che ti interessa è il grassetto, il comando che ti consente di marcare i contorni delle lettere. Come si formatta un testo? Applicando la leggerezza. Evidenzia solo ciò che serve, non inondare l’articolo con quintali di grassetto: è inutile e controproducente. Se evidenzi tutto è impossibile estrapolare l’informazione.

Come si usa il grassetto per migliorare il testo? Cerca di creare un percorso interno: usa il grassetto per evidenziare le parole di un percorso capace di portare il lettore verso le tue conclusioni, dirigilo sul significato che ti interessa e che vuoi proporre.

Domanda tecnica: meglio <strong> o <b>? Entrambi inseriscono il grassetto ma il <b> non aggiunge valore semantico, solo estetico. Quindi, se vuoi dare enfasi a una parola, devi usare il tag <strong>.

Aggiungi il tuo catenaccio per evidenziare

Il catenaccio è il testo incorniciato dall’articolo che mette in evidenza un passaggio. Ma anche virgolettati, consigli, elementi decisivi per chi legge. Quando mi chiedono come scrivere un articolo di giornale cito sempre questo elemento.

Puoi sfruttare la stessa logica su WordPress e creare delle piccole strutture testuali per evidenziare i punti utili per chi legge. magari una frase, un consiglio utile. Sembra una soluzione difficile da applicare? Basta un plugin: Perfect Pullquotes.

Preferisci ragionare in termini di velocità del blog WordPress? Invece di aggiungere un plugin puoi creare una classe di stile per avere il risultato senza ulteriori estensioni.

Semplifica e togli quello che non serve

Questa è una regola chiave per migliorare comprensione del testo. Se vuoi rendere accessibile a tutti il tuo contenuto devi semplificare. Scrivere per farsi leggere significa questo: eliminare il superfluo per far emergere ciò che vale.

Quanto deve essere lungo un articolo del blog? Difficile dirlo. Però molti credono che il contenuto debba essere abbondante, perché ci sono ricerche che suggeriscono una relazione tra posizionamento SEO e quantità del testo. Possibile? È vero?

Non è un’idea assurda: soddisfare più intenti di ricerca vuol dire avere dei vantaggi potenziali sul motore di ricerca. Ma guarda questo grafico di dejanseo.com: la gente se ne va se non trova ciò che vuole. Questo non vuol dire ammorbare gli articoli con:

  • Avverbi e aggettivi inutili.
  • Giri di parole senza utilità.
  • Concetti ribaditi per fare massa.
  • Approfondimenti superflui.
  • Parole non funzionali.
  • Termini incomprensibili.
  • Incisi e parentesi non funzionali.

Il concetto: devi snellire senza svilire. Preferisci la parola semplice e diretta al termine ricercato, ma usa quella parola se vuoi esprimere esattamente quel concetto. Non aver paura degli avverbi ma elimina quelli che usi solo per abitudine.

Buone abitudini per semplificare e scrivere

Attenzione agli incisi: possono rovinare tutto quello che hai scritto quando spezzano l’equilibrio vitale tra soggetto e verbo. Inoltre possono diventare lettera morta, puntualizzazioni inutili e viziose. Meglio evitare, preferisci linearità e periodi brevi. Anche le 40 regole di Umberto Eco per scrivere meglio lo consigliano.

Spesso il problema riguarda l’incapacità di accettare un concetto semplice: non devi fare bella figura scrivendo come un testo universitario. Come suggerisce Ogilvy, devi puntare sulla semplicità: sfrutta parole brevi, frasi brevi, paragrafi brevi.

Crea box per le tue informazioni chiave

Ho appena usato un trucco estetico per mettere in evidenza un testo che merita attenzione: il box informazioni. Sto parlando di un elemento che crea distacco.

Porta il lettore in un contesto diverso. Non sei qui, non sei su questo articolo, gli elementi grafici sono diversi. Vuoi migliorare comprensione del testo? Nel riquadro puoi mettere ciò che vuoi evidenziare, ma anche elementi di contorno.

Tutto dipende dalla grafica che hai scelto. Il plugin WP Canvas Shortcode, ad esempio, ti permette di scegliere tra un blu neutrale, una cornice nera con sfondo neutro, un verde enfatizzante e un rosso che richiama situazioni pericolose.

C’è anche Ultimate Shortcode che fa un buon lavoro con i box, ma se vuoi evitare problemi e snellire il caricamento del blog ti consiglio di creare sempre classi di stile (CSS) per richiamare dei box grafici senza il bisogno di estensioni.

Valorizza lo spazio bianco nella scrittura

Esatto, questo è uno dei modi migliori per mettere in evidenza un contenuto? Vuoi far notare un concetto? Lo devi isolare, lo devi portare fuori dal paragrafo.

Nel fiume di parole un concetto si perde, affoga tra consonanti e vocali superflue. Prova, invece, a lanciare una frase sullo sfondo bianco. Lasciala galleggiare senza interferenze. Questo è il miglior modo per evidenziare un concetto.

In realtà lo spazio bianco ha dei risvolti interessanti anche nella divisione in paragrafi. A parte isolare la singola frase per metterla in evidenza, la buona abitudine è quella di dividere tutto il testo in blocchi semplici da leggere e digerire.

Se vuoi migliorare la leggibilità di un testo sullo schermo o su un foglio di carta non hai altra scelta. Soprattutto da mobile la fruizione del contenuto ha bisogno di paragrafi brevi. Non troppo, non devi interrompere l’idea. ma devi essere snello.

Considera il testo evidenziato in un post

Usa il testo evidenziato per dare enfasi a un passaggio, magari a una frase o a una parola. Ci sono dettagli che hanno bisogno del testo evidenziato come, ad esempio, la data ultima di uno sconto o il coupon necessario per sfruttare un’offerta.

Come si evidenzia il testo? Cambia colore allo sfondo, lo puoi fare con il codice HTML. Se usi WP Canvas Shortcode puoi sfruttare un’alternativa elegante. Questo plugin, infatti, permette di inserire del testo evidenziato con colori morbidi.

Sfrutta subito visual quote per emergere

Le immagini raggiungono l’obiettivo: si fanno notare, comunicano in un tempo minimo il significato che vuoi veicolare. D’altro canto le citazioni del testo estrapolano un elemento e lo mettono in evidenza. Ecco perché le visual quote sono perfette per raggiungere lo scopo: danno importanza a ciò che serve.

migliorare comprensione del testo
Un esempio di visual quote per comunicare concetti.

Puoi creare un visual quote utilizzando le parole di una persona famosa o prendendo un una stringa del tuo contenuto che vuoi mettere in primo piano.

Lo sfondo può essere omogeneo o astratto, può rappresentare un essere umano o un oggetto: questo lo decidi tu: ricorda di curare la leggibilità anche in questo caso, il testo deve avere una base utile per creare contrasto. Altrimenti diventa illeggibile.

canva
Migliorare comprensione del testo, Canva ti aiuta a scrivere sulle foto.

Le migliori applicazioni per creare visual quote? Canva, Pablo, Picmonkey: ti lascio i migliori tool per scrivere sulle foto. Tutto però parte da una buona base: ecco decine di siti web che ti permettono di scaricare immagini gratis per i tuoi lavori.

Non ti bastano? Ecco 30 immagini gratis per il tuo blog

Come migliorare comprensione del testo

Hai letto i punti che ti ho suggerito? Devi metterli in pratica se vuoi illuminare i passaggi decisivi di un articolo. All’interno di un contenuto c’è sempre un elemento che ha bisogno di maggior attenzione, e qui trovi 7 modi per dare luce a tutto ciò che è essenziale e migliorare comprensione del testo quando serve.

Non devi usarli sempre, ma soprattutto non devi mettere in evidenza ogni singolo nodo: indica solo quello che serve, solo l’essenziale. Queste sono le soluzioni che io metto in pratica ogni giorno, ma qual è la soluzione ideale secondo te?

4 COMMENTI

    • Grazie Angelo, vuoi aggiungere qualcosa? Secondo te ci sono altri metodi per mettere in evidenza il testo in un articolo?

  1. Molto interessante come sempre.

    Io cerco di immaginare il lettore che scorre velocemente l’articolo, e in pochi secondi decide se leggerlo o meno. Per proporgli i punti chiave e catturare la sua attenzione uso queste tecniche:

    – evidenziare certe parole chiave o piccole frasi, in grassetto (strong) e con un colore di riferimento;
    – usare paragrafi corti (massimo 4 o 5 righe): il lettore sarà invogliato a leggerne qualcuno per capire di cosa si parla;
    – uso bilanciato di immagini, attirano molto l’attenzione (e alleggeriscono la lettura);
    – sfruttare le infografiche, credo che abbiano un grande potenziale;
    – box con citazioni e click to tweet, questi ultimi soprattutto molto importanti: mi permettono di evidenziare i concetti chiave e sono una call to action per la condivisione;
    – uso attento dei titoli (H2 e H3), con i quali interessare il lettore con domande e soluzioni.

    • Ciao Alessandro,

      Queste sono le principali regole della leggibilità e hanno un ottimo effetto sul testo. le persone non possono trovarsi di fronte articoli illeggibili, devono essere messi nella condizione di lavorare nel miglior modo possibile. E questo vuol dire rispettare i punti che hai elencato.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here