Shares

Esistono delle linee guida per scrivere un articolo perfetto? No di certo, o almeno io non le conosco. Posso confermare che la qualità del contenuto è relativa alle necessità del pubblico. Quindi non puoi definire delle regole a priori e valide sempre. In qualche caso gli articoli utili possono essere ricchi di immagini, in altri casi delle notizie brevi. Senza dimenticare pillar article, cornerstone contenttutorial.

Linee guida per scrivere un articolo

Detto questo, esistono dei parametri oggettivi da ricordare per allinearsi alle necessità di un progetto editoriale. Sul tuo blog personale puoi lavorare come preferisci, ma quando crei una redazione devi seguire il piano editoriale per ottenere determinati obiettivi. Cosa significa questo?

Devi allineare i blogger creando delle linee guida per scrivere articoli degni di questo nome. E rispettare i punti essenziali, quelli che fanno la differenza e che possono essere definiti.

Le linee guida per scrivere un articolo sono decisive quando operi in una redazione. In questo modo puoi risparmiare tempo e sintetizzare in un documento tutte le indicazioni. Pensa, niente domande e poche email per chiedere spiegazioni. È tutto scritto e condiviso. Cosa elencare esattamente?

Cosa sono le linee guida per scrivere un articolo?

Il primo passo: non confondere il piano editoriale con le linee guida per scrivere un articolo. Il primo è un documento nel quale sintetizzi il target, gli obiettivi, il tone of voice e la mappa mentale dei contenuti. Il secondo, invece, è un file testuale che riunisce aspetti essenziali, operativi, rivolti alla scrittura online. Non c’è strategia nelle linee guida, solo tanta concretezza e buon senso.

Come creare le linee guida? Io lavoro su Google Drive. Nella cartella del cliente inserisco il piano editoriale, il calendario e il documento con le indicazioni per scrivere un articolo. Anzi, per scrivere diverse tipologie di articoli. Nel corso delle settimane tutto si evolve. E si aggiungono precisazioni relative alla scrittura di lavori differenti.

Formattazione degli articoli

Uno dei primi punti che inserisco. Nelle linee guida devi indicare i criteri base della formattazione. Come inserire il corsivo e il grassetto, ad esempio. Ti sembra strano? Ti assicuro che ci vuole arte per questo lavoro. Non devi inserire tag a caso: devi creare un percorso interno, attirare lo sguardo del lettore. Non è facile e spesso i blogger si limitano ad abbondare con il grassetto.

Consegne e inserimento

Le linee guida per scrivere un articolo riuniscono le indicazioni per l’inserimento, e il comportamento da seguire per la consegna. Lavori con WordPress? Perfetto, le procedure d’ingresso sono chiare a tutti. L’articolo deve essere inserito e salvato in bozze? Specifica sempre la cosa più importante: non pubblicare, se ne occuperà la redazione. E affronta questi punti particolarmente delicati:

  • Permalink – Chi lo decide? Segue la focus keyword o viene definito dalla redazione?
  • Tag e categorie – L’articolista può decidere in autonomia tag e categoria dell’articolo?
  • Tempi – Quando deve essere consegnato l’articolo? Una settimana prima? Due?

L’inserimento deve avvenire in modo da evitare tag HTML superflui. Prova a copiare e incollare un testo da Word: aggiungi tutta la formattazione del file. Gli articoli si passano prima sul block notes e poi nella pagina WordPress. Oppure si scrivono direttamente sul CMS, la soluzione che preferisco.

Per approfondire: come scegliere tag e categorie di un articolo

Immagini

Definisci le dimensioni delle immagini, consiglia ai ragazzi come comportarsi con le foto. Cosa possono prendere? Sono liberi di aggiungere immagini? Ricorda nelle linee guida i punti essenziali per l’inserimento dei contenuti multimediali: suggerisci siti per scaricare immagini gratis e l’importanza delle foto leggere, caricate già con le dimensioni necessarie.

La risorsa: 30 immagini gratis per il tuo blog

Ottimizzazione SEO

In questo documento devi inserire le principali regole del SEO copywriting. Attenzione, non devi scrivere un trattato ma aiutare i blogger a prendere delle decisioni. Ci sono articoli che hanno obiettivi legati al posizionamento, quindi devi suggerire a chi scrive come muoversi. Condizione essenziale? Aggiungere WordPress SEO by Yoast e muoversi in questa direzione:

  • Suggerire, quando necessario, una focus keyword.
  • Indicare un tag title differente dal titolo, se serve.
  • Ricordare di inserire la meta description.
  • Definire l’uso delle keyword nel permalink.
  • Ottimizzare le immagini lato SEO.

Poi ci sono i sottotitoli. Io preferisco fare delle ricerche specifiche intorno alla focus keyword e trovare delle correlate da trasformare in sottotitoli. Così posso modellare l’articolo intorno agli interessi espressi dal pubblico nel motore di ricerca. Questo aspetto si ritrova anche nel calendario editoriale.

Ottimizzazione SEO

In questo documento non deve mai mancare un invito alla semplicità. Chi scrive non deve essere viziato da queste idee, non deve barattare la buona comunicazione per le presunte tecniche SEO.

Non esistono, ci sono una serie di linee guida da seguire per indicare a Google qual è il topic e quali sono le sfumature dell’articolo. Ma non serve ripetere mille volte la parola chiave nel testo, questo è chiaro. Quante volte la devi ripetere? Basta scrivere per le persone e tutto scorre.

Forma e leggibilità

Nelle linee guida per scrivere un articolo c’è un’ampia parte dedicata alla leggibilità del post. In particolar modo a tutti gli elementi da seguire per presentare il contenuto nel miglior modo possibile. Spesso gli articolisti si limitano a inserire il testo nel CMS senza attenzioni: nel documento di guida devi indicare tutti i passaggi necessari per migliorare questo passaggio. Quali sono i punti essenziali?

  • Dividi il testo in paragrafi di 2/4 righe.
  • Usa parole semplici, periodi semplici.
  • Inserisci i titoli dei paragrafi.

Le regole della buona leggibilità sono diverse e si allungano fino alla scrittura. Un passaggio decisivo è dedicato al tone of voice. Questo lavoro viene regolato nel piano editoriale, ma può essere utile far capire al blogger come scrivere. Io mostro attacco e chiusura, i punti più delicati per il web writer. In questi casi può essere utile lo schema che ho proposto nel libro Fare Blogging.

Linee guida per scrivere un articolo

In realtà questo strumento viene suggerito per la prima volta da gathercontent.com e ha un obiettivo semplice: delineare a chiare lettere il tone of voice. C’è una definizione, ci sono degli esempi positivi e negativi, ci sono delle motivazioni. Più semplice di così è impossibile.

Hai qualche domanda?

Lo so, non è facile creare un documento con le linee guida per scrivere un articolo. Soprattutto se lavori in una redazione di blogger. Però anche questo fa parte del tuo lavoro, non solo la creazione di piano e calendario editoriale. Devi rendere la scrittura semplice e lineare, devi ridurre l’attrito e migliorare la comunicazione tra i vari attori. Sembra facile? Non credo, ecco perché sono a tua disposizione: lascia nei commenti le tue domande, affrontiamo insieme l’argomento.

Impara a fare blogging
 
Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

2 COMMENTI

  1. Per quanto riguarda il copia-incolla da un programma di videoscrittura (così siamo pure generici), c’è un tastino nell’editor di WordPress che ti permette di incollare rimuovendo tutta la formattazione.
    Poi ti devi comunque ripassare il testo (al pari dell’alternativa da te suggerita) per inserire tag per titoli, grassetti, link, ecc.
    Quindi io suggerisco, se li scrivi inizialmente altrove, di riscriverlo al momento dell’inserimento nel CMS. In questo modo sei anche forzato a fare una revisione del testo, trovi errori di battitura di altro tipo.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here