Shares

Il controllo del sito web nella sua fase embrionale è importante. Ma non credere che tutto si concluda con le verifiche di base, quelle che ti permettono di dormire sonni tranquilli una volta che hai messo online il progetto (tuo o del cliente).

30 tool speciali per il tuo sito web

Ogni giorno, ogni settimana, ogni mese devi effettuare dei pit stop. Devi controllare il sito web, e fare in modo che ogni ingranaggio faccia il suo lavoro. Eppure basta poco, ci sono una serie di strumenti per fare verifiche dei siti internet.

Come capire se il sito è affidabile? E se è abbastanza veloce? Posso individuare i problemi legati all’hosting? Ci sono diversi strumenti che ti aiuteranno a fare un buon controllo del sito web. Quali sono? Ecco le mie scelte, ma prima una nota.

Cervello e controllo del sito web

In questo articolo voglio elencare una serie di strumenti per verificare molti aspetti del sito web legati all’usabilità, all’accessibilità e alla sicurezza di ciò che hai messo online. Questi aspetti sono essenziali per migliorare la velocità di blog, per ottimizzare l’user experience e altri aspetti che non devono mai mancare in un progetto online.

Però bisogna dire questo quando ti approcci a un lavoro di questo tipo: per controllare un sito web non basta avere tutti gli strumenti di questo mondo, devi metterci il cervello. Nel quale si trovano anche le sfere dell’esperienza, del saper fare e del contestualizzare qualcosa di freddo e inerme come i numeri.

Numeri che vengono vomitati dai tool per il controllo del sito web nei suoi aspetti (SEO, sicurezza, affidabilità, usabilità, accessibilità) insieme a consigli tagliati con l’ascia. Senza sfumature. Ma quelle le devi aggiungere, è compito tuo capire.

Da leggere: come ottimizzare una pagina web

Analisi SEO di un sito internet

Uno dei primi punti da affrontare: quali sono i migliori SEO tool per fare un’analisi del sito web? Magari gratis? Primo punto da valutare: questo mondo è fatto di investimenti, quindi se vuoi il massimo devi pagare. Però qualcosa puoi fare anche con questi strumenti di analisi SEO. Ecco un elenco da ricordare in eterno:

Screaming Frog

Screaming Frog è uno dei punti di partenza per chi vuole fare una buona analisi del sito web. Questo tool (gratuito fino a un certo punto) ti offre la possibilità di scoprire una miriade di errori in termini di meta description, tag title tag H1, ottimizzazione SEO delle immagini e altro tanto ancora. Praticamente imperdibile.

SEO suite professionali

Poi, ovviamente, c’è una ricca sezione di SEO analyzer tool per fare test approfonditi. Molto approfonditi. Qualche esempio concreto? Posso citare Semrush, SEO zoom, Majestic, Ahref. Nei primi due casi si lavora soprattutto sull’analisi delle keyword con le quali un sito si posiziona, per terzo e quarto l’attenzione è sui backlink.

Operatori Google

Un altro SEO tool decisivo: la lista di operatori Google. Ti faccio un esempio concreto, ovvero il site: che ti consente di fare una prima verifica dell’indicizzazione di un sito web o di trovare determinati termini all’interno dei contenuti di un dominio.

Search Console

Sembra quasi banale aggiungere questo punto, però è giusto così: la search console è un ottimo strumento SEO per controllare un sito web. Soprattutto oggi.

Search Console
Ecco una schermata della nuova Search Console di Google.

Perché dico questo? Con il recente aggiornamento di questa suite firmata Google puoi individuare una serie di problemi in più, puoi scoprire uno storico più ampio rispetto a ciò che è accaduto con la visibilità del sito web. Hai molti vantaggi in più, ecco.

Verifica velocità delle pagine

Cerchi un buon test per il sito web? Lavora in questa direzione, valuta il tempo di caricamento delle pagine. Migliorare la velocità di un sito web, oggi, significa lavorare su diversi fronti: user experience e SEO, soddisfazione degli utenti e ottimizzazione per i motori di ricerca. Una doppia faccia che si ritrova in una medaglia.

Lighthouse

Recentemente implementato, il plugin del browser Chrome di Google offre una serie di tool molto utili per individuare problemi di accessibilità e buone pratiche.

HTTP/2 Pro

Uno dei parametri per migliorare la velocità del sito web: protocollo HTTP/2. Il server risponde a queste esigenze? Per verificare puoi usare questo tool: http2.pro.

Web page test

Qual è il tool per verificare la velocità di un sito web più completo? Si chiama webpagetest.org e ti assicuro che una volta provato non lo abbandoni più.

Dati strutturati

Google offre uno strumento ufficiale per testare i dati strutturati e per correggere gli errori di chi ha inserito il codice nel modo errato. Bastano pochi click per avere il risultato.

Speed Test Google

Questo è uno dei tool più famosi per capire cosa migliorare in un sito web: Speed Test Google. Però ti consiglio di non velocizzare il sito web solo perché lo dice BigG.

Speed Test Insight di Google
I risultati dello speed test di Google.

Non è lui che deve aspettare per leggere ma l’utente: non esiste un unico tempo di caricamento, ma diversi risultati che cambiano in base al tipo di connessione, al dispositivo e all’area geografica. Quindi cerca di lavorare sempre intorno all’utente.

Controllo sicurezza del dominio

Cos’è la performance se non c’è sicurezza in un sito web? Perché dovrei fidarmi di un progetto editoriale se all’improvviso mi cade il sito o rischio di far rubare i dati sensibili? Prima di tirare un sospiro di sollievo dai uno sguardo a questi tool.

SSL Report

Vuoi sapere tutto su un certificato SSL? Vuoi fare in modo che il tuo HTTPS sia perfettamente funzionante? Ti consiglio di usare ssllabs.com/ssltest.

Sucuri

Come si comporta il mio sito web? Ci sono problemi? Può avere noie in termini di malware, status error, blacklisting e altri grattacapi? Scoprilo con questo tool.

Pentest tools

Non tutti conoscono pentest-tools.com, una suite di strumenti che permette di individuare rischi e minacce di diverso tipo. A volte basta una semplice scansione per risolvere problemi che potrebbero mettere a repentaglio il tuo lavoro.

Web Inspector

Io credo che un controllo del sito web debba valutare per forza questi aspetti. Ecco perché l’affidabilità di Web Inspector, dal mio punto di vista, è un valore incontestabile: devi fare in modo che l’utente si senta a casa propria quando arriva.

Migliora il tuo sito web
Le foto influenzano molto l’upload. A tal proposito può farti comodo avere al tuo fianco due risorse che uso ogni giorno: una serie di tool per ridurre il peso delle foto online e i migliori plugin per comprimere le immagini di WordPress.

Usabilità e accessibilità del sito

Un sito deve essere bello, deve colpire il pubblico e avere un impatto visivo potente. Ma un controllo del sito web prevede un’attenzione in più nei confronti di tutto ciò che rientra nell’universo dell’usabilità e dell’accessibilità. Ecco i tool indispensabili:

Wave

Una certezza per il mio lavoro di controllo dei siti web. Con Wave puoi individuare in un attimo alt text mancanti, header non organizzati, anchor text senza significato.

Broken Link Checker

Sai qual è una delle grandi delusioni per un lettore? Trovarsi di fronte a un link rotto. Con il plugin WordPress Broken Link Checker puoi individuare tutti i collegamenti ipertestuali saltati. E puoi correggere il tutto in un attimo (o in poco tempo).

Mobile friendly test

Con Google vai sul sicuro. Mountain View punta da sempre su un lavoro di ottimizzazione del sito web in termini di smartphone. per questo mette a tua disposizione uno strumento come il mobile test che individua errori e problemi.

Hotjar

Inutile far trovare il tuo blog su Google, e posizionarlo in alto nella serp, se poi le persone arrivano e non sanno come raggiungere le risorse. A tal proposito ti consiglio un ulteriore tool per verificare il comportamento del pubblico.

Sto parlando di HotJar, uno strumento per creare heatmap e registrazioni dello schermo indispensabili per individuare incertezze, falle del web design, punti d’ombra che il lettore percepisce come ostacoli. In questo modo si migliora sul serio.

Analisi dei contenuti di un sito

Il punto più delicato di tutta la lista di tool. Perché il controllo e l’analisi dei contenuti resta un passaggio poco consono ai vari tool. Cosa possono verificare? La bontà di un testo riguarda la sua comprensione, non il conteggio delle parole. Io però voglio continuare in questa direzione: ecco i migliori tool secondo me.

Datayze

Datayze verifica la presenza di thin and poor content sul tuo dominio, uno dei passi decisivi per il Panda Update. E una delle prime motivazioni per perdere lettori.

Copyscape

Vuoi scoprire la presenza di contenuti duplicati online? Usa sempre Copyscape per individuare i copione e bastonare chi non rispetta il tuo lavoro editoriale sul blog.

Languagetool

Languagetool uno dei migliori tool per verificare la presenza di errori e parole duplicate in un testo perché basato sulla lingua italiana. Quindi capace di aiutarti.

Translated

L’unico test di leggibilità online di cui mi fido. La maggior parte dei tool offre soluzioni per la lingua inglese, con una struttura completamente diversa da quella italiana. Con il sito web di labs.translated.net, invece, puoi fare l’analisi in italiano.

Check my colours

Vuoi essere sicuro di cosa succede sul tuo sito web anche per quanto riguarda l’uso dei colori? Perfetto, allora devi usare questo tool di usabilità: checkmycolours.com.

Check my colours
Come si comportano i colori sul tuo sito web?

Ci sono tool indispensabili per il controllo del sito web. E un web writer come me non poteva dimenticare la scrittura dei testi, la creazione dei contenuti, in questo equilibrio. Il mio consiglio? Usa questi tool con parsimonia, ricorda che il primo strumento è sempre nella tua testa. Il cervello fa la differenza online.

Per approfondire: come aggiungere sitemap su Google

Come fare analisi di un sito web

L’analisi del sito web, nella sua interezza e con un commento dei vari elementi, è un lavoro da svolgere con un professionista del settore. Una persona capace di lavorare nella direzione SEO audit, un documento per riassumere azioni chiare.

Ma questo è un discorso molto più ampio. Ora occupiamoci del controllo generale del sito web. Come vedere se un sito web è affidabile? E come migliorare la velocità del caricamento delle pagine? Qui ci sono i miei tool e i consigli legati alla mia esperienza, aspetto idee e commenti da parte tua per il controllo del sito web.

2 COMMENTI

  1. Ciao Riccardo! I tuoi articoli con le risorse andrebbero raccolti come risorse di risorse!
    Ti suggerisco tra gli strumenti proprietari di Google questo:
    • https://testmysite.withgoogle.com/intl/en-gb che verifica in maniera più approfondita il sito invece che una url sola.

    Per una visione più tecnica degli errori di un sito ti suggerisco GTMetrix e pingdom
    • https://gtmetrix.com/
    • https://tools.pingdom.com/

    Infine, a proposito di colori…c’entra poco, ma hai mai pensato di affinare lo stile del tuo profilo Intagram sulla base dei colori? D’altra parte se hai un plugin sul blog in un certo senso partecipa ad esso:
    • http://colorkuler.com/ Con questo puoi indagare sulla tua palette di colori per trovare la tua coerenza sui colori!

    • Il tool di Google per il test mobile ci voleva, se non altro per completare la lista degli strumenti ufficiali. Buono anche il duo per misurare la velocità del sito web e il secondo non lo conoscevo 🙂

      Grazie!

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here