Shares

Meglio aprire un blog o un sito web? Questa è una delle domande tipiche che un imprenditore può tranquillamente rivolgere al proprio team. O magari a se stesso nel momento in cui deve decidere quale strategia di marketing attivare.

 Meglio aprire un blog o un sito web

Prima non c’era grande scelta, si puntava soprattutto sul sito web statico. Poi il blog ha iniziato a far sentire il suo peso. Oggi è una delle realtà ideali per fare inbound marketing, per impostare il tuo flusso di lead che arrivano sulle landing page.

La domanda si fa insistente, e si declina in modi diversi: meglio un blog o un sito web per il posizionamento SEO? Per trovare nuovi clienti online, invece? Voglio migliorare le prenotazioni, cosa conviene? Ecco un approfondimento.

Cos’è un blog: definizione

Prima di capire qual è la strada da seguire, e se realizzare un sito web o un blog, conviene lavorare su un punto essenziale. Vale a dire sulla definizione: cos’è un blog. Con questo termine si intende un tipo di progetto web capace di pubblicare, con cadenza stabilita dal blogger, nuovi contenuti. E di aprire queste pubblicazioni ai commenti del pubblico.

La caratteristica del blog: evoluzione del content marketing e interazione con le persone per raggiungere la fidelizzazione del pubblico. Infatti è solo con un blog che puoi raggiungere le persone con canali che vanno dal feed rss agli aggiornamenti social, fino alle applicazioni per notificare la pubblicazione.

Per creare un blog, di solito, si usa il CMS WordPress, combinazione ideale per ottenere un portale performante e capace di rispettare i principi del blogging. Grazie a temi e plugin puoi personalizzare il tuo blog per adeguarlo alle tue esigenze.

Da leggere: come creare un blog di successo

Definizione di sito web

Nei paragrafi precedenti ho dato una definizione di blog. Ora passiamo al sito web: di cosa si tratta? In realtà questo è un termine ombrello, un concetto che abbraccia più argomenti e tipologie di prodotto. Il blog è un tipo di sito web, lo stesso vale per l’e-commerce e per il forum. In questo caso però l’attenzione si ridimensiona intorno al concetto di sito web statico, il classico prodotto che non prevede aggiornamenti.

Ecco, questa è la caratteristica del sito web: viene pubblicato e non va avanti, non prosegue la sua attività. Le persone non trovano contenuti extra e non vengono generati articoli per aumentare posizionamento e coinvolgimento sui social.

Non c’è bisogno di calendario editoriale perché non ci sono pubblicazioni, con tutti i pro e i contro di questa condizione. Come creare un sito web? WordPress resta una soluzione ben nota anche se si intravedono altre soluzioni come Joomla, Magento, Drupal e Prestashop per portali più impegnativi o per e-commerce strutturati.

Fare blogging
Un libro dedicato a chi vuole trasformare la propria attività personale grazie al blogging. Lo consiglio a chi ha bisogno proprio di questo: dare valore alla scrittura online per trovare clienti di qualità. Puoi acquistare il libro su Amazon.

Differenza tra sito e blog WordPress

La differenza sostanziale tra sito e blog WordPress è sostanziale. Nel primo caso punti verso un posizionamento di poche pagine e un approccio istituzionale al web. Nel secondo puoi sfruttare l’attività editoriale di una rivista online che pubblica contenuti.

Cos’è l’inbound marketing? Un processo definito da un funnel simile a quello che vedi in basso e che porta il pubblico a raggiungere la tua landing page attraverso un lavoro che attira grazie ai contenuti. Se mancano quest’ultimi è difficile procedere.

inbound marketing funnel

Certo, non tutto si basa sul blog. L’inbound marketing può procedere senza diario online in qualche caso. Ma la pubblicazione di contenuti validi su un CMS WordPress è la combinazione vincente grazie a diversi fattori che ti elenco qui, nella lista:

  • Posizionamenti dei contenuti informazionali su Google.
  • Creazione di attività da condividere sui social.
  • Possibilità di fidelizzazione del pubblico nel tempo.
  • Attività di brand awareness grazie ad articoli di qualità.

Questi sono i grandi pregi di un blog. Per guadagnare online hai bisogno per forza di una soluzione simile? Dipende dal business, ma di certo un blog può creare maggiore attenzione intorno al tuo progetto. E attirare i potenziali clienti.

I difetti del blog: non è per tutti

Se i pregi sono speculari ai difetti (maggior visibilità contro una staticità totale), i difetti del blog emergono subito. In primo luogo hai di fronte una piattaforma che necessità di competenze: oggi è difficile curare un blog di successo senza cognizione.

Poi c’è bisogno di tempo. Se non hai la possibilità di dedicare spazio al tuo progetto editoriale rischi di ritrovarti con un blog senz’anima. Puoi velocizzare la scrittura sulla tastiera, certo, ma non pensare di poter gestire un diario online in poco tempo.

Da leggere: trovare lavoro con il blog

Meglio aprire un blog o un sito web?

Questa è la domanda: meglio aprire un blog o un sito web? Dipende da quello che ti serve, da cosa cerchi e da quanto puoi investire. Se puoi creare un piano editoriale e dei contenuti di qualità con stabilità puoi pensare di aprire un blog.

E quindi di sfruttare la pubblicazione degli articoli per ottenere i vantaggi sperati per posizionare i tuoi post nella serp e intercettare il pubblico per trovare nuovi clienti online. Se tutto questo non ti interessa, o ancora non hai la possibilità di creare una buona attività editoriale, il sito web statico è la chiave.

Senza dimenticare che con WordPress puoi decidere di aprire il tuo blog aziendale o personale anche in un secondo momento. Tu cosa hai deciso? Meglio aprire un blog o un sito web? Lascia la tua opinione nei commenti, come sempre.

Impara a fare blogging
Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

2 COMMENTI

  1. Aprire un sito vetrina non ha senso secondo me, molto meglio avere anche un blog. La comunicazione è importante e anche se pubblichi raramente, resta lo strumento di comunicazione “principe” per un’azienda

    • Il sito sito vetrina ha un beneficio nel momento in cui non hai possibilità di aggiornare con costanza i contenuti. Puoi fare tanto cn un blog aziendale ma non è a costo zero: se non hai la possibilità di fare buone cose con gli articoli è meglio non aprire un diario online. E puntare su un sito monopagina.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here