Shares

Questo è il tema che appare sempre nelle discussioni tra freelance: come fidelizzare il cliente? Vale a dire, come mantenere quel contatto che è così utile all’economia della tua impresa o della partita IVA? La risposta non è mai banale.

Perché è vero che certi clienti li devi perdere e non trovare, ma a volte capita il miracolo: incontri la persona giusta. Che paga in orario e ascolta i tuoi consigli. Investe e chiede confronto. Gioisce quando hai successo e comprende le difficoltà.

Come fidelizzare il cliente

La buona fidelizzazione della clientela è un’arte che si fonda su questi aspetto: concentrare le tue attenzioni su chi le merita. E non parlo solo di chi ti consente di guadagnare di più. La customer loyalty nei confronti di un brand deve essere alimentata nei soggetti che rispondono a un ventaglio ampio di caratteristiche.

E l’aspetto economico nel rapporto lavorativo di un libero professionista o un’azienda non è l’unico. Ecco, quindi, la mia esperienza personale su questo tema: come lavorare sulla fidelizzazione cliente. E perché devi investire su questo tema.

Perché fidelizzare: customer loyalty

La customer loyalty è un passaggio importante della tua strategia. Non devi solo individuare il modo per trovare clienti online, ma devi riuscire a mantenere alto il tasso di fedeltà. Perché questo è il significato di customer loyalty: il legame tra un utente e l’azienda. Per capire come fare devi entrare in questo meccanismo.

Convincere il cliente ad acquistare di nuovo il tuo bene o servizio può sembrare il punto d’arrivo. In realtà chi si occupa a tempo pieno di inbound marketing sa che il funnel non si chiude con la vendita. Ma prosegue con le attività che deliziano il singolo fino a farlo innamorare del brand. Migliorando la customer retention, l’abilità nel trattenere i clienti nel tempo.

Da leggere: come creare un portfolio efficace

Fai vedere che c’è un’attenzione in più

Hai un compito da svolgere con forza e sincerità. Hai fatto un buon lavoro, ma hai dato qualcosa in più? Un dettaglio, un’informazione che nessuno ti ha chiesto, una soluzione inattesa che può fare molto per chi ti ha ingaggiato: tutto può essere utile al cliente. Impara a dare qualcosa in più senza avere nulla in cambio.

Devi essere speciale per i tuoi clienti

Puoi essere speciale in modi diversi. Ad esempio puoi avere un customer care service speciale e puoi seguire il cliente in ogni passaggio. Oppure puoi ottenere dei risultati spettacolari monetizzando in un attimo. E con spese minime.

Magari il tuo lavoro di web copywriting ha una sensibilità diversa che nessuno può replicare, oppure la SEO audit è così tecnica da non temere confronti. Insomma, se vuoi fidelizzare il cliente devi essere speciale, indispensabile e insostituibile. Devi saper fare qualcosa di unico: non lo dico io ma Seth Godin.

La mucca viola. Farsi notare in un mondo tutto marrone
Un libro dedicato a chi vuole trasformare la propria attività personale in un brand. E a chi vuole fidelizzare il cliente con concetti potenti ed efficaci, validi in ogni occasione. Puoi acquistare il libro su Amazon.

Crea un dono unico per i tuoi clienti

Non si vive solo di risultati. Sono importanti, ma perché non prepari un regalo alle persone che vuoi portare nel tuo programma di fidelizzazione clienti? Ecco il mio consiglio: crea un ebook e regalalo senza chiedere nulla in cambio. Ma lasciando un concetto: questo è un bene esclusivo.

Così come deve essere inteso il to lavoro: qualcosa di unico. Ma farsi scegliere e fare fidelizzazione clienti sul prezzo più basso. Non sei un discount, lo sconto ogni tanto può andar bene ma non devi essere la scelta più economica.

La fidelizzazione cliente è nei risultati

Non c’è modo migliore per fidelizzare il cliente: devi mostrare i risultati ottenuti con il lavoro svolto. Sei un web writer e chi chiedono di scrivere articoli per il blog aziendale? Perfetto, vediamo quali sono i risultati che può ottenere online.

come fidelizzare clienti

Se l’obiettivo è quello di innescare il processo di inbound marketing e di intercettare il pubblico che ti cerca su Google devi monitorare i posizionamenti. Quell’articolo aumenta le visite del blog portando persone interessate al prodotto o servizio? Bene, questa è fidelizzazione clienti: metti i risultati in un report.

La reportistica a fine mese è un’arma micidiale per mantenere il cliente, per fidelizzarlo in modo naturale. Vale a dire facendo parlare i risultati. Questo vale per chi scrive online, per i copywriter, per i SEO e per le professioni del web.

Conquista il cliente fedele: educazione

Un ultimo tocco per lavorare sulla fidelizzazione cliente: impara a ringraziare. E a scusarti. Ma anche a lavorare su un concetto ampio di educazione che può abbracciare aspetti differenti. Qualche esempio concreto da mettere in pratica?

  • Accetta le offerte con piacere, rifiuta con grande educazione.
  • Rispondi sempre alle email con un semplice Ok o un grazie.
  • Ringrazia quando ti fanno i complimenti. E quando ti fanno delle critiche.
  • Cura la comunicazione email: scrivi ogni messaggio senza automatismi.
  • Rispondi al telefono quando non dovresti farlo.

Critiche sensate, questo è chiaro. Se il rapporto lavorativo deve diventare una sfida continua basata su una sorta di predominio delle idee è meglio mollare la presa. Ma sempre con educazione, anche la fine dei rapporti deve essere cortese. A tal proposito consiglio sempre di dare il giusto anticipo per trovare un sostituto.

Non fraintendere le mie parole. La cortesia e l’educazione sono valori importanti per fidelizzare il cliente. Ma non devi perdere di vista il tuo flusso di lavoro e il rispetto per la tua professione. Mai far prendere brutte abitudini a chi, poi, non sa neanche apprezzare i tuoi sforzi. E non fa altro che sfruttare il tuo valore.

Fidelizzazione della clientela sul tempo

Regala tempo ai tuoi clienti. Magari un’ora di formazione extra o un consiglio approfondito ma non fatturato. Questo non ti permetterà di guadagnare di più ma può essere un buon modo per fidelizzare i clienti.

Non devi essere vittima delle richieste, ma al tempo stesso non diventare rigido nelle tue posizioni. Ogni tanto puoi concedere un extra, di una piccola attenzione sul prezzo ma non solo. E a volte c’è qualcosa di più importante degli sconti.

Da leggere: come farsi pagare dai clienti

Come fidelizzare il cliente secondo te?

Il cliente fidelizzato è quello che completa il percorso di inbound marketing e si trasforma in evangelista, promoter, ambassador. Ti sceglie ancora e parla bene del tuo brand ad altri potenziali contatti. Perché il funnel non si chiude con la vendita.

Si esprime con la felicità delle persone. Sei d’accordo? Come hai sviluppato la fidelizzazione del cliente? Lascia le tue esperienze nei commenti. E se hai bisogno di consigli non esitare, io ho fatto delle scelte interessanti nella gestione dei contatti.

Impara a fare blogging
Ciao! Sono Riccardo Esposito e sono un webwriter freelance. Questo significa che scrivo dall'alba al tramonto: creo articoli per blog, testi per pagine web, landing page, headline e call to action.

4 COMMENTI

  1. Ottimo articolo come sempre Riccardo!
    Sono perfettamente d’accordo con te: mantenere i clienti nel tempo é importante, anche se non semplice. Secondo me tra le cose più importanti c’é comunque l’ascolto: far sentire al cliente che c’é qualcuno dall’altro lato che ascolta le sue esigenze e lo faccia sentire in qualche modo unico.Che ne pensi? Alla prossima!

    • Saper ascoltare i clienti è il primo passo per ottenere successo come freelance. Ma lo stesso vale anche per le agenzie, non sempre è sufficiente lavorare bene per fare il proprio dovere.

  2. Ciao Riccardo, condivido i tuoi suggerimenti. Per mantenere i contatti ho pensato a un programma di fidelizzazione clienti a punti tipico dei negozi. In pratica, gli acquirenti guadagnano punti a ogni acquisto e li trasformano in premi. Secondo te, potrebbe essere una buona idea far acquisire dei punti anche per incentivare e ampliare la sottoscrizione a una newsletter?

    • Potrebbe esser euna buona idea ma bisogna fare attenzione al trattamento dei dati. Oggi non si scherza, soprattutto con questi chiari di luna del GDPR…

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here