4 modi per catturare lo snippet in primo piano di Google con il copywriting

Quali sono le tecniche migliori per catturare i featured snippet su Google? Il risultato zero può dare grande visibilità ai tuoi contenuti ma per ottenerli a volte basta solo un buon copy.

I featured snippet sono risultati in evidenza che superano la prima posizione della serp. Sono noti come posizione zero e possono aumentare le visite del blog. Ecco perché è importante capire come avere snippet in primo piano di Google.

come avere snippet in primo piano
Come ottenere snippet in primo piano su Google.

Mountain View non dà informazioni precise su come ottenere i featured snippet. Al massimo li puoi disattivare ma non evidenziare attraverso procedure dirette.

Il processo è sempre automatizzato. Ma ci sono alcune tecniche di copywriting che possono aiutarti a capire come catturare i risultati zero per il tuo blog o sito.

Crea liste puntate nei tuoi articoli

Uno dei modi migliori per conquistare i featured snippet e catturare i risultati zero per i tuoi articoli: aggiungi elenchi puntati o numerati.

Google, infatti, prende in grande considerazione la possibilità di inserire snippet in primo piano basati su voci inserite in bullet list. Aspetto utile?

Lo snippet di Google è in grado di estrapolare le voci anche se non sono in forma di lista. Pur di facilitare il compito, se lo ritiene necessario, Google individua le voci utili alla risposta e le inserisce in primo piano. Vuoi agevolare questo processo?

lista puntata snippet
Come avere snippet in primo piano con le liste puntate.

Puoi usare la classica formattazione per creare liste puntate o, meglio ancora, usare un table of content per creare un menu di navigazione all’inizio del post composto dai vari H2 e H3. Che ovviamente devono rispondere all’intento di ricerca. Ovvero?

Come avere snippet in primo piano con lista puntata

Per riuscire a ottenere il risultato in evidenza devi individuare una query che, al sui interno, ha l’esigenza di una lista puntata. Se digito la domanda “quali sono i migliori libri per copywriter” è normale rispondere con una lista puntata, lo faresti anche a voce. Le soluzioni per avere questo risultato in termini HTML?

<ul>
  <li>Caffè</li>
  <li>Latte</li>
  <li>Acqua</li>
</ul>

Puoi gestire tranquillamente con il classico codice per le liste puntate. Oppure usi gli header per organizzare i paragrafi e installi un plugin per creare un menu interno.

Quindi questo è il tuo compito: pensare alle liste puntate come un qualcosa di utile per l’utente, in grado di rispondere a una domanda precisa. Senza forzare la mano.

Dai definizioni nette di un tema

Un altro featured snippet che ritroviamo nella serp è quello che estrae un blocco di testo e lo inserisce nel risultato zero. Come ottenere snippet in primo piano?

definizione risultato zero
Definizione diventa featured snippet.

Guarda l’esempio, puoi già avere un’informazione. In linea di massima, Google preferisce paragrafi di testo di circa 60 parole, divise in frasi brevi per gestire al meglio lo snippet. E in grado di usare un linguaggio adeguato al contesto della definizione.

Come avere snippet in primo piano con definizione

Ben inteso, anche in questo caso non c’è alcuna certezza di risultato, ma quando affronti un articolo che affronta un argomento, ad esempio la voce di una FAQ o il classico pillar article verticale su un tema, prova a dare subito una definizione.

La presenza del featured snippet legato alla definizione non è legata alla lunghezza dell’articolo ma al fatto che si riesca a dare una risposta semplice e immediata.

Tool che ti aiutano a trovare le domande del lettore

Per avere i risultati in evidenza di questo tipo, però, hai bisogno della materia prima, le domande. In questi casi puoi arricchire la keyword research con una serie di tool molto interessanti. Semrush ha, da tempo, introdotto le domande che hanno più seguito rispetto a una keyword ma in questi casi puoi usare Answer The Public.

Come usare Answer The Public.

Oppure sfrutti il box Le persone hanno cercato anche che appare a volte nella serp. E se vuoi forzare la mano per estrapolare le domande puoi usare l’estensione per browser Keyword Everywhere che per ogni query ti suggerisce correlate e domande.

Rispondi subito a una domanda

C’è un featured snippet simile alla definizione ma con una differenza concettuale molto importante: la domanda secca che esige una risposta altrettanto diretta.

come ottenere snippet in primo piano
Risposta diretta a domanda nella serp.

Come vedi il risultato zero è ridotto, non si tratta di un vero e proprio paragrafo. Puoi tentare anche tu di ottenere un risultato in evidenza del genere individuando una domanda diretta e lasciando una risposta. Che dovrebbe essere semplice, immediata.

Come avere snippet in primo piano con risposte

Usa poche parole, semplici, definitive. Meglio se su un singolo periodo. C’è da aggiungere un punto: conviene veramente? A volte no, perché proprio questo tipo di risultato in evidenza soddisfa ogni possibile curiosità. Chi cerca la risposta la trova.

Come avere snippet in primo piano con risposte
Le informazioni sono in chiaro.

E non clicca. Soprattutto quando Google estrapola in modo così evidente la risposta. Diventa del tutto superfluo vare un featured snippet così, almeno c’è questo rischio.

Crea una tabella con numeri e dati

Questo è un bel featured snippet. Si tratta di una collezione di numeri e dati che viene organizzata in forma di tabella per rispondere a domande prima di cliccare sul link dello snippet. Questa è la forma con al quale si presenta il risultato zero.

come avere snippet in primo piano
La tabella diventa featured snippet.

Come funziona questo risultato zero? Semplice e chiaro, Google estrapola numeri e organizzazione dei dati e riporta ciò che serve nel risultato in evidenza.

Aggiunge un link se ci sono altre voci estromesse, il collegamento porta alla pagina dell’articolo. In questi casi ho visto le pagine più spoglie e prive di testo posizionarsi in prima posizione: segno che è sempre più importante forma e sostanza.

Devi capire cosa vogliono le persone, ma soprattutto come organizzare i dati. Non basta scrivere tanto, devi farlo in modo da ottimizzare la fruizione.

Come ottenere snippet in primo piano con tabella

Nel momento in cui ci sono delle informazioni da organizzare in modo schematizzato, vale a dire su più colonne e righe, devi creare una table testuale. Non un grafico PNG.

Questo si può ottenere facilmente se usi WordPress Gutenberg perché puoi usare il blocco tabella che è facile da usare. In alternativa puoi sfruttare il codice HTML:

<table>
  <tr>
    <th>Nome</th>
    <th>Cognome</th>
    <th>Età</th>
  </tr>

Ci sono decine di plugin WordPress che ti permettono di creare tabelle sul blog senza perdere tempo con il codice. Se hai grande necessità di creare questi formati puoi sempre usare un www.tablesgenerator.com che consente di creare tabelle HTML.

Ora, secondo te, è facile replicare tutto questo? Se hai domande e curiosità lascia tutto nei commenti e affrontiamo insieme l’argomento dedicato ai risultati zero.

3 COMMENTI

  1. Articolo molto interessante e grazie per i consigli Riccardo. Ma una domanda che mi faccio è: si possono veramente influenzare gli snippet? E questi “risultati zero” non tolgono visite al sito?

    • Ciao Sara, grazie per la domanda. Il punto è che non puoi influenzarlo direttamente, ad esempio inserendo un Tag o una stringa di codice. Puoi tentare di ottimizzare il testo ben sapendo che Google farà sempre come crede che sia meglio per l’utente. C’è da valutare un punto: per alcune query è veramente necessario un featured snippet? E per altre già presidiate, è utile favorire il tuo post al posto di chi già svolge questo ruolo?

  2. Che dire… Sempre contenuti interessanti e ben descritti in dettaglio. Mi piace ciò che leggo dai tuoi articoli. Se l’avrei letto qualche anno fa, non avrei capito nulla a riguardo, e non avrei nemmeno saputo cosa rispondere… Per fortuna che il tempo guarisce tutte le ferite, e ce ne sono ancora di aperte che aspettando di essere chiuse (riguardo al copywriting). Una felice giornata! A proposito, prima che me ne dimentichi… Potresti, per favore (se non è lecito) creare un articolo in cui parli della funzione “Verbatim di Google”? Ho notato che molti dei miei contenuti si posizionano solo su Verbatim e non in ricerca! Un’idea ce l’avrei, dopo alcuni test, ma preferisco saperla da un esperto…

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here