Ogni blogger ha la sua ricetta per portare a termine il lavoro. Certo, c’è sempre quel fattore di incertezza che rischia di mettere in crisi le pubblicazione, ma alla fine la soluzione si trova.

Più o meno. A volte i blog muoiono, si fermano, chiudono le pubblicazioni.

Perché? Difficile racchiudere qui, in questa sede, tutti i motivi che possono portare alla chiusura di un blog. Ed è ancora più articolata la strada per risolvere i problemi del blogger freelance.

blogger

Ma ti posso assicurare che la maggior parte dei problemi si nascondono dietro a frasi ben precise. Frasi che racchiudono una forma mentale che deve essere (almeno dal mio punto di vista) scardinata.

Ho attirato la tua attenzione? Ora segna sul post-it queste frasi da non pronunciare MAI!

1. Non ho tempo

Non ho tempo per aggiornare il mio blog. Devo lavorare, ho i clienti che chiamano, devo mandare centinaia di preventivi. Lo ripeto: non ho tempo per aggiornare il mio blog. Punto.

Punto? E indovina cosa trova il tuo potenziale cliente quando cerca il tuo nome e cognome? Un morto vivente che si aggira per il web, e che ha pubblicato l’ultimo post sei mesi fa. Quando va bene.

No, mi dispiace. Non accetto questa scusa. Diminuisci le pubblicazioni. Non devi per forza pubblicare una volta al giorno – in realtà non esiste un intervallo preciso – ma ricorda che un blog non aggiornato è un cattivo biglietto da visita. E il pubblico dimentica velocemente i blogger poco produttivi.

Per approfondire: come e perché scrivere ogni giorno

2. Non so cosa scrivere

Quindi prendi due strade diverse, ma altrettanto dannose: pubblichi gli stessi contenuti dei tuoi concorrenti (ma con un ritardo di 3 mesi) oppure getti la spugna. E abbandoni le pubblicazioni.

Stai scherzando? Non sai cosa scrivere. Ma qual è il tuo lavoro? Raccontalo. Racconta quello che fai ogni giorno, racconta le tue esperienze, racconta le risposte che dai alle persone che stimi.

3. Ho paura di fallire

Ti capisco. Tutti hanno paura di fallire. Anche io ho paura di sbagliare, di non riuscire, di fare una figura misera con le persone più importanti. Ma ti confido un segreto (di Pulcinella): non tutti sbagliano.

lavoro blog
Lo so, hai paura di fallire – Fonte Flickr

E sai perché? Solo chi fa sbaglia. Non è un pensiero mio, non è un concetto partorito dalla mia mante, ma l’ho fatto mio. L’ho assimilato. Ho imparato ad ammettere i miei limiti, ma soprattutto ad affrontare le negatività con la giusta prospettiva: ogni errore è un’esperienza.

Aver paura è normale. Ma non lasciare che la paura limiti la tua vita. Non lasciare che la paura freni la tua attività online. Ecco qualche consiglio per superare il fallimento nel mondo del blogging.

4. Non voglio comunicare i mie segreti

Credi di essere circondato da spie industriali che aspettano con la bava alla bocca le tue fantastiche teorie? Forse hai qualche esperienza in più. E la vuoi mettere a disposizione dei tuoi clienti.

Però il successo del blog è collegato indissolubilmente alla pubblicazione di contenuti utili. Cioè di contenuti capaci di creare una differenza netta tra chi li legge e chi no. Ora la mia domanda è questa: quante speranze hai se continui a pubblicare fuffa vista e rivista?

5. Ho sempre fatto così

Questa è una brutta convinzione, difficile da snidare. Perché la tua mente oppone resistenza, tende a non accettare le informazioni che mettono in discussione il tuo percorso, le tue esperienze.

Per te è più comodo imparare e ripetere all’infinito, senza variazione. Senza la fatica di dover cambiare prospettiva, azioni, routine. Ma ho una brutta notizia per te: l’evoluzione è inevitabile. Quello che fai oggi probabilmente sarà inutile domani. Perché il mercato cambia, gli interessi cambiano.

E tu rischi di diventare una mummia.

Hai sempre fatto così? Non hai mai ottenuto miglioramenti sensibili. E forse hai perso qualcosa. Perché non prendi in mano la tua esistenza di blogger? Perché non accetti la realtà? Devi evolverti.

6. Nessuno mi legge

Non hai trovato la combinazione giusta: argomenti smunti, scrittura senza mordente, design vecchio. Il tuo blog non va. Ma non puoi mollare solo perché non riesci a superare questo problema.

Perché i problemi si risolvono con l’esperienza e la formazione. E i benefici della tua attività di blogging non li puoi rimpiazzare con Facebook. Non li puoi rimpiazzare con Google Plus o con Twitter.

Per approfondire: come aumentare subito le visite del blog

Queste sono le frasi legate alla mia esperienza personale, sono le frasi che cerco di frenare e di combattere. Le hai pronunciate anche tu? Hai superato questi blocchi? Racconta la tua esperienza.

Riccardo Esposito
Sono un web writer freelance. Mi occupo di scrittura online dal 2009, mi sono specializzato nella stesura di piani editoriali per blog aziendali. Ho scritto 3 libri dedicati al mondo del blogging e della scrittura online.

7 COMMENTI

  1. Credevo peggio! Non sono frasi che fan parte di me, queste! 😀
    I segreti, però, vanno svelati con parsimonia… e tenendo sempre un pizzico di mistero 😉

    Moz-

    • Altrimenti il giorno dopo non tornano 😀

      Beh, sì. Un po’ di attesa ci vuole altrimenti le persone si annoiano. Però la vita ci dà sempre nuovi spunti, e – almeno nel mio caso – non trovo mai un reale freno alla comunicazione dei segreti. Con parsimonia, ecco.

  2. Sono molto interessanti queste frasi… Sfortunatamente nessuna di queste fa parte del mio repertorio…
    Sono dell’idea che se non svelo io i segreti, lo farà sicuramente qualcuno al posto mio… Quindi tanto vale portarsi avanti e anticipare il prossimo, ci guadagni lo stesso se sai come fare…

    • Mi sembra un punto di vista interessante. Anche perché il timing è importante: il primo ad arrivare ha sempre un vantaggio.

  3. Ciao Riccardo,
    adoro la scrittura da sempre, ma solo ora sto pensando di “provarci” veramente, quindi mi sto documentando su blogging, web writing and so on.
    Mi trovo però di fronte a uno scoglio, che mi appare enorme, cioè decidere “cosa scrivere”: mi sento come quando, al liceo, dovevo riempire il foglio, paurosamente bianco, del terribile tema “a piacere”.
    Ho provato a pensare ad argomenti legati al mio lavoro, ma temo di affossarmi in tematiche di poco interesse per la maggior parte dei lettori.
    Non vorrei gettare la spugna senza nemmeno averci provato, ma al momento sono letteralmente bloccato, e purtroppo non esistono né flebo di creatività, né inoculazione di contenuti…
    Cosa mi consiglieresti, in base alle tue esperienze?

    • Ciao,

      Io di solito rispondo con questo link https://www.mysocialweb.it/2014/02/12/argomento-blog/ Si tratta di una guida per aiutare a scegliere l’argomento del blog. Fammi sapere se ti è stata utile, e se vuoi approfondire in qualche modo.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here