Quanto guadagna la Ferragni?

Di Riccardo Esposito | Pubblicato il

Ecco quanto guadagna Chiara Ferragni a post: 82.100 dollari per foto. Questo è il costo medio, secondo la lista degli influencer più pagati del mondo, di un contenuto promozionale su Instagram. Ma il resto del patrimonio?


Esatto, quanto guadagna Chiara Ferragni, blogger e imprenditrice di successo nel campo della moda compagna di Fedez? Una somma assurda: più di 80 mila dollari a post su Instagram secondo la classifica delle persone più ricche su Instagram di hopperhq.com. Queste sono le liste aggiornate a oggi, le ultime disponibili.

Quanto guadagna la Ferragni?

D’altro canto è normale se consideriamo che stiamo parlando di un influencer con oltre 26 milioni di follower e una base di seguaci dal valore di 10 milioni di dollari e più. Ma ci sono altri aspetti da considerare per valutare quanto guadagna Chiara Ferragni.

Chi è Chiara Ferragni, la fashion blogger

Chiara Ferragni nasce nel 1987 a Cremona. Ha studiato legge a Milano, presso la rinomata università Bocconi. Nell’ottobre 2009 ha aperto il suo blog dedicato alla moda e ha raggiunto in poco tempo risultati degni di nota: dopo tre anni registrava 120.000 visite al giorno per 850.000 visitatori unici al mese (ecco come aumentare le visite del blog).

Da leggere: come guadagnare online

Quanto guadagna la Ferragni, il patrimonio

Chiara è una fashion blogger: è una musa per tutte le ragazzine che vogliono vivere come Paris Hilton senza muovere un dito. O meglio, vogliono guadagnare scrivendo recensioni di vestiti e scarpe. E vivere come lei, come una moderna rock star. Che però ha:

  • Tbs Crew, il blog e il marchio The Blond Salad.
  • Sisterhood, società di consulenza marketing.
  • Fenice, Chiara Ferragni Collection.

Poi ci sono le collaborazioni con Tod’s e con Pigna. Non è facile stabilire il patrimonio della Ferragni. Anche perché è un’imprenditrice trasversale che investe in diversi settori. Confermando un punto: con il blog non si guadagna direttamente ma indirettamente. Lavorando sul concetto di inbound marketing per monetizzare l’immagine.

Poi la curiosità si fa largo: quanto guadagna Chiara Ferragni? La regina dell’influencer marketing e fashion blogger ha guadagnato 46,3 milioni di euro nel 2021 divisi così: 26 milioni di ricavi da Fenice, 6,8 milioni di Tbs Crew e 13,5 milioni di Sisterhood (fonte).

Ora sai quanto guadagna la Ferragni a foto e qual è il suo patrimonio. Ma questo vale anche per Fedez? Secondo la classifica, Federico Maria si ferma a 43.000 dollari a post. Per approfondire ecco quanto guadagna un influencer su Instagram.

Il segreto del successo di Chiara Ferragni

Ormai Chiara Ferragni è un fenomeno. E ha la mia stima perché si è fatta largo in un mondo estremamente concorrenziale. Già ho raccontato le mie vicende con le fashion blogger che elemosinano prodotti in cambio di (penose) recensioni

Qui siamo su un territorio diverso? In ogni caso lei ce l’ha fatta. Cosa significa essere influencer? Nella sua biografia, secondo me, c’è il segreto del suo successo:

She inherited from her mother the passion for fashion and photography and already when she was a teenager she became popular on the first online communities, where she shared photos she was taking with her friends. In 2009, when blogs were not yet the today phenomenon, she launched TheBlondeSalad.com, to express herself and relate to 360°.

Chiara Ferragni

Il primo punto è la passione. Questo è il passaggio essenziale. Come tutti i blogger di successo, alla base del lavoro di Chiara una passione antica che la porta a diventare esperta e competente in qualcosa che si lega all’argomento moda: la fotografia.

Da leggere: come guadagnare con un blog

L’importanza del nome (brand) e del timing

Inizia con un account Flickr e apre solo in seguito il blog. Certo, non è l’unica ad aver fotografato pizzi e merletti ma questo è solo un ingrediente. Il secondo è l’esperienza sul campo, sul web, che ha permesso a Chiara Ferragni di guadagnarsi un nome autorevole.

quanti soldi ha chiara ferragni
Il vero patrimonio di Chiara Ferragni: l’immagine.

Si è guadagnata notorietà nelle community dedicate alle foto e alla moda. Quindi, prima prima fidelizzi il lettore e poi apri un blog. Chiara Ferragni era già famosa, e quando è nato TheBlondeSalad.com il pubblico era già al suo cospetto. Pronto per diventare tribù.

Poi attenzione a questo passaggio: “when blogs were not yet the today phenomenon”. Signori e signore, lei ha aperto le danze: è stata la prima a parlare di moda su un blog?

Ma è stata una delle prime a farlo in modo da attirare l’attenzione del pubblico. Le persone avevano bisogno di un blog dedicato alla moda. È la regola del First Mover Advantage che di certo ha influenzato lo stipendio di Chiara Ferragni e agli investimenti:

First-mover advantage, or FMA, is the advantage gained by the initial (“first-moving”) significant occupant of a market segment (…) Sometimes, first-movers are rewarded with huge profit margins and a monopoly-like status.

Una reazione giustificabile. Sei la prima ad aprire un fashion blog degno di questo nome e il vantaggio è assicurato. Certo, non è matematico: ci deve essere dell’altro. Ma anche questo è un ingrediente per capire quanto guadagna la Ferragni a foto.

Da leggere: quanto si guadagna per un articolo di giornale

Secondo te il successo è replicabile?

Il segreto di Chiara Ferragni è questo (secondo me): ha coltivato una passione per anni, ha guadagnando autorevolezza nelle community dedicate a un argomento ben preciso, ha aperto un blog quando nessuno lo faceva. In altre parole è stata pioniere, ha creato.

Questo non è sufficiente per giustificare il fatto che la sua attività ora vanta un patrimonio di diversi milioni di euro. A volte ci vuole anche un pizzico di fortuna, non credi?

Riccardo Esposito

Sono un web writer freelance. Mi occupo di scrittura online dal 2009, mi sono specializzato nella stesura di piani editoriali per blog aziendali. Ho scritto 3 libri dedicati al mondo del blogging e della scrittura online.

Categoria: Lavoro online

8 commenti su “Quanto guadagna la Ferragni?”

  1. Resto un po’ basita da questa analisi così “superficiale” del fenomeno Ferragni. Ti seguo da tempo (anche se più spesso in silenzio) e proprio perché so che ti documenti e ti reputo autorevole non mi aspetto che vengano tralasciati degli aspetti in realtà molto importanti.

    Premetto che non sono né un’estimatrice né una detrattrice di Chiara, semplicemente la guardo da lontano cercando di capirne anche io i meccanismi. C’è da dire che sicuramente, come dice Beatrice qui sopra, il suo aspetto l’ha agevolata molto e chi la segue bene sa che di Chiara girano anche diverse foto nuda di lei adolescente che le aveva creato un buon seguito su varie piattaforme un po’ discutibili (sia le piattaforme che il seguito). Lei più che parlare di moda ha lanciato il primo outfit blog italiano. Ha sfruttato inizialmente l’effetto “grande fratello” che è quello che la gente ama, cioè spiare la vita di un’altra persona, meglio se questa fa cose fighissime.

    Non dimentichiamo però che da subito la Ferragni ha avuto un ragazzo che ha gestito tutto, che ha visto molto lungo e che secondo me è il vero motore “di testa” di TBS: Riccardo Pozzoli, il suo (ex)fidanzato. Cioè, questa ragazza non era di certo sola. Non che da sola non avrebbe avuto seguito ma sicuramente il saper vendere il prodotto alle aziende, il mettere da subito Chiara nel mercato “medio-alto” anche se all’inizio sinceramente non lo meritava affatto, non è stato certo merito di Chiara. E anche oggi Riccardo gestisce tutto di TBS e ha un’agenzia di comunicazione che si occupa di marketing per un sacco di aziende nel mondo moda e lusso. Inoltre è possibile anche per i blogger stessi, pagando ovviamente, essere seguiti dall’agenzia di Riccardo (che ora non ricordo come si chiama).

    Credo anche, sinceramente, che oggi Chiara sia più semplicemente una modella, la faccia di TBS ma non la testa, o meglio, non più del 20%. TBS non è un blog, Chiara Ferragni non è una blogger, è un prodotto, un media, ma non è blogging.

    I numeri saranno sicuramente gonfiati dai media per fare notizia ma sono sicura la ragazza e tutta la sua crew guadagnino abbastanza bene, soprattutto se nel guadagno inseriamo anche tutti i viaggi pagati, i prodotti che le omaggiano e tantissimi altri servizi.

    Ora possiamo ridiscutere il fenomeno Ferragni sulla base del “non è una blogger ma un brand vero e proprio”.

    1. Riccardo Esposito

      Ciao Giuliana,

      Ottimo intervento. Hai aggiunto delle informazioni importanti. Sicuramente lei è riuscita a toccare un punto importante nel percorso di un blogger: lei è diventata ispirazione. Lei è diventata un’icona, un punto di riferimento.

      Poi, non è una blogger ma è un media. Tutti i blog sono dei media. Dei social media. Solo che in alcuni casi diventano verticali: la comunicazione avviene sempre nella stessa direzione.

  2. Giuliana Piazzese Image Consulting

    Ti ringrazio Riccardo 🙂 io continuo a sostenere però che TBS sia un marchio e non un media e che Chiara non abbia fatto nulla per diventare una ispirazione ma sia stata ripulita e “ben manovrata” da chi si è occupato di tutto. È come se ad un certo punto, dopo foto zarre, comportamenti da bimba cresciuta e fare da blogger media uno gli avesse detto “ok, adesso ci penso io a fare soldini, tu però ti limiti ad indossare e fare la testimonial”. Sicuramente ha una sua credibilità ed è di ispirazione ma non è Chiara quanto tutto ciò che è stato costruito. Al contrario riconosco tutte queste qualità a Clio (menzionata nel primo commento). Lei è la testa, il motore e l’ispirazione di tutto. Lei è un modello dal quale ispirarsi, The blonde salad è un case study da analizzare, soprattutto per chi fa marketing.

    Ovviamente questo è il mio pensiero.

    1. Riccardo Esposito

      Ok, quindi è una situazione gestita dall’alto. Vorrei aggiornare l’articolo: hai qualche riferimento ufficiale dal quale attingere (articolo di quotidiano, conferma ufficiale…)?

  3. Credo che le chiacchiere siano sempre più facili dei fatti…( sensazionale scoperta)!! Si parla sempre o per invidia o per ammirazione , ma sempre poco per conoscenza dei fatti! Dietro ad ogni successo di qualsiasi natura credo ci sia innanzi tutto l impegno , la costanza e la voglia di raggiungerlo sempre accostato a conoscenze su ciò che si sta facendo altrimenti il buco nell ‘acqua è la triste conseguenza !

  4. molto interessante,Chiara è un fenomeno ha mostrato che si può guadagnare sui vestiti ma bisogna avere anche la testa sulle spalle e qui anche la conoscenza della legge penso che sia stata importante.Insomma,la ragazza brava ed intelligente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.