Come migliorare le visite del blog (anche d’estate)

Possibile aumentare le visite del blog nei mesi estivi? Dipende dai punti di partenza e dalle strategie utilizzate. Ecco una serie di consigli per ottenere ciò che ti serve dal tuo blog.

Il calo delle visite durante i mesi estivi è fisiologico. Le persone vanno a mare o in montagna, si godono le ferie (soprattutto ad agosto) e perdono di vista le sane abitudini. Quindi, come aumentare le visite del blog d’estate?

aumentare le visite del blog d'estate
Migliorare il tuo blog in ogni circostanza.

Vuoi mettere da parte il feed rss dei blog che segui. Anche dei migliori. Perché vuoi staccare, dimenticare la routine quotidiana. Ma, come ha detto un caro amico pochi giorni fa, Google non va in vacanza. E risponde sempre alle domande degli utenti.

Domande che cambiano col tempo. A volte seguono un flusso preciso, quasi banale, e sfruttano la penetrazione del mobile. Non devi essere per forza in ufficio per cercare e leggere un contenuto. Lo puoi fare anche sotto all’ombrellone

Basta avere il Wi-Fi dello stabilimento. Il tuo compito per aumentare le visite del blog è semplice: devi intercettare la domanda. Sembra difficile. Eppure basta seguire poche regole per ottenere buoni risultati. Anche quando tutti vanno in vacanza.

Raccogliere informazioni per iniziare

Il primo passo per aumentare le visite del blog: devi conoscere il tuo pubblico. Devi lavorare con gruppi, community, commenti dei blog legati al tuo argomento e forum per individuare le esigenze dei lettori. O meglio, dei potenziali lettori da intercettare con i tuoi contenuti confezionati per i mesi estivi.

In questi casi può essere utile sfruttare le funzioni interne delle piattaforme per individuare le discussioni nate nei mesi estivi: puoi cercare le domande di un forum postate a luglio o ad agosto e avere un’idea delle esigenze del pubblico.

come aumentare le visite del blog d’estate

Hootsuite può aiutarti a osservare le discussioni su Twitter. Crea delle liste, inseriscile nella dashboard e inizia a monitorare i tweet delle persone legate al tuo argomento. Attraverso questi passaggi puoi ottenere informazioni qualitative.

Ma devi completare il quadro con i dati. Raccogliere informazioni legate al lettore è importante per un blogger che vuole raggiungere risultati. Se vuoi scrivere per il piacere di esprimere i tuoi pensieri sei libero di farlo, ma se vuoi fare centro devi conoscere il tuo target. E per fare questo hai bisogno anche dei dati quantitativi.

Per approfondire: come aumentare le visite del sito

Usa i tool di Google per scrivere

Da un lato hai le conversazioni online. Dall’altro hai i dati delle ricerche che gli utenti. Le query rappresentano la semplificazione di un desiderio complesso.

Le persone sintetizzano esigenze, problemi, necessità, sogni. Google ti aiuta a scrivere meglio, e ti lascia una serie di tool per individuare gli argomenti del blog.

In questi casi puoi iniziare con Google Trend, uno strumento che ti permette di individuare gli argomenti più cercati sul motore di ricerca in base a parametri geografici e temporali. Puoi sapere cosa si cerca in una regione, e come si comporta il pubblico nei confronti di una query a luglio. O ad agosto.

aumentare le visite del blog d'estate
Aumentare le visite del blog d’estate.

Cattura la tua attenzione. Dopo aver individuato i topic grazie a un’analisi delle discussioni, puoi ottenere dati grazie a Trends e capire se l’argomento è cercato su Google durante i mesi estivi. Ecco una ricerca legata alla query casa vacanze.

Trova le visite migliori per il blog

Ora un ultimo passaggio: raffinare il tutto con Google Keyword Planner, Semrush o Ubersuggest per capire qual è il potenziale volume di ricerca nei singoli mesi. In questo modo puoi gestire con maggior precisione la creazione dei contenuti. Contenuti che devono essere pianificati, creati e pubblicati con un buon anticipo.

come aumentare le visite del blog d'estate
Come aumentare le visite del blog d’estate.

Puoi pianificare anche un’eventuale campagna social per diffondere questo contenuto, o magari un’attività di digital PR per diffonderlo nel miglior modo possibile l’articolo o la pagina web. E magari ottenere dei link in ingresso, sempre decisivi per la SEO.

Da leggere:pubblicare un post su Google My Business

Come aumentare le visite d’estate

Per aumentare le visite del blog nei mesi estivi devi analizzare le discussioni del tuo target, capire quali sono i topic più ricercati, fare un’analisi delle keyword più convenienti e creare dei contenuti che tengano conto delle intenzioni del lettore.

Devi, cioè, creare il miglior contenuto possibile per soddisfare le esigenze del pubblico e non seguire la parola chiave. Tutto si riassume nell’intento di ricerca.

Questo è il mio modo di scrivere per il web, questa è la mia strategia per aumentare le visite del blog d’estate. Aspetto la tua opinione nei commenti.

10 COMMENTI

  1. Quanto in anticipo devo pubblicare gli articoli? 2 mesi? 3? Gli articoli devono posizionarsi e ci vuole tempo giusto?
    Questa strategia quindi può essere anche applicata anche in campo benessere con le varie problematiche stagionali anche se la concorrenza è davvero spietata.

    • Ciao Alessandro,

      Certo, puoi utilizzare questa tecnica in qualsiasi ambito. Basta utilizzare le ricerche con attenzione. Tempi utili per posizionare i contenuti? Domanda difficile, ci vuole un’analisi di un esperto SEO per ipotizzare tempi e numero dei contenuti. Molto dipende anche dalla concorrenza che hai di fronte.

      • Tempi di sviluppo dei contenuti secondo te? Tre mesi? Quali parametri osserveresti per valutare il tempo necessario allo sviluppo dei contenuti?

  2. Naturalmente, visto che oggi ho pubblicato un post simile al tuo, concordo con quello che hai scritto.

    Ormai poi con la diffusione di smartphone e tablet non è detto che ci sia un calo delle visite, perché le persone potrebbero visionare il tuo blog anche in riva al mare.

  3. Il calo estivo è fisiologico, a mio avviso soprattutto per i sito di natura apertamente commerciale e questo mi sembra un po’ un dato di fatto, su cui credo ci sia poco da fare: eppure per affinare certe cose, effettuare ottimizzazioni interne/esterne, analizzare con calma la Search Console ed i dati di Analytics il periodo migliore è proprio questo.

    E sembrerebbe proprio così visto che sei mediamente più libero, le consegne incombono meno del solito e puoi prenderti più tempo ora per trovarti qualcosa di pronto a settembre.

    E d’estate si spamma di meno, vuoi mettere la comodità 😀

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here