Come trovare la nicchia di mercato per il tuo blog

Il tuo obiettivo è semplice: individuare il target necessario al lavoro di promozione online. Devi trovare una nicchia e lo devi fare subito. In che modo? Ecco qualche consiglio semplice e intuitivo.

Il blogger deve entrare nelle comunità, cogliere preoccupazioni e problemi concreti, scovare soluzioni. E deve capire come trovare la nicchia di mercato giusta.

Come trovare la nicchia di mercato
La tua nicchia è preziosa.

Devi risolvere il problema del tuo target. Perché questo è lo scopo di un contenuto di qualità. Ma soprattutto devi scoprire quell’angolo di pubblico non è soddisfatto.

Perché in questo modo conquisterai un posto nel feed reader (e nel cuore) dei lettori. Ma soprattutto userai il blog per guadagnare online. Una bella fortuna!

Cos’è una nicchia, quali vantaggi ha

Prima di scoprire come trovare una nicchia di mercato profittevole e redditizia per il blog è giusto dare una definizione chiara e precisa di questo termine.

Che, oltre a essere sinonimo della classica edicola votiva dei santi nelle strade di paese, rappresenta un settore di mercato molto piccolo. Ma che racchiude un insieme di persone interessate al prodotto o servizio.

Spesso la nicchia diventa una community di fan, persone appassionate e dedicate a un argomento. A punto da diventare vantaggioso abbandonare la grande distribuzione per puntare solo sulla nicchia.

Nella nicchia c’è spazio per fare business

Esatto. Qui c’è poca concorrenza, anche quando vuoi lavorare sul posizionamento Google. Inoltre puoi puntare su un rapporto diverso con il pubblico, meno generalista. D’altro canto la nicchia ha un problema evidente: si esaurisce se è troppo verticale.

Puntare su un blog di nicchia può essere una buona idea per intercettare un segmento ancora poco congestionato, ma quanto durerà l’attività di scrittura? Trovare nuovi argomenti per il blog diventa difficile in un progetto verticale.

Per approfondire: come fare inbound marketing

Pro e contro nelle nicchie redditizie

Queste realtà consentono di ottenere, in proporzione, margini di guadagno elevati con poca (o nulla) concorrenza da affrontare. Ecco una sintesi dei punti più importanti.

VantaggiSvantaggi
Bassa concorrenzaDifficile da trovare
Buoni guadagniTroppo satura
Facile da gestireIper-verticalità

Come trovare la nicchia di mercato

Questo è il punto: devi trovare nicchie redditizie per il blog. Vale a dire individuare un settore in cui c’è poca concorrenza e una buona percentuali di guadagni.

Come trovare la nicchia di mercato
Uno schema per scegliere settori redditizi.

Difficile trovare un segmento senza concorrenza, il famoso oceano blu senza competitor diventa sempre più piccolo. Però è possibile fare qualcosa. Soprattutto se puoi usare uno dei tanti SEO tool per ottenere dati sulle keyword. Ad esempio?

Volume di ricerca

Questa sezione dell’audience, per essere tale, deve rispettare alcune caratteristiche. In primo luogo deve essere poco voluminosa, una sezione di un tema più ampio.

Il volume di ricerca medio mensile è più basso rispetto al tema base. Ma non del tutto ignorato. Nel senso che deve esserci un minimo di interesse da parte del pubblico.

Ed ecco che appare il primo filtro da mettere in campo quando fai una ricerca keyword è quello del volume di ricerca. Non andare verso la fat head ma punta sulla long tail keyword che abbia una prospettiva di crescita, non troppo verticale.

CPC, investimenti

Il secondo valore da considerare: quanto investono le persone su quella query. La keyword in questione può essere anche interessante dal punto di vista dei volumi.

come trovare la propria nicchia
Caratteristiche della nicchia redditizia.

La ricerca deve esserci, ma se nessuno paga per esserci nella serp vuol dire che forse non è così interessante. Quindi, il CPC diventa un parametro imprescindibile quando ti chiedi come trovare la nicchia di mercato redditizia per il tuo blog.

Concorrenza nella serp

I vari strumenti per fare ricerca keyword offrono parametri differenti, ma quasi tutti danno un indice sintetico per valutare la concorrenza di una keyword nella serp.

In più forniscono il numero dei risultati sul motore di ricerca. Una nicchia di mercato emergente ha ancora una concorrenza bassa ma già si intravedono gli investimenti.

Caratteristica delle nicchie redditizie

Come trovare la nicchia di mercato? Attraverso i vari SEO tool devi fare delle ricerche, partendo da topic che ti interessano o dai posizionamenti dei competitor. E trovare delle query che abbiano una buona prospettiva di crescita. Ma anche:

  • Un CPC interessante.
  • Volume di ricerca basso ma esistente.
  • Pochi risultati in serp.
  • Concorrenza bassa.

Ecco il ritratto della fortuna e del guadagno online. Ovviamente è difficile trovare qualche risultato puro al 100%: sarebbe come incrociare un diamante a terra.

come deve essere una nicchia
Come trovare la nicchia di mercato.

Però non è impossibile. In questo caso basta aggiungere un aggettivo per cambiare completamente lo scenario: si passa dal servizio generico a quello specifico. La concorrenza diminuisce e aumenta la percentuale di guadagno. Le combinazioni:

  • Alto volume e CPC: qui si concentra gran parte dei competitor.
  • Alto volume, CPC basso: vanity keyword che non portano business.
  • Basso volume e CPC: nicchie nelle quali non investire.
  • Basso volume, CPC alto: nicchia redditizia, dove c’è profitto.

Questo ragionamento può essere fatto anche da altri competitor, per questo può essere d’aiuto la capacità di un SEO tool avanzato come Semrush di calcolare la keyword difficulty, vale a dire il livello di complessità per azioni di posizionamento.

l'analisi di semrush
Scopri le keyword con meno competitività.

Grazie a quest’ultimo dato è possibile trovare nicchie redditizie dove, però, c’è una concorrenza meno agguerrita. Ed è possibile posizionarsi più facilmente sui motori di ricerca.

Scoprire il problema della tua nicchia

In un mondo complicato come quello in cui viviamo c’è sempre bisogno di tre categorie di persone: quelle che ti permettono di ottenere di più, quelle che ti fanno spendere meno e quelle che risolvono problemi. Ma devi studiare e indagare.

Monitora il web e le nicchie profittevoli

Per capire quali sono i problemi da risolvere per la tua nicchia devi monitorare le maglie del web, un web fatto di blog, siti, forum e social. Devi seguire le discussioni, e lo devi fare seguendo le parole chiave. Quali sono i tool per seguire le

  • Mention – Manda email a intervalli regolari (a te la scelta) in cui raggruppa tutte le pagine web che hanno pubblicato una keyword indicata in un primo momento.
  • Hootsuite – Basta aggiungere una colonna per creare un flusso di tweet con le parole chiave utili al tuo progetto. Un must, ma puoi usare anche Tweetdeck.
  • Talkwalker – Uno strumento per trovare i lettori interessati alla tua attività, al tuo argomento. Usa questo social media tool con cura per individuare le conversazioni.
  • Semrush – Un vero SEO tool completo. Crea report personalizzati con tutti gli aggiornamenti necessari per capire come trovare la nicchia di mercato.

Poi devi aggiungere le classiche ricerche, magari utilizzando gli operatori per ottenere risultati precisi nel caso di Twitter e Google. Un consiglio: indaga altri motori di ricerca – Compresi quelli di YouTube e Amazon – con il SEO tool Keyword.io.

Archivia le tue conoscenze per la nicchia

Hai scoperto un forum dove gli utenti si scambiano opinioni? C’è un blog ricco di commenti? Hai trovato le keyword che ritornano nei discorsi della nicchia?

Il tuo compito: archiviare. Nel caso di Twitter la ricerca può essere salvata con un semplice click. Hootsuite ti permette di avere sotto controllo gli aggiornamenti.

Per monitorare i blog ti consiglio di usare i Feed Rss e Feedly. Facciamo un esempio: trovi un blog dedicato alla cucina messicana, clicchi sull’icona del Feed Rss e ti iscrivi. Qui crei una cartella dedicata alla cucina messicana e che ospiterà il blog scoperto.

Gli strumenti per conservare il lavoro

La parola d’ordine è segmentare, anche quando usi Evernote per memorizzare tutto ciò che incontri sul web. Evernote è fondamentale per mettere in pratica un buon lavoro di archiviazione creando taccuini dedicati a ogni singolo argomento.

nicchia redditizia
Usa Evernote per trovare la nicchia di mercato.

Per i forum puoi usare i Feed Rss o le iscrizioni via email, mentre su Google Drive c’è tutto lo spazio necessario per archiviare le parole chiave. La soluzione ideale: crea un foglio di calcolo nel quale ordinare le keyword più interessanti per il tuo lavoro.

Studia ciò che serve alla nicchia di mercato

Hai capito quali sono i problemi del target, hai raggiunto l’obiettivo. Ora devi diventare un esperto e acquisire le informazioni necessarie per risolverli. Non puoi presentarti come esperto di un settore senza una conoscenza dell’argomento.

Una conoscenza che deve superare la semplice domanda e prevedere gli sviluppi. Magari gli interventi che potrebbero sorgere da una prima risposta. In poche parole devi studiare: leggi gli articoli, segui i forum e i blog che stai monitorando.

E soprattutto partecipa alle discussioni, fai domande agli utenti per capire cosa si aspettano da una possibile soluzione, per cogliere tutti i dettagli del dubbio.

Scoprire nicchie di mercato in crescita

Questo è uno dei punti fondamentali per molti blogger e SEO: come posso migliorare il mio calendario editoriale inserendo topic sì ristretti e specifici ma che possono esplodere all’improvviso? Il primo tool lo conosci bene: è Google Trends.

google trends
Un esempio di ricerca su Google Trends.

Il vantaggio di questo strumento per individuare argomenti che puoi monetizzare nel futuro: sfrutta i dati di Mountain View e dà anche possibili anticipazioni sulle ricerche effettuate dal pubblico. In alternativa puoi usare explodingtopics.com.

È ottimo perché che ti dà una mano per trovare possibili trend in crescita che si presentano ancora come nicchie con pochi competitor e minore concorrenza. Così puoi aumentare le visite del blog giocando in anticipo sui competitor.

Risolvere il problema del destinatario

Passiamo alla fase operativa. Hai individuato e archiviato le informazioni, hai studiato quello che c’era da studiare, sei pronto per fare chiarezza sui dubbi. Ecco qualche consiglio per risolvere i problemi delle nicchie di mercato profittevoli.

Fatti capire dalla tua nicchia di mercato

A volte sei concentrato nell’indicare la strada da percorrere che metti in secondo piano la scrittura. Le mani si muovono frenetiche sulla tastiera, mosse dal desiderio di fare chiarezza e risolvere il problema, ma nessuno capirà la tua soluzione.

Ti concentri sui contenuti (validissimi) ma ignori la forma. Usi periodi lunghi e contorti, preferisci termini astrusi, lontani dalla platea. E non formatti il testo.

Lavori su un piano diverso da quello occupato dal target. Stai dando la soluzione al problema, ma devi essere in grado di comunicarla. Migliorando il contenuto anche nella forma. Questo avviene curando la leggibilità del testo ma non solo.

Usa immagini e video

Un articolo-guida deve curare i dettagli, e lo deve fare anche sul piano visuale. Usa le immagini per aiutare le persone a capire la tua soluzione, usa i video per rendere il tutto più omogeneo. Fa’ in modo che ci siano tante informazioni dirette verso un’unica direzione: la chiarezza per il tuo pubblico. E per la tua nicchia redditizia.

Lavora sulla seconda ricerca

Devi ottimizzare il tuo articolo. Answer The Public e Ubersuggest ti aiuteranno: basta digitare le keyword giuste per capire se l’argomento funziona. E può crescere.

Come trovare la tua nicchia di mercato.

Poi una buona ricerca su Google ti aiuta a capire se un tema è stato già trattato. Ricorda questo: studiare la serp è fondamentale per trovare micro-argomenti.

Nella maggior parte dei casi è inutile affrontare temi già trattati da decine di blogger: meglio individuare aree non ancora affrontate e riempire un vuoto con contenuti validi, facili da leggere e da condividere. Devi essere la migliore soluzione possibile.

Da leggere: come creare un articolo su WordPress

Come trovare la nicchia di mercato

Qual è la tua esperienza? Hai già provato a risolvere i problemi dei lettori con un articolo del blog? Credi che questa strategia sia valida o vuoi aggiungere un punto alla lista? Aspetto la tua opinione per capire come trovare la nicchia di mercato.

Riccardo Esposito
Sono un web writer freelance. Mi occupo di scrittura online dal 2009, mi sono specializzato nella stesura di piani editoriali per blog aziendali. Ho scritto 3 libri dedicati al mondo del blogging e della scrittura online.

4 COMMENTI

  1. Ciao, sono un consulente informatico da quasi 20 anni, fino al 2012 avevo un blog basato sulla tecnologia… erano gli anni dei social e da scrivere ce n’era… difatti avevo raggiunti un PR3 in pochi mesi e qualcosa si riusciva a guadagnare, ora c’è una concorrenza spietata nella nicchia blog/web e pertanto sto cercando una nicchia.
    Nel mio portfolio ho alcuni blog che parlano di casa, tasse, documenti, mutui, leggi sul condominio e in pochi mesi li ho portati ad avere quasi 6000 visite al mese e qualche centinaio di iscritti alla newsletter.
    Volevo un tuo pare, secondo te il settore casa, che non mi sembra troppo verticale, potrebbe essere una nicchia vincente?

  2. Ciao Riccardo, purtroppo non è semplice definire una nicchia in particolare, ho sempre lavorato come jolly ovunque sono andato, quindi sono un tuttologo specializzato in nulla anche sulle mie passioni, il che non rende semplice la ricerca nemmeno tramite keyword. Anche se volessi sfruttare il discorso jolly, non ho trovato elementi sul web su come fare il jolly, o altro materiale cambiando le keyword; quindi non credo abbia un mercato. Se hai qualche idea in merito ben venga! Al momento ti ringrazio per la spiegazione, molto esauriente e tecnica ma vedrò di seguire i tuoi consigli, anche se per ora sono rimasti teorici da quando avevo aperto il mio primo sito nel 2016.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here