Come pubblicare più post al giorno per il tuo blog

Questa è una delle esigenze più avvincenti nella gestione di un blog: non scrivere solo un post ma più articoli al giorno. Impresa impossibile? Non è detto, ecco cosa devi fare.

Essere un blogger non vuol dire solo avere passione per un argomento. Soprattutto quando devi essere costante e continuo. Ma come scrivere più articoli al giorno?

come scrivere più articoli al giorno
Qual è il modo migliore per gestire un blog?

Un blog di successo deve essere gestito da una persona motivata, con conoscenze e idee. Poi c’è la costanza, una mano santa per scrivere un articolo al giorno.

Come trovare le idee e la forza per scrivere un post al giorno? Come faccio? Questo è niente, il gioco si fa duro quando devi pubblicare più articoli. Devo dar fondo alla mia esperienza personale e scrivere un bel post sulla gestione del blog.

Chi pubblica più articoli al giorno?

Io non sto parlando di persone che scrivono diversi post in 24 ore per clienti diversi, questo fa parte del normale lavoro di un web copywriter. Mi rivolgo soprattutto a chi scrive più articoli al giorno per lo stesso blog. Può sembrare un’impresa inutile, superflua.

In realtà diversi progetti editoriali hanno bisogno di un ritmo di pubblicazione così elevato e sono quelli che lavorano nel mondo dell’editoria. Oppure degli eventi. A volte non è necessaria scrivere più articoli al giorno per sempre, ma solo per un periodo limitato. In ogni caso è una sfida da affrontare. Ecco i miei consigli per aprire un blog e gestirlo con ritmo.

Come scrivere più articoli al giorno

La condizione essenziale: affrontare un progetto che sia in grado di svilupparsi in questa direzione. Un blog verticale, basato su un argomento specifico, non può garantire un ritmo di pubblicazione simile. È impossibile, innaturale.

Quindi, prima di affrontare la sfida dei diversi articoli al giorno assicurati che l’argomento sia abbastanza vasto da permetterlo. O che il blog si basi su un modello editoriale generalista e che può affrontare più argomenti di ampio respiro.

Crea un buon calendario editoriale

Quanti post a settimana devo scrivere per un blog? E al giorno? Molto dipende dagli obiettivi che hai inserito nel piano editoriale. Ma per rendere tutto più concreto, meno astratto e vago hai bisogno di uno strumento decisivo.

creare calendario editoriale
Puoi anche usare Google Calendar per il blog.

Sto parlando del calendario editoriale, un documento caro a tutti i blogger professionisti che consente di organizzare titoli e date. Se hai deciso di aumentare la frequenza di pubblicazione e arrivare a più articoli in una sola giornata non puoi dimenticare questo tool. Guarda, ho creato un documento che puoi utilizzare gratis.

Deve esserci passione per scrivere

Già citata a inizio post, è vero, ma devo ripetermi perché questo è un punto fondamentale. Senza passione il tuo progetto di scrivere un post al giorno sembrerà un lavoro come un altro, un impegno da chiudere il prima possibile.

Appunto, sembrerà senza passione! Figurati quando devi scrivere diversi articoli al giorno per lo stesso progetto. Stendi un filo conduttore tra la tua penna e il blog.

Superare il blocco dello scrittore

Conosco persone di gran valore ma con un blog immobile perché non riescono a superare la sindrome delle prime righe. Non riescono a dare il via ai propri post.

Una delle cause principali è la routine. Scrivere tutti i giorni ti schiaccia sotto il peso di un lavoro svolto a catena di montaggio, ma ho un piccolo trucco: inizia da metà articolo, da un dettaglio secondario, dagli sviluppi dell’argomento.

Metti da parte l’ordine che ti costringe a scrivere prima l’headline, poi l’introduzione, e lasciati guidare dal tuo istinto. Scrivi come e quanto ti pare per superare il blocco dello scrittore, ma prima di pubblicare ricordati di mettere ordine tra i paragrafi.

Scrivi direttamente su WordPress

Un trucco per ridurre i tempi di scrittura e avere la possibilità di gestire un blog con più articoli al giorno: scegli una piattaforma di scrittura per ottimizzare i passaggi.

Io scrivo direttamente su WordPress, puoi usare la funzione schermo pieno. Sarà come scrivere su una nuvola, e poi hai la possibilità di gestire formattazione, link interni, immagini, tag e categorie direttamente con WordPress Gutenberg.

Sfrutta i tempi morti per scrivere

Scrivere più post al giorno senza tralasciare lavoro, affetti e vita sociale? Sì, è possibile. Ma l’ottimizzazione del tempo non è una cosa da lasciare al caso, ti consiglio di usare il tuo smartphone nei tempi morti per segnarti tutte le idee.

Come scrivere più articoli al giorno
Salvador Dalì – La persistenza della memoria, 1931

E se non gradisci l’iPhone puoi usare una classica Moleskine, sempre efficace. Io riesco addirittura a scrivere interi articoli sul cellulare e lo faccio senza veri e propri programmi per scrittori: uso il block notes di default, oppure scrivo su Google Docs.

Aumenta gradualmente la scrittura

Scrivere bene più articoli al giorno non è semplice, richiede allenamento. E tu che hai appena iniziato a bloggare non puoi pretendere di riuscirci subito. Lavora per gradi, inizia prima con 2 post a settimana e poi arriva a 3 fino a raggiungere il tuo obiettivo.

Inizia a creare post dalle immagini

A volte hai bisogno di un’immagine per iniziare. Colori, forme, luci, sfumature… Cosa succede quando hai davanti a te una foto di un concerto e devi scrivere un post su quella serata? Inizia a descriverla, hai già un buon attacco dell’articolo.

Trovare nuovi argomenti per blog

Questa è una delle sfide centrali per chi si occupa di blogging. Devi trovare idee per scrivere sul blog, e per farlo non basta attivarsi e pensare a qualcosa di interessante.

aumentare pubblicazioni e clienti

Come suggerisce anche questo grafico di Hubspot, la frequenza di pubblicazione ha un impatto sia sulla necessità di aumentare traffico del blog ma anche sui lead. Vale a dire i potenziali clienti. Quindi conviene darsi da fare e scegliere con cura i titoli.

Come scrivere più articoli al giorno: SEO tool

Trovare tempo per scrivere ogni giorno è un’impresa ardua, ma non se hai al tuo fianco i migliori strumenti per individuare nuovi titoli. Come trovare gli argomenti da affrontare nei tuoi articoli? Puoi usare diversi SEO tool per copywriter:

Alcuni sono SEO tool gratis, altri a pagamento. In ogni caso servono a darti un’idea di quelle che sono le keyword più cercate dai tuoi potenziali lettori. Qui puoi far nascere headline efficaci e titoli di successo per decine di articoli per i tuoi lettori.

Guardati intorno per trovare idee da sviluppare

Le idee per scrivere si nascondono intorno a te. Tizio ha un problema, caio ne ha un altro e io un altro ancora: se li metto insieme e li sviluppo nel modo giusto ho già tre articoli che possono interessare ad altri tre lettori con gli stessi problemi.

Ma io ti dico di guardare oltre quest’esempio. Personalmente ritengo che sia possibile trovare idee per scrivere articoli in ogni momento della giornata. Tutto inizia da una riflessione, da un termine, da un complimento o da una critica. Basta ascoltare.

Come scrivere più articoli al giorno: la community

Seguire persone con i tuoi stessi interessi su Facebook e Twitter è importante per alimentare il tuo blog e il desiderio di scrivere. Discuti, intavola conversazioni, confrontati con altre persone. Ma fallo sia online che offline per avere risultati.

Sii te stesso nella scrittura online

Vuoi copiare da altri pur di pubblicare più articoli al giorno? Sbagliato, devi riuscirci mantenendo vivo il tuo stile, la tua personalità. Perché non si copiano solo i testi.

Questo vale anche per le idee, e sono sicuro che un lettore preferisca leggere un blog con una personalità originale piuttosto che un surrogato di un altro blog. Non riesci a mantenere questo ritmo? Allora devi leggere il prossimo paragrafo.

Non scrivere, abbandona il progetto

Scrivere più articoli al giorno non deve essere un imperativo. Altrimenti ti sentirai in obbligo di farlo, e pur di raggiungere il tuo scopo pubblicherai testi discutibili.

E oggi la qualità è importante, sai? A volte manca il tempo, altre volte l’ispirazione o la concentrazione: non fa niente, se ne parla domani. Meglio 3 articoli a settimana di gran qualità che 2 al giorno sul filo della mediocrità: valuta sempre i tuoi limiti.

Da leggere: come scrivere un articolo del blog

Come scrivere più articoli al giorno

Se non hai la possibilità di seguire un ritmo di pubblicazione così alto, ma hai bisogno comunque di un aggiornamento costante, puoi puntare su un’opzione interessante: ingaggiare un web writer professionista per passare un po’ di lavoro e alleggerire il carico. Ti sembra una buona soluzione? Ti aspetto nei commenti.

Riccardo Esposito
Sono un web writer freelance. Mi occupo di scrittura online dal 2009, mi sono specializzato nella stesura di piani editoriali per blog aziendali. Ho scritto 3 libri dedicati al mondo del blogging e della scrittura online.

8 COMMENTI

  1. Riguardo al punto 3 non sono d’accordo e può essere pericoloso. Lavorando in locale hai un file dei tuoi articoli, mentre se scrivi su wordpress rischi di perdere tutto se il server o il database vanno in crash.

    Inoltre un programma di scrittura ti segnala gli errori più grossolani, non so se puoi fare lo stesso con qualche plugin.

    Io per scrivere tutti i giorni nel blog seguo un programma, un elenco dei giorni e via via che arrivano idee riempio i buchi. Inoltre ho delle rubriche che porto avanti, così in certi giorni so cosa devo scrivere.

    • Ciao Daniele,

      Sulla possibilità di perdere il lavoro svolto hai ragione, anche se WordPress ha un sistema di salvataggio automatico dei post che può essere anche regolato.

      Io di base non mi fido dei correttori. In alcuni casi ti possono aiutare, in altri ti correggono la parola senza avviso: il rischio di fare una figuraccia è in agguato (ti assicuro che in passato ci sono andato vicino). Da usare con attenzione!

  2. Beh Daniele, anche se usi wordpress in locale potresti correre il rischio di perdere tutto a causa di eventuali crash del pc.

    Io aggiungerei un altro punto: “Racconta te stesso”. A volte trovi l’idea per un articolo semplicemente raccontando ciò che ti è successo, un traguardo raggiunto (i miei primi 100 euro guadagnati col blog) o un problema risolto (che può servire anche ai tuoi lettori).

    P.S.: il video è a dir poco fantastico. 😉

  3. @Luca: io non uso wordpress in locale, ma un programma di scrittura, Openoffice, e ogni tanto faccio un backup.

    @Riccardo: riguardo ai correttori automatici dei programmi di scrittura, non intendo la correzione automatica, ma la semplice segnalazione, che non è perfetta. Ma ti segnalano comunque parole inesistenti, come avrebbero segnalato il tuo “Possobile” nell’ultimo post 😉

    • Allora sono d’accordo con te. Io non sono totalmente contrario all’uso di un programma di videoscrittura. Mi sembra che già su un altro articolo parlammo dell’importanza di questi tool per trovare gli errori ma non ricordo dove e non ricordo quando…

  4. Esiste una discreta quantità di metodi e ognuno, come scrisse sapientemente Umberto Eco anni fa, influisce sullo stile e sul contenuto. Di là da queste verità assoluta (provate a scrivere a mano, a macchina da scrivere o al pc e vedrete…) i metodi sono diversi: Microsoft OneNote è fantastico per prendere appunti, incollare interi contenuti che si vogliono rileggere o usare come assets per il proprio lavoro, incollare link a pdf interni al computer, ecc. Beh non sono qui per scrivere un panegirico su OneNone ma da quando l’ho scoperto mi ha cambiato la giornata.

    C’è anche Evernote che si integra con tante altre applicazioni anche online ma dopo averlo analizzato ho preferito OneNote che salva in tempo reale tutto il mio lavoro. Usando OpenOffice o MS Word basta settare il salvataggio automatico ogni minuto e, soprattutto, configurare la creazione di file backup automatica.

    Io sto anche sperimentando l’uso di WP in locale ma NON per pubblicare ma per formattare il post con tutti gli stili che mi servono, i tag html, ecc. Incollerò poi l’html nel blog online così da poter editare il post in locale anche offline e dove voglio. Sto anche sperimentando di formattare lo stile direttamente in MS Word per trovarmi il post già pronto da incollare nel blog online (ecc.)

    Condivido il punto 2: abbandonare il sentiero prestabilito…purché si abbia la capacità di non perdersi nella giungla 🙂 Bel post cmq. A presto

    • Ciao Marino, di sicuro il metodo che stai sperimentando allunga un po’ i tempi della scrittura ma sono sicuro che hai i tuoi buoni motivi. Grazie!

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here