Come usare i commenti per aumentare visite al blog

Quali sono i punti di forza dei tuoi commenti? Perché devi gestirli al meglio? Ti lascio una serie di indicazioni che puoi usare per trasformare questo dettaglio in una risorsa vincente e virtuosa.

Lo sai che puoi usare i commenti per aumentare visite del tuo blog? Le interazioni che nascono su un progetto editoriale possono portare grandi benefici al tuo lavoro di content marketing. Ma devi essere in grado di gestire al meglio questi aspetti.

Come usare i commenti per aumentare visite al blog
I commenti sono una risorsa per il tuo blog.

Chiaro, alla base c’è un bisogno importante: aumentare i commenti del blog. Ma non puoi e non devi procedere alla cieca. Stiamo parlando sempre di contenuti anche se si trovano alla fine del post. Questo cosa significa? Semplice: devi usare i commenti per aumentare le visite del blog. In un modo o in un altro. Qualche idea?

Google indicizza i commenti del blog

Il primo punto da valutare: i commenti WordPress sono visti come contenuto. Google indicizza il testo in una pagina web, quindi i commenti dovrebbero migliorare le tue probabilità di posizionarti nei risultati. Più commenti ricevi, più traffico ottieni? Aspetta…

Il motore di ricerca vede il testo lasciato dai lettori? Io preferisco usare il sistema nativo di WordPress e non le piattaforme social. Io so che Google indicizza i commenti nativi. Disqus? Non sempre funziona. Ecco la ricerca di un commento nativo lasciato su My Social Web. Se vuoi aumentare le visite del sito web o del blog con i commenti usa quelli di WordPress.

Da leggere: come rispondere a un commento negativo

I commenti sono utili per il traffico?

Neil Patel (che usa commenti nativi) ha condotto una ricerca per rispondere alla domanda. I commenti rappresentano una buona fetta di contenuti del suo blog, quindi la domanda nasce spontanea: questi contenuti influiscono sul posizionamento?

commenti blog

Il traffico arrivato grazie al posizionamento di testo presente nei commenti – lamenta Neil – è basso: ha portato solo il 24,7% delle impression (grafico sopra).Ma è un buon risultato perché sono contenuti generati dall’utente in modo spontaneo.

Questo vuol dire essere in grado di moderare i commenti per evitare che portino la discussione altrove. Se le interazioni aiutano ad approfondire il tema e sono verticali possono essere utili. Altrimenti rischi di dirigere il topic verso direzioni diverse.

Cura il tone of voice del contenuto

Perché il tone of voice influenza i commenti? Le persone amano confrontarsi con i propri pari, con chi non si erge a professore universitario ma ti accoglie come un amico. Le persone vogliono parlare con altre persone. Vogliono confrontarsi.

Your message is what you’re trying to communicate. Your tone of voice is how you communicate it. 

Copyhackers

Questo non vuol dire raccontare frottole. Puoi avere un tone of voice amichevole, espresso da una scrittura semplice, ma pubblicare dei contenuti di gran qualità.

Pubblicare contenuti rilevanti è la chiave del successo. Ma io credo che inserire una venatura emotiva sia importante per chi cerca il confronto con il tuo target utile.

commenti
I commenti sono una risorsa preziosa.

Non devi trasformare il tuo blog in un libro Harmony. Ma ti invito a riflettere sulla comunicazione dei grandi blogger. O meglio, sullo stile e sul tone of voice di chi raggiunge migliaia di persone, e colleziona centinaia di commenti in ogni articolo.

Ti faccio un esempio. Come inizia il Whiteboard Friday di Fishkin? “Howdy, Moz fans, and welcome to another edition of Whiteboard Friday”. Stile fresco e amichevole.

No. Il tone of voice è impostato sul colloquiale, sulla possibilità di instaurare parità. Non c’è differenza tra chi scrive e chi legge. Non è un caso: è una caratteristica studiata. Probabilmente è un’attitudine, un modo di esprimersi sincero.

Come alimentare i commenti del blog

Gestire i commenti non vuol dire solo ricevere testo a costo zero da parte dei lettori ma curare una community, rispondere alle domande, trovare il modo per intavolare discussioni interessanti (ricordi il discorso degli inneschi?) senza forzare.

Devi trovare sempre il modo per aumentare i commenti. Non puoi solo ricevere, devi anche dare qualcosa. E l’aumento del traffico che può arrivare da una maggiore indicizzazione del testo è solo l’ultimo fattore positivo legato ai commenti.

Come usare i commenti per aumentare visite al blog
Fatti sentire, sfrutta i commenti.

In cima alla lista c’è la fidelizzazione. Se lasci i commenti aperti solo per collezionare testo stai sfruttando solo una parte del potenziale offerto dai commenti.

Tu puoi creare una tribù, un gruppo di persone fedele al tuo brand disposto a diventare portavoce della tua autorevolezza su chat, forum, gruppi di discussione. Lasciare i commenti liberi di scorrere è solo il primo passo.

Usa anche i commenti di Facebook

le aziende che vendono online devono curare le conversazioni. Lo rivela una ricerca di Socialblelabs.com condotta su un campione di 1.088 shopper. L’obiettivo?

Scoprire l’impatto della condivisione dei contenuti sugli acquisti dei consumatori. Ecco qualche dato interessante che ho raccolto nel post riassuntivo:

  • Il 62% delle persone che hanno fatto acquisti online hanno anche letto i commenti relativi ai prodotti dai loro amici su Facebook.
  • Il 75% degli acquirenti che hanno letto i commenti su Facebook hanno cliccato sul link del prodotto, raggiungendo la pagina del prodotto sul sito web.

Facebook ha attivato da diverso tempo la preview nei commenti. Se lasci un link nello spazio dedicato al commento, questo si anima di vita propria e aggiunge una preview di quello che stai per condividere. La forza della riprova sociale è importante.

facebook
Vuoi usare i commenti per aumentare visite?

L’utilità? Da un punto di vista pratico adesso la possibilità di aumentare le visite del blog ha sicuramente un amico in più. E poi questa preview è fatta di testo e immagini, una combinazione che attirerà sicuramente più click della semplice URL.

Ti dico che quella stringa di testo più voluminosa che vedi nella preview del commento è la meta description del sito o del post. Mentre quella più grande è il tag title. Per aumentare le visite con i commenti puoi ottimizzare questi aspetti e se non si vedono quelli che hai creato puoi fare un passaggio su Facebook Debugger.

Da leggere: conviene disabilitare i commenti del blog?

La tua opinione sui commenti

I commenti sono preziosi, e non basta collezionare testo per aumentare traffico. I risultati li ottieni coltivando il tuo pubblico anche attraverso i commenti

I numeri che contano sono quelli che ti portano i lettori felici di tornare sul tuo blog domani, dopodomani, tra una settimana. Sei d’accordo? Qual è la tua opinione?

Riccardo Esposito
Sono un web writer freelance. Mi occupo di scrittura online dal 2009, mi sono specializzato nella stesura di piani editoriali per blog aziendali. Ho scritto 3 libri dedicati al mondo del blogging e della scrittura online.

2 COMMENTI

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here