Come curare i dettagli di un blog (e migliorarlo)

Ci sono mille modi diversi per prendersi cura del proprio blog. Oggi ci dedichiamo agli aspetti che spesso rimangono in secondo piano ma sono sempre importanti per il tuo successo.

Trovare il tempo, mi manca il tempo, ho bisogno di tempo per curare i dettagli del blog: quante volte ti è capitato di pensare o dire qualcosa del genere?

Curare i dettagli del blog
Le piccole cose sono importanti.

Per creare un blog nel migliore dei modi c’è bisogno di tanto tempo a disposizione. Figurati per gestire diversi blog, devi dedicare risorse ai progetti.

Però ti posso assicurare che per fare qualcosa di buono non devi necessariamente ipotecare la tua giornata libera (ci manca solo questo!). Questo vale per chi lavora con il blog aziendale, ma anche per chi dedica le proprie energie a un diario.

L’importanza di una buona manutenzione

In questo articolo voglio sottolineare un punto: il tuo blog non deve e non può essere lasciato senza una buona manutenzione.

Non puoi abbandonarlo, non puoi pubblicare sempre nuovi articoli. Sì, questo è un punto essenziale ma non risolve la complessità che si trova dietro a un concetto così ampio. Fare blogging non vuol dire solo scrivere e mettere online.

Significa anche guardarsi indietro, ottimizzare quello che è già stato fatto, migliorare gli articoli vecchi per portare nuovo traffico di qualità. E aumentare le visite del blog o del sito migliorando quello che hai già. Per questo oggi voglio dedicare spazio a questa piccola sessione di manutenzione del portale.

Da leggere: come allineare un testo 

Migliorare le informazioni della Fan Page

Nella sezione dedicata alle informazioni avevo lasciato qualche campo in sospeso, e non avevo dato importanza ai testi. Insomma, l’avevo compilata male.

Ma adesso il problema è stato risolto. Basta un attimo per sistemare queste informazioni e migliorare la gestione della pagina Facebook legata al tuo blog.

Prenditi cura del Feed Rss sul blog

A volte ci concentriamo su mille diavolerie, e perdiamo di vista l’importanza del Feed Rss. Ovvero uno dei mezzi più semplici ed efficaci per seguire un blog. Ecco qualche dettaglio da non dimenticare:

  • Le icone Feed Rss devono essere sempre presenti e ben visibili.
  • Usa Feedburner e le sue potenzialità: statistiche, numero di iscritti, feed via email.
  • Inserisci gli articoli correlati nel feed e installa WordPress SEO by Yoast con la funzione Rss footer, decisiva per combattere i contenuti duplicati.

Poi c’è la polemica che affligge la blogosfera: feed intero o preview? Io preferisco intero ma su questo punto lascio libertà di scelta: tu come hai impostato il feed?

Ottimizzare la formattazione dei tuoi post

Un evergreen, ovvero la formattazione del testo. Le difficoltà che incontro con maggior frequenza sono poche e si contano sulle dita di una mano: grassetto assente o eccessivo, maiuscolo dominante, blocchi di testo spaventosi, font differenti.

Un dramma. C’è realmente bisogno di una guida alla formattazione ma, a volte, basta seguire un po’ di buon senso e le regole principali della buona scrittura.

Grassetto, corsivo e sottolineato. Questa è la formattazione che usiamo nella maggior parte dei casi. Poi dividiamo il testo in paragrafi, ognuno dedicato a un argomento.

Regola base per allineare
Regola base per allineare: a bandiera – Fonte immagine

Al massimo una lista puntata. Ma ci sono delle funzioni della formattazione che dovresti usare senza esitazione. Tra queste c’è il tag blockquote per identificare una citazione. Devi scrivere righe di codice?

Non improvvisare, fallo nel modo giusto: includi il testo nel tag code. Vuoi inserire una frazione, un numero al quadrato o una normale E maiuscola con accento?

Usa la funzione “inserisci simbolo”. Ci sono anche una serie di scorciatoie per la formattazione WordPress, e un plugin per inserire l’editor avanzato: TinyMCE.

Aggiornare i testi delle pagine fisse

Crei delle pagine fisse e le lasci al proprio destino. Le abbandoni. Non è il massimo della decenza, sai? Ogni creazione sul tuo blog ha bisogno di attenzione. Come la pagina portfolio o quella dedicata alla tua presentazione (pagina about me).

Ottimizza foto e immagini del blog

Impossibile affrontare un argomento ampio come quello delle immagini, ma tra le mille sfaccettature io ne estrapolo uno: le foto a cui manca il testo alternative. O che usano la sigla data dalla macchina fotografica come tag alt. Facciamo una checklist:

  • Usa keyword nel tag alt e nel nome immagine senza esagerare.
  • Descrivi le immagini, se necessario, con didascalie e tag title.
  • Scegli ottime immagini, comprimile senza rinunciare alla qualità.
  • Non dimenticare le dimensioni delle immagini nel post.

Sai cosa sono le basi su Canva? Dei modelli predefiniti che ti consentono di avere uno standard già pronto. Così quando vuoi creare una grafica, magari vuoi scrivere sulle foto o aggiungere qualche forma geometrica, devi solo cambiare la base.

Migliora ora la tua presenza online

Questo nell’universo del blogging vuol dire partecipare in prima persona alla costruzione dei contenuti, rispondere ai commenti, ma anche metterci la faccia.

A volte le pagine about me sono dei CV gonfi di mille informazioni più o meno utili… e neanche una fotografia dell’autore. La gente vuole vederti in faccia, vuole sapere chi sta leggendo! Tutto diventa semplice e immediato in questo modo.

Crea URL SEO friendly delle pagine web

Quanto mi dispiace vedere quei blog con le URL che riportano solo numeri, punti interrogativi e lettere senza senso. E pensare che per avere una URL SEO Friendly su WordPress basta andare nella sezione Setting e poi in Permalink.

30 minuti per curare 6 dettagli del tuo blog
Hai deciso di ottimizzare il tuo blog WordPress?

Ovviamente questo settaggio è bene farlo appena hai aperto il blog, in modo da iniziare a pubblicare già con la URL amica dei motori di ricerca, e non dimenticare che anche nei singoli post di WordPress c’è la possibilità di riscrivere il permalink.

Mettere ordine i feed rss su Feedly

Fonte indispensabile per ogni blogger che si rispetti, il feed reader deve essere sempre aggiornato per essere d’aiuto a chi deve trovare le fonti. Si taglia qualche ramo secco, si aggiungono nuove risorse, si creano cartelle e si organizzano feed rss: non c’è bisogno di tanto tempo per questo lavoro e i risultati sono evidenti.

Almeno per il mio modo di gestire le informazioni necessarie per fare blogging. E per scrivere articoli del blog realmente efficaci, ricchi di informazioni utili.

Sidebar per tutti (o per nessuno)

Questo significa che la tua sidebar è troppo ricca, vuole rapire l’attenzione di tutti e non si pone assolutamente il problema di quali possono essere gli interessi degli utenti. E questo è uno di quei dettagli che può cambiare il volto al tuo blog.

Inizia a togliere i widget obsoleti e fermati solo quando il tuo blog inizia a respirare. La sidebar del tuo blog ha bisogno di ordine e disciplina per esprimersi al meglio.

E poi? Mai accontentarsi, mai smettere di sperimentare, soprattutto quando hai a che fare con un argomento così importate. Come guadagnare con il blog? Da diverso tempo ho tolto gli annunci AdSense per fare spazio ai banner delle landing page.

E spesso cambio la posizione e il formato delle grafiche, ne registro le prestazioni e ne confronto i risultati. E non ci vuole tanto tempo per farlo!

Inserisci un menu interno nel post

Hai pubblicato il tutorial perfetto. I paragrafi sono indispensabili, ma per migliorarne l’usabilità (soprattutto se nell’articolo ci sono immagini e video) puoi creare un menu con ancore interne. Ovvero link che portano a parti precise dell’articolo.

L’utente può scegliere subito l’argomento, risparmiando tempo prezioso. Inoltre Google riconosce questa pratica e nello snippet può inserire anche i link interni. Come creare un menu interno su WordPress? Basta usare Table of Content Plus.

Da leggere: come creare un blog aziendale

Hai iniziato a migliorare il blog?

In che modo? Quanto tempo dedichi alla manutenzione ordinaria del tuo spazio web? In che modo hai deciso di prenderti cura del tuo blog? Scegliere il miglior hosting non è sufficiente, devi fare qualcosa in più: raccontami nei commenti come ti muovi.

Riccardo Esposito
Sono un web writer freelance. Mi occupo di scrittura online dal 2009, mi sono specializzato nella stesura di piani editoriali per blog aziendali. Ho scritto 3 libri dedicati al mondo del blogging e della scrittura online.

9 COMMENTI

  1. Sto procedendo a una cura maggiore delle pagine statiche, sto creando delle immagini tipo copertina, per ognuna di loro.
    E dovrei migliorare il profilo g+

    Moz-

    • Quindi sei sulla strada giusta, caro miki. Dare attenzione al tuo blog vuol dire migliorare giorno dopo giorno e rispettare il tuo lettore.

  2. Ciao Riccardo! Questo fine settimana ho sistemato, insieme al mio web developer di fiducia, la versione mobile di Valinapostit. L’ho migliorata e resa più immediata. Adesso devo ottimizzare qualche vecchio contenuto.

    • E non fa mai male lavorare in questa direzione. Attenzione a cosa ottimizzi però, cerca di non perdere quello che hai creato e posizionato.

  3. Ciao Riccardo!
    Ho un blog letterario su Blogger e sto cercando di curarlo il più possibile, in ogni suo aspetto. Qualche mese fa mi sono fatta realizzare la grafica da un graphic designer che ha fatto un ottimo lavoro. C’è solo un problema che non si risolve: le immagini principali dei vari post hanno una grandezza sbagliata. O meglio, entrando nei post è corretta (la imposto su extra large di solito), ma dalla home, quando scorro i diversi articoli in anteprima è troppo piccola. Questo stona ovviamente con tutto il resto. Spero di essermi spiegata bene e che tu possa indirizzarmi. In ogni caso, grazie

    • Ciao Valentina,

      Purtroppo la piattaforma Blogger ha delle funzioni limitate e non è facile intervenire per ottimizzare il tutto. Così, senza vedere il blog poi è ancora più difficile. Prova a lasciare l’indirizzo del tuo progetto.

      • Immagino! Dunque il mio indirizzo web è il seguente: solo entrandoci vedrai che le immagini sono molto piccole. Però immagino si possa fare ben poco. Grazie per l’aiuto e per la risposta.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here