Ti immagini un web senza Facebook? Sembra impossibile ormai pensare alla nostra esperienza su internet senza il social network per eccellenza, anche perché per molte persone Internet e Facebook ormai sono la stessa cosa.

Facebook

Quindi non ti devi stupire se all’annuncio della prossima chiusura di Facebook, fissata per il 15 marzo 2011, sia seguita una mobilitazione generale della rete. Aspetta… ma allora veramente Facebook chiude o si tratta di uno scherzo di pessimo gusto?

Niente paura, è solo una geniale/diabolica trovata del sito satirico  Weekly World News che sicuramente ha trovato la giusta leva per creare un contenuto virale. Certo, perché nell’articolo non solo viene indicata la data della chiusura ma anche una serie di consigli pratici per limitare i danni di questo stop improvviso.

Ad esempio viene suggerito di rimuovere tutte le foto dal proprio profilo (per caso serve un servizio di backup foto?) e vengono riportate alcune interviste di ragazzi, genitori e di impiegati Facebook. C’è anche Mark Zuckerberg che spiega i motivi della dolente decisione perché Facebook gli ha rovinato la vita. Bisogna mettere fine a questa follia, dice Mark nell’intervista fasulla…

Talmente fasulla che molti l’hanno presa sul serio e il team di Facebook si è vista costretto a smentire ufficialmente queste voci che stavano rimbalzando di blog in blog.

Weekly World News è riuscito a creare un articolo semplice e verosimile, capace di entrare nel circuito viral, raccogliere oltre 10.000 commenti e chissà quanti retweet, condivisioni su Facebook e link sui blog. Bisogna dare atto agli autori che sono stati in gamba ma che godevano già di un’ampia audience che poteva fare da cassa di risonanza.

Se lo pubblicavo su My Social Web un articolo del genere non ottenevo neanche un millesimo di quello che è riuscito a guadagnare Weekly World News. E magari la mia immagine sarebbe stata completamente segnata in negativo 🙂

Un certo tipo di viral non è per tutti!

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here