Come sfruttare le long tail keyword per il tuo e-commerce

Vuoi sfruttare al massimo il lavoro di SEO copywriting per il tuo shop online? Ecco il lavoro sulle parole chiave a coda lunga che puoi sfruttare sul tuo ecommerce da ottimizzare.

Sfruttare le parole chiave a coda lunga per posizionarsi su Google con chiavi di ricerca poco competitive ma ad alta conversione, che possono portare clienti veri. Reali e orientati all’acquisto. Questa è l’utilità delle long tail keyword per ecommerce.

long tail keyword per ecommerce
Parole chiave a coda lunga per ecommerce.

Questa è la logica che spinge un buon lavoro di ottimizzazione SEO verso la strategia di web marketing: inutile scontrarsi contro i grandi player, meglio cercare una nicchia profittevole e facile da conquistare. Questa è l’utilità della long tail keyword. Ma come sfruttarle sul serio? E come si trovano? Ecco qualche consiglio.

Cos’è una long tail keyword per la SEO

Con questo termine (tradotto dall’inglese parole chiave a coda lunga) s’intende una query espressa dal pubblico che contempla tre o più parole. Si contrappone alla fat head keyword, vale a dire le parole chiave secche composte da un singolo termine.

La caratteristica chiave di una long tail keyword è rappresentata da un volume di ricerca basso ma anche una concorrenza minore. Mentre i grandi brand si accaparrano le ricerche più voluminose attraverso SEO on-page, link building e SEM tu puoi puntare sulle long tail keyword per ecommerce lavorando con una strategia.

Da leggere: come fare un piano editoriale SEO

Perché usare le keyword a coda lunga?

In questo modo il tuo ecommerce evita lo scontro diretto con i brand che hanno grandi potenzialità in termini di investimento. Si tratta di un approccio strategico che tende ad aggirare l’ostacolo puntando su obiettivi più semplici da raggiungere.

Ma soprattutto che danno maggiori risultati in rapporto alle risorse disponibili. Con quello che può investire un comune mortale si rischia il disastro se si sfida a viso aperto Amazon su Google. Se si aggira con un’azione di guerrilla marketing la SEO si sfrutta per avere visibilità solo dove serve. Vuoi approfondire l’argomento?

strategia oceano blu

In questo caso ti consiglio di acquistare e leggere un libro molto importante per organizzare anche un lavoro di SEO ecommerce come questo.

Parlo del testo più famoso in questo campo: Strategia Oceano Blu di Chan Kim e Renée Maubourgne.

Grazie a questo contributo puoi individuare una strada ben definita per guidare il tuo business da un mare pieno di competitor a uno in cui sei praticamente solo.

Sfruttare la coda lunga sull’ecommerce

Il modo migliore per ottenere una buona base di partenza di partenza per il tuo lavoro di ottimizzazione SEO per ecommerce: una ricerca delle parole chiave da usare nelle pagine. In particolar modo negli articoli del blog aziendale. Motivo?

Semplice, quando decidi di posizionare le long tail keyword per ecommerce puoi lavorare molto ben incrociando ricerche informazionali e transazionali.

keyword seo
Differenza tra le varie keyword.

Mentre quest’ultime saranno veicolate verso schede, tag e categorie puoi usare i post per intercettare le prime. Che, solitamente, sono quelle più numerose e versatili. Ma come fare una buona keyword research per scoprire le chiavi a coda lunga?

4 tool per individuare le parole chiave

Ci sono diversi SEO tool gratuiti da usare per fare questo lavoro. Ce ne sono anche altri a pagamento, come Semrush che uso ogni giorno per questi lavori. Ma a volte non basta avere un’unica suite per cercare long tail keyword per ecommerce.

AnswerThe Public

Una realtà per avere i suggerimenti che riguardano cosa cercano le persone intorno a determinati termini. I risultati di Answer The Public puntano verso una diversificazione dei termini puntando verso le domande che fanno le persone sul web.

Ubersuggest

Un sostituto di SEO tool avanzati come Seozoom. Grazie a Ubersuggest puoi avere informazioni sulle keyword utilizzando i dati di keyword planner e Google Suggest.

Keyword.io

La maggior parte degli strumenti lavorano solo su Google. Invece Keyword.io è un SEO tool perfetto per fare un buon lavoro di keyword research per ecommerce. Il motivo: puoi ottenere correlazioni di query fatte anche su Amazon, eBay e Alibaba.

Completamento ricerca

Questa funzione vale per Google ma anche per altri portali come Amazon. Ecco, ad esempio, cosa succede quando sul sito web faccio delle ricerche dedicate ai libri.

long tail keyword
Completamento ricerca su Amazon.

Puoi trovare buone informazioni per affrontare un piano editoriale strategico sul blog del tuo ecommerce. Ma anche per scrivere i testi delle schede dello shop online, delle categorie e delle altre pagine archivio che vuoi posiziona re su Google.

Da leggere: come mettere le keyword sul sito web

La tua long tail keyword per ecommerce

Tutto questo senza dimenticare soluzioni che aiutano a migliorare la ricerca come il contributo di Google Trends e della Search Console. In sintesi, la long tail keyword è fondamentale per il tuo ecommerce. Tu hai iniziato a lavorare in questa direzione?

Ultimo aggiornamento: 21 ottobre 2019.

8 COMMENTI

  1. Innanzitutto grazie per la cordiale disponibilità che sempre dimostri.. 🙂

    Dopo aver letto il tuo post sono sempre più convinto che trovare interessanti nicchie di mercato (qualsiasi sia il settore), svilupparle, emanciparle e renderle “fruibili” al grande pubblico sia il futuro prossimo del Web.

    Insomma, penso che la diramazione destra della long tail sia più affascinante dell’alta vetta di sinistra!

    ciao e grazie,
    gabriele

    • ordiale e disponibile sempre con chi stimola il mio interesse. Vorrei aver più tempo per stare un po’ dietro a tutti però… va bene così!

      Ciao!

  2. Ciao,
    innanzi tutto complimenti, un’articolo davvero ben fatto.

    Credo che un grosso aiuto sulle query della cosidetta “long tail” possa venirci direttamente da Google con i suoi nuovi suggerimenti sulle ricerche. Sfruttare una query lunga suggerita direttamente da Google su una data parola chiave a mio avviso è un’ottimo metodo per migliorare la SERP su quella frase. Che ne dici?

    • Credo che sia un buon modo per prendere delle idee, per partire da un elemento (o meglio, una serie di elementi) suggerito da Google. che comunque deve essere verificato da ulteriori approfondimenti.

      Ma comunque sì, può essere utile anche questa strada!

  3. Ciao Riccardo,

    ho trovato l’articolo veramente interessante. Lavorare sulle keywords secche lascia il tempo che trova. Personalmente lavoro per siti turistici e ho riscontrato che le conversione migliori si hanno con combinazioni di parole del tipo “cosa regalare per Natale”. Complimenti ti seguo con estremo interesse

    Gae79

    • Ti ringrazio, molto gentile. Il lavoro sulle keyword si basa sulla ricerca, tanta ricerca, e anche tanto tempo passato sul web ad osservare i comportamenti degli utenti e dei concorrenti!

  4. Complimenti per l’articolo!

    credo che google instant possa venire incontro a chi lavora con la long tail, è veramente scioccante come dato: “un buon 70% che (più o meno) non aspetta altro che un sito ottimizzato.”… è tantissimo!!!
    Fino a qualche giorno fa pensavo il contrario invece, pensavo fossero solo le briciole che lasciavano quelli con le key secche!!!
    Da oggi punterò sulla long tail! Grazie

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here