Perché nessuno commenta i post del blog?

Quali sono i dettagli che portano il tuo blog a non ricevere commenti? Perché mancano le interazioni sul tuo diario personale? La risposta si trova in questo articolo di My Social Web.

Già, perché nessuno commenta il mio blog? Ogni volta che scrivi un post vorresti migliaia di commenti, vorresti intavolare discussioni infinite sull’argomento che hai affrontato. Sacrosanto desiderio per un blogger che investe ore e ore.

perché nessuno commenta il mio blog
Perché i lettori non commentano il blog?

Purtroppo non sempre funziona così: non tutti i post si rivelano dei successi, e non puoi neanche pretendere di stimolare sempre l’interesse dei tuoi lettori, ma se il problema persiste forse la causa si trova nei motivi che devi approfondire.

Hai un problema di fidelizzazione

Perché i lettori non commentano il blog? Perché non lasciano traccia del passaggio? A volte la causa dell’assenza di commenti si nasconde nelle visite: poche persone, pochi commenti.

Stai scrivendo grandi contenuti e le visite non sono poi così male, ma per qualche motivo strano nessuno lascia commenti.

Forse la tua audience non è abituata a fidelizzare con un blogger.

Osserva i tuoi concorrenti, studia le loro mosse e gli argomenti che trattano per ottenere commenti.

Questo tema è molto importante perché un pubblico fedele torna ogni giorno sul blog e vuole partecipare alla sua vita, alle pubblicazioni. Si sente parte attiva.

Sei noioso e nessuno legge i post

Forse affronti l’argomento con un taglio troppo inamidato o forse sei semplicemente noioso. L’unico modo per scoprire se è questo il motivo chiedi a tre amici fidati – ovviamente competenti dell’argomento – di leggere il tuo ultimo post.

Da leggere: perché sono diminuiti i commenti del blog?

Non sei abbastanza provocante

Se vuoi creare buzz intorno al tuo post devi dare modo alle persone di schierarsi con o contro di te. Ovviamente non sempre puoi sfidare la sorte (potresti rischiare anche uno scivolone) ma anche i call to action sono una sorta di provocazione velata.

Sul tuo blog manca una personalità

Lo so, non hai voglia di pestare i piedi a nessuno e vorresti essere amico/a di tutti, però una posizione la devi prendere. La una buona personalità viene sempre premiata! Vuoi aumentare i commenti del tuo blog? Devi puntare sulla personalità.

Non hai iniziativa, il blog non brilla

Vuoi aumentare i commenti del tuo blog? Devi essere il primo a farlo. Commenta ogni giorno i blog del tuo settore, lascia dei contributi, ed estendi quest’attività alle community, ai forum, alle discussioni sui social. Ecco, devi fare comment marketing.

Hai poche visite, meglio aumentarle

Nessuno lascia commenti perché il tuo blog è poco conosciuto. Fai tu la prima mossa: lascia commenti validi nei blog più famosi e inizia a scrivere contenuti. Vedrai che le cose cambieranno. Per approfondire: come aumentare le visite del blog.

I commenti sono difficili da trovare

Perché nessuno commenta il mio blog? È bene ricordare che le interazioni devono essere vicine al corpo del post. Se per qualche motivo – banner pubblicitari o articoli correlati – la finestra scende troppo in basso rischi di perdere i commento.

Gli errori vari allontanano i lettori

L’abito non fa il monaco, è vero, ma non tutti la pensano così. Metti tutta la tua arte nella scelta dei contenuti, ma cerca di curare la grafica e la buona forma del tuo testo. A volte fare buona impressione invoglia a lasciare commenti.

I lettori hanno paura di esseri primi

Nelle personalità più deboli può essere un problema iniziale la discussione. Magari chi ti legge vorrebbe dire la sua, scrivere qualche nota di approfondimento o un’osservazione critica, ma non lo fa semplicemente perché alcune persone hanno paura di essere le prime a iniziare. Difficile da risolvere, lo ammetto.

A volte i lettori non commentano perché è l’articolo non lascia spazi utili all’interazione. È una delle situazioni tipiche dei post tecnici: tante visite e pochi commenti. Perché avviene tutto questo? Perché i lettori non commentano il blog?

C’è eccesso di pubblicità invadente

Sei talmente avido (scherzo, eh) che hai riempito di pubblicità il tuo blog! Ora i lettori leggono il post e scappano per distogliere gli occhi da quei link luccicanti. Togli un po’ di banner, ricorda che non è questa la strada giusta per guadagnare con un blog.

L’articolo è troppo tecnico

Molto semplicemente non c’è altro da aggiungere. Affronti l’argomento in modo completo, approfondendo tutti i punti di una procedura o di un prodotto/servizio, e i lettori apprezzano. Ma perché commentare se non c’è nulla da dire? I lettori non commentano perché non trovano punti da aggiungere.

Ma, soprattutto, perché l’argomento è stato trattato da una prospettiva distaccata, sterile. C’è competenza, certo, ma anche poco coinvolgimento.

Quando affronti un argomento tecnico lascia uno spiraglio per i dubbi. Lascia un paragrafo per elencare i possibili dubbi, le domande necessarie per stimolare l’interesse. Non devi aspettare i commenti dei lettori: devi crearne i presupposti.

Per approfondire: come e perché chiudere i commenti del blog

Problemi nel sign-in dei commenti

Su WordPress questo problema non l’ho riscontrato. Con altre piattaforme, invece, può esserci difficoltà nel processo di sign-in. Lascia perdere se tu sei in grado di fare magie con il web: devi ragionare con la testa dell’utente più sprovveduto.

Pubblichi notizie troppo vecchie

Legato all’articolo pubblicato ieri. Ripubblichi le notizie che hai letto su Mashable e ti aspetti di ricevere la stessa mole di commenti. Ma tu non sei la fonte della notizia.

Perché il lettore dovrebbe commentare? Può trovare la notizia ovunque. Non offri niente di utile. Niente di speciale. E in questo mondo, nel mondo dei blogger, devi essere sempre speciale. La mediocrità non appartiene al social web.

Perché i lettori non commentano il blog?
Perché nessuno commenta il mio blog?

Come iniziare a ricevere commenti? Lascia il tuo punto di vista. Mescola critica e cronaca, racconta i fatti e dai un motivo in più ai lettori per seguire e commentare i tuoi articoli: non dimenticare il tuo punto di vista, i possibili sviluppi, le ipotesi.

Il tuo blog ormai è poco social

Errore decisivo. Spesso i blogger pensano che sia sufficiente pubblicare tanto e bene. Nel frattempo i lettori non commentano e tutto sembra precipitare.

Oggi è impossibile aumentare i commenti del blog senza il supporto dei social. Anzi, senza un’azione attiva sulle diverse piattaforme: devi lavorare bene su Facebook e Twitter. E devi partecipare alle discussioni per aumentare le interazioni sul blog.

Il mio consiglio. Usa i social per aumentare commenti. Monitora le conversazioni che avvengono in rete e portale sul tuo blog. Come? Semplicemente chiedendo.

Chiedi ai lettori di lasciare la propria opinione sul blog per dare la possibilità a tutti i lettori di arricchire la conversazione. Sempre con educazione e senza esagerare!

La natura dell’argomento limita

Non tutti i blog si prestano ai commenti. C’è poco da aggiungere. È un aspetto che riguarda la composizione del pubblico con poca familiarità con gli strumenti del web, o che non ha interesse a legarsi a un autore.

Ci sono argomenti che portano un lettore a commentare, a coinvolgersi in prima persona. E che permettono al lettore di saltare da un blog all’altro alla ricerca di informazioni in modo utilitaristico. Prendo quello che mi serve e me ne vado.

Perché i lettori non commentano il blog? Cerca di essere personale nella scrittura. Allontanati dai canoni dei tuoi competitor, cerca di creare qualcosa di unico.

Affronta l’argomento in modo alternativo, cambia prospettiva, crea delle rubriche periodiche, delle infografiche, dei fumetti. Insomma, fai qualcosa di diverso!

Il timore di sbagliare è forte

Un altro sentimento umano che può frenare i commenti può essere la paura di scrivere una stupidata. Prova a utilizzare un linguaggio più adatto alla tua audience: se scrivi ricette casalinghe è inutile che ogni volta utilizzi una terminologia da chef francese. Rischi solo di far scappare le massaie verso blog più amichevoli.

Ricorda, è il pubblico a scegliere

Scrivi due righe e tutti le commentano, ti spezzi la schiena sul monitor per buttare giù un post – capolavoro e nessuno se lo fila. Purtroppo (anzi, per fortuna) sono sempre i tuoi lettori che definiscono i cardini di un contenuto di qualità. Cerca di capire cosa attira la loro attenzione e sii pronto a cambiare strategia di scrittura.

Da leggere: come aumentare commenti su Facebook e Instagram

Perché nessuno commenta il blog?

Una domanda esistenziale: perché nessuno commenta? Perché nessuno lascia una traccia del proprio passaggio? L’articolo delinea uno scenario: adesso aspetto opinioni e idee per migliorare anche la situazione più difficile.

Riccardo Esposito
Sono un web writer freelance. Mi occupo di scrittura online dal 2009, mi sono specializzato nella stesura di piani editoriali per blog aziendali. Ho scritto 3 libri dedicati al mondo del blogging e della scrittura online.

25 COMMENTI

  1. Io aggiungerei: il post è troppo “perfetto” e quindi è difficile lasciare qualche commento di vera utilità!

    Personalmente io tendo a non commentare sui blog dove non è possibile essere informati automaticamente della presenza di nuovi commenti!

  2. Tra le cause del blogger 😛 inserirei anche: “sindrome da post definitivo”®.

    Ovvero: si impiegano tre giorni per confezionare l’articolo migliore che si sia mai visto sulla blogosfera per un determinato argomento, lo si rifinisce fin nei minimi dettagli e lo si rende il più esaustivo possibile. Ci si lavora fino all’esaurimento.

    E poi nessuno lo commenta perché non rimane nient’altro da dire 😀

  3. This is the author of the article, 25 Reasons Why People Don’t Comment On Your Blog. I’m planning to turn this topic into and e-book after having recieved over 250 comments on 2 blog posts for this topic. I’d be interested in your feedback and what you think too.

  4. Ringrazio tutti per i commenti, in particolar modo Francesco Gavello e Lolindir Faelivrin per i suggerimenti!

    Ovviamente siete invitati a continuare:

    Se riesco a racimolare un buon numero di consigli dai vostri commenti vorrei fare un update per domani!

  5. veramente un ottimo post, ti sei meritato un commento sei riustito a tenere quasi tutti i punti elencati nella miniguida…ma come ti hanno detto c’è anche il caso in cui non ci sia nulla da aggiungere dato il post perfetto

    unica cosa ad Hai poche visite, io aggiungerei anche la possibilità di farsi conoscere tramite i socialnetwork in grandi linee hai degli amici “virtuali” con i quali avrai sicuramente da condividere qualcosa quindi gli si può chidere cosa ne pensano, almeno io, non ci trovo nulla di male nel chiedere a qualcuno di commentare (sempre se abbiano qualcosa da dire). In questo modo si risolverebbe anche il problema Paura di esseri i primi.

  6. In effetti è vero, quando poi ti spacchi troppo la schiena per scrivere un post esauriente, togli lo spazio a chi vorrebbe aggiungere qualcosa, ma che ormai è già stato scritto. Lasciare aperto qualche spiraglio (volontariamente o meno) può essere una buona tattica!
    Comunque complimenti, gran bel post.

  7. Grazie Riccardo, proprio quello che cercavo…!
    Terrò presente questo post la prossima volta che scriverò un articolo sul mio blog!
    😉

  8. Bell’articolo. Il mio “problema” è che il mio blog è nato da meno di un mese. Sto molto tranquillo e sono ottimista.

  9. Che dire, ottimo il tuo post sull’argomento. A me capita di essere commentata quando do’ la mia opinione. Quando do informazione pura e semplice, non tanto. Parlo di musica e do’ la notizia sull’evento. luogo ora presentazione del gruppo etc.. Non c’è molto da commentare, o no? Che ne pensate?

    Altre volte, come quando è morto michael jackson ho avuto oltre 130 commenti..

    datemi un consiglio, perchè io vorrei interagire di più con i miei lettori, che so che ci sono, li vedo..

    • Vuoi un consiglio efficace? Premia i tuoi lettori più attivi come ho fatto io: crea un pagina friend e post che prendono spunto da mysocialweb.it/2009/11/07/perche-scrivere-un-blog-se-non-ci-guadagni-niente

  10. Ciao…scusate una domanda…io ho un sacco di visite alla pagina, ho provato a seguire i tuoi consigli ma niente, non commenta nessuno 🙁

    • Ciao!

      Purtroppo ottenere commenti sul blog non è una scienza esatta. Da quanto tempo segui i consigli? Sei sicura che glia rticoli siano diretti a un pubblico motivato? Fai promozione con i social?

      Ci sono tante variabili…

  11. Ciao Riccardo!
    E’ da tempo che seguo il tuo blog e ti ringrazio per tutti i consigli. Io personalmente odio quei blog dove per commentare è necessario registrarsi. Di solito questo mi porta a desistere dall’intenzione di commentare.

  12. Accidenti, io sono on line da più di un anno, le visite sono ancora modeste ma in crescita costante, purtroppo i commenti…. Arrivano con il lanternino! Ho provato i tuoi suggerimenti ma arrivano pochi commenti e soprattutto sono sporadici. Sarò mica noiosa o troppo esaustiva?

    • Ciao Elena,

      Questo è uno dei grandi problemi: perché nessuno commenta il mio blog? Ma ti faccio una domanda: tu commenti il blog dei tuoi colleghi con continuità?

  13. Caro Riccardo, in effetti hai toccato il tasto dolente: per molti mesi ho letteralmente ignorato i blog degli altri. Una trascuratezza che mi ha fatto perdere del tempo: Recentemente, grazie anche ai tuoi suggerimenti, sono più attenta ma non ancora costante. Grazie per questa sollecitazione, proverò e ti dirò . Buon anno intanto!

    • Grazie!

      La costanza è essenziale. Ragiona in questo modo: se vuoi qualcosa devi essere disposta prima a dare. Vuoi commenti? Dai commenti. Ho affrontato questo tema sul libro Etno Blogging.

  14. Bene Riccardo, l’ho appena acquistato! Tra l’altro ho conosciuto una nuova casa editrice, chissà che non serva anche a me (non sul blogging, però 😉
    Ciao buon tutto

  15. Io commento di rado, appartengo alla schiera di quelli che prima discutevano tanto in rete e poi con il passare del tempo ho perso questa abitudine mentre questo post mi stimola a tornare a fare quel che in gergo si chiama “comment marketing”. Ma , poi, in fondo uno delle attività migliori che si possano fare in rete è proprio quella di conversare e da questo punto di vista il proprio blog è solo uno dei luoghi per farlo.

    • Uno dei migliori però. D’altro canto ci vuole tempo per gestire i commenti, non sempre è facile. Soprattutto quando ce ne sono tanti.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here