Sembra lo slogan di una pubblicità per scarpe di bambini, eppure è vero che i piccoli passi portano a grandi risultati, soprattutto quando devi gestire un blog. Apri gli occhi e guarda in faccia la realtà.

blog

Difficilmente riuscirai a bruciare le tappe e diventare un grande blogger in pochi mesi, difficilmente le visite del tuo blog faranno invidia a quelle di Salvatore Aranzulla nell’arco di un semestre! Potrei continuare così per ore, ma non voglio avvilirti. Piuttosto preferisco parlarti di una prospettiva fatta di piccoli passi e risultati non fantascientifici da conquistare con passione e determinazione.

Il desiderio di migliorarti

Analizzi le statistiche e fai un confronto con i numeri di un anno solare: hai aumentato le visite di 100 utenti al giorno in media, ma non ti basta. Così provi a sfruttare i trend topic favorevoli, magari affrontando argomenti che si allontanano da quelli affrontati solitamente con il tuo blog.

Ma sai come funzionano queste cose: parli delle ricette mediterranee e ti ritrovi a raccontare l’ultima puntata dell’Isola dei Famosi solo perché è un argomento che può aumentare le visite.

Poi inizi a pubblicare qualche articolo in più, perché così fai leva su un maggior numero di contenuti e la gente ti segue con piacere. Non sempre questo è vero perché i tuoi articoli dovrebbero essere dei piccoli gioielli di riflessione e utilità pratica. Contenuti di qualità, ecco.

Non è sempre così, ma ti assicuro che più aumenti le pubblicazioni e minore sarà il tempo che potrai dedicare. Così maggiori saranno le probabilità di scrivere post di qualità bassa.

Morale della favola

Inizi a far qualcosa per aumentare le visite e ti ritrovi con dei risultati scadenti. Magari porti a casa qualche picco ma, tirando le somme, le visite che avevi in passato erano di gran lunga superiori, sia per qualità che per quantità. Questo è il mio modo di vedere il mondo del blogging.

È giusto cavalcare le occasioni che ti vengono offerte su un piatto d’argento, ma credo che la costanza nell’avanzare per piccoli passi (baby step direbbero gli appassionati di metodologia agile) sia una soluzione rispetto all’illusione di raggiungere un successo spropositato dall’oggi al domani.

Ipotesi che però rimane e deve essere colta al volo qualora si presentasse in forma reale.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here