Appena ho visto quei tweet ho pensato “ecco, un’altra mucca viola che diventa marrone…”

Probabilmente già conosci il succo del libro “La Mucca Viola” di Seth Godin, un testo che ti indica la strada per farti notare e fare fortuna. Attenzione, che indica la strada e non che ti dice come fare!

seth godin

Ci vuole coraggio per essere una mucca viola: è facile essere ottimi, molto più difficile è raggiungere lo status di straordinario. Ma nel tentativo di toccare questo traguardo si cercano sempre nuovi appigli, nuove soluzioni, nuove rampe di lancio.

E queste rampe di lancio, a volte, ti spediscono in un cespuglio di rovi piuttosto che sul gradino più alto. Basta dare uno sguardo a quello che è successo ieri con i tweet di @Prenotable @Brux_sport e @GroupaliaIT.

tweet terremoto

Grazie a paperella2punto0 e Cristina Simone per l’immagine. Un’immagine semplice nella sua drammaticità: si sfrutta il terremoto che ha colpito l’Emilia per attirare l’attenzione, confondersi con i tweet (occhio all’hashtag), gridare fuori dal coro, trasformarsi in una mucca viola… alla fine l’unico risultato raccolto è stato questo:

I danni di questo atteggiamento poco professionale? Difficile dirlo, ma io non voglio girare il coltello nella piaga. Piuttosto voglio far notare che essere una Mucca Viola non è sinonimo di aprire la bocca per dire la prima ***onzata che ti viene in testa.

Allora mi dirai: “ok, hanno sbagliato. Ma li vogliamo crocifiggere?” No, assolutamente, ma adesso basta darsi la zappa sui piedi 🙂

In tutto questo parlare e riportare tweet stavo dimenticando la cosa più importante: grande solidarietà con i ragazzi dell’Emilia e di tutte le zone colpite dal terremoto. Seguite gli sviluppi su Twitter (#terremoto) e retweettate informazioni utili!

2 COMMENTI

  1. Hai ragione, inconsciamente o no quei ‘grandi’ marchi hanno creato un tweet viola (per intenderci) ma nel modo sbagliato.

    Essere straordinari nel modo sbagliato significa beccarsi gli insulti…

    • Sante parole!

      Bisogna avere la sensibilità giusta quando si affrontano certi argomenti, non si scherza con le tragedie che hanno portato tanto dolore. Sembrano frasi scontate ma a quanto pare…

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here