I vantaggi di chi decide di partecipare agli eventi come relatore

Cosa significa per te partecipare agli eventi come relatore? È solo un modo per guadagnare e monetizzare o c'è un fattore di brand building da considerare? Ecco cosa penso.

Quando un professionista decide di partecipare agli eventi come relatore sta facendo un passo avanti per il suo brand (oltre a dare benefici alle finanze).

partecipare agli eventi come relatore
Il tuo brand deve uscire dal sito.

Questo è importante perché essere relatore è un aspetto fondamentale del web marketing. C’è bisogno di formazione fatta da chi il web lo vive ogni giorno. Ecco perché i professionisti sono chiamati sul palco o nelle aule per interventi specifici.

Oggi c’è grande attenzione alla formazione, il web si evolve con una velocità nuova e serve conoscenza. Questo è un aspetto che dovrebbe interessarti. Essere protagonista del mondo della formazione è importante per la tua professionalità.

Perché partecipare come relatore?

Quest’attività può portare diversi vantaggi, anche economici. Ma non solo. Comunicare la propria conoscenza è un’emozione indescrivibile, almeno dal mio punto di vista.

Essere al centro di una sala con un pubblico attento, pronto a cogliere la tua parola, è il massimo. Ma è un passo veramente necessario per un professionista del web?

Devi andare nell’arena per farti conoscere? Sì, per fare il salto di qualità devi andare in scena. Devi mostrare la tua figura, devi far ascoltare la tua voce.

Perché partecipare agli eventi come relatore?

Viviamo in un mondo digitale, siamo professionisti del web, ma due passaggi sono ancora importanti e ben piantati a terra: la pubblicazione di un libro cartaceo e la presenza in aula o in sala. Parlare in pubblico, negli eventi web marketing, è indispensabile.

Questo se vuoi raggiungere una platea superiore. La presenza fisica ti permette di entrare in contatto con persone interessate alla tua figura, alla tua professionalità.

Da leggere: 8 incubi della formazione in aula

La qualità dell’intervento è tutto

Parlando in pubblico puoi trovare nuovi clienti, ti fai notare da colleghi che potrebbero chiamarti per eventuali lavori. D’altro canto anche questo è inbound marketing, anche questo è farti trovare nel momento in cui le persone hanno bisogno di te.

partecipa come relatore
C’è grande attesa per il tuo intervento.

Per questo devi proporre contenuti di qualità. Anche se si tratta di un evento gratuito, non è importante: devi ottimizzare. Non puoi essere superficiale, non puoi essere scontato e devi dare sempre qualcosa in più. Le persone devono salutare il tuo intervento con entusiasmo e alzarsi dalla sedia portando qualcosa di nuovo a casa.

Questo diventa impossibile se prepari il tuo intervento senza conoscere il target. Non puoi fare speech se non conosci il pubblico. Un discorso che vale se devi ottimizzare un articolo in ottica SEO, ma anche quando confezioni il contenuto offline.

Partecipare agli eventi come oratore

Hai un buon contenuto da proporre, hai creato una presentazione efficace. Ma la presenza scenica? La voce? Il timbro? Dal vivo devi considerare la capacità di mantenere l’attenzione del pubblico, di intrattenere e interessare. Devi catturare e appassionare gli animi. Insomma, è difficile. Devi fare tanta pratica.

Il mio consiglio è semplice: se vuoi diventare un formatore devi cogliere ogni occasione (anche quelle gratuite, a fatturato 0) per parlare in pubblico. In qualsiasi situazione devi esercitarti e devi superare quello che sono i tuoi problemi, i tuoi limiti.

Parlare in pubblico non è semplice

Devi specializzarti in un determinato settore e devi superare la paura atavica di essere solo contro tutti. Non è facile, spesso vieni rapito dall’ansia e dall’imbarazzo. Ma il modo migliore per superare questo passaggio è riflettere.

Le persone sono lì per ascoltare, hanno pagato e viaggiato per raggiungere quella sala. Hanno investito tempo e denaro, quindi devi essere felice di avere una platea così ampia al tuo cospetto. Non è facile, per questo devi iniziare con piccoli eventi. Almeno per superare la grande e imbarazzante paura di parlare in pubblico.

Essere relatore non è per tutti

Un professionista non è per forza un divulgatore, un animale da palco o una persona adatta per fare formazione. Ci sono tanti motivi per partecipare agli eventi come relatore, ma uno solo per evitare questo passaggio: non è nelle tue corde.

partecipare agli eventi come relatore
Sei pronto a partecipare agli eventi?

Non lo sai fare, non fa per te, non è la tua professione. Ma non è un problema, ci sono mille modi per risolvere questa mancanza. Però è un dato di fatto.

Ci sono persone in grado di tenere il palco, e che magari sono brave anche nella formazione in aula. Altre che sono in grado di dare il massimo in quest’ultima soluzione. Altre che non vogliono e non devono lasciare la sedia del pubblico.

Severo ma giusto, lo so. Ma è questo il punto: partecipare agli eventi come relatore è un passaggio utile, ti aiuta. Ma non è semplice, rischi di fare danni e di mettere in ombra il tuo brand. Prima di dare per scontato tutto questo, però, devi provare.

Devi metterti in gioco. Mai mollare prima di aver scoperto le tue abilità. Magari nascondi un talento inaspettato e ti riscopri grande oratore.

Da leggere: cosa studiare per lavorare nel web marketing

Partecipare agli eventi come relatore?

Ora lascio a te la parola: come è cambiata la tua vita dopo aver accettato questo ruolo? Sei stato relatore? Hai avuto questa possibilità? Il mondo del public speaking è complesso, ricco di insidie. Non tutti possono seguire questa strada, ma è giusto provare: sei d’accordo? Lascia la tua esperienza nei commenti.

3 COMMENTI

  1. Ciao Riccardo,
    quando faccio formazione mi rendo conto quanto sia complicato far arrivare un messaggio, sviluppare un messaggio con le slide ed accompagnare la spiegazione. Non oso immaginare la responsabilità quando si ha una platea. Ultimamente penso spesso di fare questo salto, allo stesso tempo, mi dico: aspetto, devo ancora maturare. Prima o poi ci riuscirò!

    A presto!

    Marina

    • Però non aspettare troppo: non sarai mai veramente pronta al 100%. In realtà nessuno è pronto, neanche dopo 20 eventi. C’è sempre quell’imprevedibilità che rischia di mandare tutto all’aria.

  2. Ciao Riccardo.
    Ovviamente quanto scritto si applica a qualunque settore non solo quello del Web Marketing. Esperienza che consiglio ma senza prima una buona pianificazione.

RISPONDI AL COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here